laRegione
Nuovo abbonamento
Francesca Agosta
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
1 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
3 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
4 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
5 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
5 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
6 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
6 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
1 sett
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
Commento
12.10.2017 - 08:550
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Salari e abusi alla prova del nove

Il Dfe e il suo direttore lo sanno e si stanno preparando al prossimo vero impegno di questa legislatura: il salario minimo e la lotta agli abusi nel mondo del lavoro. La ‘madre di tutte le battaglie’ che trasversalmente muove la destra populista come la sinistra, entrambe attente al disagio sociale dato da una struttura economica fragile e, al contempo, da accordi internazionali che tanto bene fanno alla Svizzera e tanto smarrimento generano nelle regioni di frontiera, Ticino in testa. Il Dfe lo sa, si diceva, e si sta preparando a svolgere quella funzione che più volte lo Stato ha guardato bene di assumersi (non solo a livello cantonale): mediatore di conflitti. Varato ieri il secondo pacchetto per estendere l’occupazione residente e combattere gli abusi, Vitta ha altresì annunciato che vi è la volontà di potenziare l’Ufficio cantonale della conciliazione, da lui presieduto, così da poter meglio intervenire là dove si creeranno conflitti fra i partner sociali. Senza interferire, ha aggiunto, nei compiti che non spettano allo Stato, come la contrattazione salariale fra le parti, ad esempio.

Si parlava di misure per il mondo del lavoro e si stava pensando al probabile scenario dei prossimi mesi, quando il salario minimo approvato dal popolo ticinese dovrebbe tramutarsi in legge di applicazione, con tutto quello che segue. E si pensava anche all’altra legge di applicazione di un principio costituzionale, questa volta federale, approvato contro l’immigrazione di massa e che in Ticino cozza inesorabilmente con “Prima i nostri”, terza iniziativa popolare varata dal popolo e presto – tramite vari atti parlamentari – in Gran Consiglio dove il Paese tornerà a dividersi.

Vitta sa che le forche caudine lo attendono soprattutto col salario minimo, che se troverà un punto d’intesa almeno in Consiglio di Stato (con un tetto minimo attorno ai 3’000?), certo vivrà giorni difficili prima in parlamento e poi fra i cittadini molto probabilmente nuovamente chiamati a firmare (questa volta un referendum) per tornare alle urne. Perché sul “tetto” non c’è l’intesa e le parti sono parecchio distanti. Sinistra e sindacati non sono disposti a scendere sotto i 3’500/3’700 franchi mensili, mentre le associazioni padronali restano sulla proposta di 2’700 franchi. Un baratro divide le forze in campo e c’è il rischio che si riproponga tutto nel Paese. Fondamentale dunque a quel punto il ruolo del governo che, come promette Vitta, saprà vestire i panni dell’arbitro così da impedire il peggio, ovvero la paralisi.

Salari e abusi nel mondo del lavoro sono nodi da sciogliere in tempi relativamente brevi, perché troppo si è atteso e troppo si è illuso. Oggi, dopo anni spesi a rincorrere la luna, ci sono gli strumenti. Occorre dunque un po’ di coraggio e di saggezza, da tutte le parti in causa. Il salario minimo, ad esempio, è un punto di partenza e non certo d’arrivo. Detta altrimenti, non si può delegare allo Stato la forza contrattuale che i salariati non riescono ad avere ; o la trovano, o saranno sempre perdenti. Dall’altra parte sarebbe bene comprendere che un sistema neoliberista senza freni e senza opportuni lacci, a medio termine danneggia tutti. Ma proprio tutti. Per contro, va detto, mai come in questo periodo in Ticino e in Svizzera si è concentrata l’attenzione sul mondo del lavoro e le relative “contraddizioni”. Certo, è solo il primo passo, ma ogni viaggio prevede tappe rapide e altre di compromesso con le proprie forze. Ciò che conta nel viaggio, a ben vedere, è trovare la strada.

© Regiopress, All rights reserved