laRegione
Nuovo abbonamento
© Ti-Press / Benedetto Galli
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
9 ore
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
18 ore
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
1 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
1 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
2 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
3 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
4 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
6 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
1 sett
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
1 sett
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
10.11.2017 - 09:050
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Difesa aerea, due grossi nodi

Nel maggio del 2014 il 53,4% dei votanti respinse l’acquisto di 22 aerei da combattimento Gripen per 3,126 miliardi di franchi. Secondo l’analisi Vox, un terzo di coloro che votarono ‘no’ lo fece perché riteneva che i costi fossero troppo elevati o che il denaro potesse essere utilizzato meglio. Può dunque sorprendere che, a poco più di tre anni dalla batosta rimediata dall’allora ‘ministro’ della Difesa Ueli Maurer, il suo successore alla testa del Ddps Guy Parmelin e i suoi colleghi di governo tornino alla carica con un progetto che costa quasi tre volte tanto. E che doperà il budget dell’esercito.
In realtà, dallo schianto alle urne del jet svedese il contesto è cambiato; e il Consiglio federale tutto sommato si muove con circospezione. Oggi non si tratta più di sostituire soltanto la cinquantina di vetusti F-5 Tiger, come tre anni fa, ma l’insieme della flotta aerea (i 30 F/A-18 e gli F-5 Tiger) e pure i sistemi della difesa terra-aria, che giungeranno al termine della loro durata di utilizzo tra il 2025 e il 2030. Non finisce qui: oltre agli 8 miliardi destinati al completo rinnovo dei mezzi per la protezione dello spazio aereo, nel decennio 2023-2032 ne serviranno altri 7-8 per sostituire i sistemi d’arma principali delle truppe di terra, anch’essi obsoleti. Tutto o quasi giunge a scadenza simultaneamente. Una situazione «non ideale», anzi «regrettable» (spiacevole, o deplorevole), ha affermato Parmelin. Per il quale in gioco non vi è ‘semplicemente’ il futuro delle Forze aeree, bensì «né più né meno l’avvenire dell’esercito».

Date le circostanze, il Consiglio federale ha dato prova di prudenza. Ha concesso un miliardo in meno di quanto il capo del Ddps – stando a varie fonti di stampa – si apprestava a chiedere due mesi fa. E si è limitato a fissare un tetto di spesa corrispondente a una delle opzioni meno ambiziose (30 aerei più un sistema di difesa terra-aria di grossa portata) fra le quattro indicate in maggio dagli esperti incaricati di definire una visione d’assieme della difesa aerea dopo il fiasco dei Gripen. Il governo ha così lasciato aperte numerose questioni: quale aereo verrà scelto? Quanti velivoli serviranno? Quanti degli 8 miliardi previsti saranno loro destinati? Quanti saranno invece investiti nell’acquisto di missili terra-aria?

Ma sarà soprattutto attorno a due nodi che si cristallizzerà il dibattito. Il primo è la ‘referendabilità’ del progetto. Vista la sua portata e il precedente dei Gripen, difficilmente si eviterà un’altra votazione popolare. Tra i partiti nessuno si oppone al principio di una soluzione soggetta a referendum facoltativo. Ma il gruppo d’esperti istituito dal Ddps propendeva per un finanziamento nel quadro del budget ordinario dell’esercito, che lo escluderebbe. E il Consiglio federale ha chiesto al Dipartimento della difesa di approfondire le diverse opzioni. Ne sapremo di più a febbraio. Resterà in ogni caso aperta l’opzione iniziativa popolare: una via più ardua (100mila firme, doppia maggioranza) e già fallita nel 1993 (acquisto degli F/A-18).

Sono però i costi la questione più delicata. Il Parlamento già ha alzato il budget dell’esercito a 5 miliardi annui. E ora il Consiglio federale si appresta a sfornare “il più caro progetto d’armamento della storia” (‘Tages-Anzeiger’), destinato a far lievitare le spese delle forze armate a 5,9 miliardi in termini reali entro il 2032. A cosa serviranno esattamente i 7-8 miliardi che il governo intende consacrare nel prossimo decennio alle truppe di terra? Quali le priorità da stabilire? Quali settori, dentro e fuori le forze armate, saranno costretti a cedere (nuovamente) il passo di fronte agli appetiti di un Ddps che, in quanto a capacità progettuale e di spendere i crediti accordati, non gode certo di grande credibilità?

© Regiopress, All rights reserved