laRegione
trincea-socialista-sulla-leadership
Francesca Agosta
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
1 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
1 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
2 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
24.10.2017 - 08:300
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Trincea socialista sulla leadership

Un confronto aperto e trasparente, ma non per questo meno “franco” (tradotto dal politichese, duro), che gira attorno alla leadership. È quanto sta capitando all’intero del Partito socialista, sezione Ticino, con il dibattito interno sulla riforma fiscale e sociale presentata recentemente dal Consiglio di Stato. Il Comitato cantonale del partito la scorsa settimana ha deciso di bocciare l’intero pacchetto – con 31 voti contro 21 – sostenuto invece dalla maggioranza del Gruppo parlamentare (che si è sentito così sconfessato) e da Manuele Bertoli, consigliere di Stato socialista.

Da una parte dunque i “riformisti” impegnati nelle istituzioni cantonali e proprio per questo alla ricerca del compromesso (in un governo e in un parlamento dove la coabitazione forzata nelle maggioranze impone una continuo braccio di ferro), e dall’altra i “movimentisti” o se vogliamo tutti coloro che oggi temono di perdere l’identità e anche il proprio patrimonio ideale, patteggiando col “nemico”, a fine di bene finché si vuole, ma finendo in una notte di buio e nebbia dove, per chi sta fuori (gli elettori), tutti i gatti sono neri. La sinistra al potere ha perso ovunque e continua a perdere – sostengono i “massimalisti” (oggi non è più una bestemmia…) – e dunque è bene tornare nel bosco, giusto per usare una metafora di Pierluigi Bersani, già segretario del Pd italiano e oggi, guarda caso, alla sua sinistra. Fuori dagli “intrighi” di Palazzo, ritornello che tanto piace a chi, appunto, sta all’opposizione. Ma così facendo, cari compagni, perdiamo anche quel poco che si riuscirebbe a guadagnare per le fasce più bisognose, ribadiscono gli altri, i pragmatici.

Il “franco confronto”, a sinistra, non è cosa nuova. Ed è un bene perché arreca ossigeno alla politica, al di là di come la si pensi. In casa del Ps covava da tempo, da quando è stato eletto alla presidenza Igor Righini grazie a una maggioranza che non ha mai gradito le aperture “liberali” della precedente gestione (un esempio su tutti, la tentata candidatura dell’ex liberale radicale Jacques Ducry al Consiglio degli Stati). Righini, sin dal primo giorno, ha detto chiaramente di guardare al fronte rossoverde. Punto. Che in Gran Consiglio conta poco di più del Ps. Date le premesse, la deflagrazione del confitto fra eletti nelle istituzioni cantonali e vertice del partito era solo questione di tempo, puntualmente scoppiata.

Ora c’è chi come Raoul Ghisletta, deputato favorevole alla riforma Vitta-Beltraminelli, invoca statuto alla mano il referendum interno sulla decisione del Comitato cantonale. Per quanto ne sappiamo sarebbe una prima, tramite la quale si chiederebbe un parere agli iscritti senza passare dal Congresso (o magari da una Conferenza cantonale) dove solitamente in casa socialista si “celebra” il cambiamento di linea, di strategia politica. Col voto referendario si promuove – per quanto prevista – una prassi poco marxista e molto liberale, che esalta il giudizio del singolo senza mediazione di sorta. O quasi. Con il rischio di sconfessare pesantemente o il presidente del partito o il consigliere di Stato; comunque vada, un taglio netto fra le due aree. Sancito da tutti gli iscritti e dunque quasi irreversibile. Con tanti saluti alla dialettica e alle diversità, ricchezze rilanciate peraltro dallo stesso Righini anche settimana scorsa. In compenso ci guadagnerebbe la chiarezza. Una delle tante, nella lunga storia del partito. Poi, magari, potrebbe essere più difficile gestire la vittoria che non la sconfitta, a pochi mesi dall’allestimento delle liste per le elezioni cantonali.

© Regiopress, All rights reserved