ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
22 ore

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
1 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
3 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
3 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
4 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
5 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
6 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
18.01.2018 - 06:40

La primavera di Manno

Una rondine non fa primavera.

di Matteo Caratti
la-primavera-di-manno

Una rondine non fa primavera. Ma qui di rondini ce n’è quasi uno stormo a giudicare dai posti di lavoro di alto livello – un centinaio di ingegneri in informatica entro fine 2019, una ventina entro fine anno – che verranno creati alle porte di Lugano.

Motore della grande novità è la scelta, firmata Ubs, di puntare su un nuovo proprio polo tecnologico a Manno (oltre a quelli di Bienne e Sciaffusa).

Ma cosa ha determinato la decisione di investire (e investire forte) nel nostro cantone? L’elemento cardine, attorno al quale ruota il progetto, è il livello d’avanguardia delle competenze informatiche raggiunte dall’Istituto sull’intelligenza artificiale Dalle Molle.

Un istituto sconosciuto ai più. Tanto che più di un lettore si sarà chiesto: ma di che cosa si occupa questo Istituto, affiliato a Usi e Supsi? Ve lo spieghiamo: di attività di ricerca, concentrate sull’apprendimento automatico, di intelligenza artificiale e di tanto altro, il tutto in stretto contatto con il mondo reale, come potete leggere alle pagine 2 e 3.

Arabo, dirà qualcuno. Sì, certo arabo, ma una lingua tecnologica che è già quella dell’oggi (visto che già ne sfruttiamo i benefici) e sarà ancor più la lingua di domani. In particolare per l’economia e la finanza, che da tempo si chiedono come conoscere meglio clienti/portafogli e mercati, e come introdurre un trait-d’union coi consulenti… robot. Parliamo di uno dei passi fondamentali e strategici (accanto a tanti altri, ben inteso) che l’istituto di credito è intenzionato a compiere nella nuova era del ‘FinTech’, se vuole rimanere ancorato sul mercato, a maggior ragione quando la banca gioca a livello globale.

Il passo compiuto è anche motivo di onore per la Svizzera italiana – anche se è evidente che Sergio Ermotti ha sangue ticinese/luganese – perché attesta che qui ci sono istituti di alto profilo (come il Dalle Molle appunto), già operanti da tempo e in grado di fare la differenza nel calamitare posti di lavoro qualificatissimi, quando un’azienda mondiale deve decidere.

Sempre in questo senso è anche da sottolineare il ruolo che ha giocato il Dfe di Christian Vitta, che da anni sta intessendo riflessioni (e relazioni) attorno al suo ‘Tavolo di lavoro sull’economia ticinese’. Di fronte a un simile risultato, le tavole rotonde (a volte bombardate da brutte notizie, leggasi licenziamenti) su concetti quali il ‘Ticino imprenditoriale’, il ‘Ticino competitivo’, il ‘Ticino interconnesso’, il ‘Ticino digitale’, oltre che al ‘Ticino sostenibile’, si trasformano così in realtà molto concrete. Realtà che alla fin fine interessano a chi qui vive, che magari non si è accorto che esistono delle eccellenze (Usi, Supsi, Dalle Molle), ma che è comunque in grado di capire che riuscire finalmente ad attirare tanti pregiati posti di lavoro – dopo la mannaia caduta gli ultimi anni sulla Piazza finanziaria, cancellando anche blasonate banche – è un ottimo segnale.

Posti di lavoro di alto livello che avranno ricadute, non solo perché la banca ha detto di voler assumere informatici ponendo attenzione al mercato locale, e perché (comunque sia) quelle persone qui da noi consumeranno e pagheranno le tasse. Ma soprattutto perché – è noto – che se in un settore di punta e aperto al futuro, come quello della ricerca sull’intelligenza artificiale e i big data, inizia un processo virtuoso di ricerca e applicazione pratica, ci sono buone possibilità che continui e contagi/attragga anche altri interessati.

Sì, è primavera.

© Regiopress, All rights reserved