laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
20 ore
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
1 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
2 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
2 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
3 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
3 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
4 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
5 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
Commento
24.06.2017 - 08:350
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Il nostro ‘cuore’ per curare il globo

C’è Domaske che ha inventato i vestiti fatti di latte per aiutare il papà malato di leucemia. C’è Ladislav che ha convertito la sua azienda per creare un’auto che si guida da una sedia a rotelle. C’è Michael che ha trasformato una vacanza in Grecia in un aiuto pluriennale ai migranti abbandonati a loro stessi. C’è Evguenia che ricalca con tatuaggi i segni delle percosse subite da compagne, figlie e mogli.
Basta una persona e un’idea per cambiare in meglio un pezzetto di mondo. E basta scoprire questa persona per avere una storia incredibile da raccontare, in grado di ispirare altri a fare lo stesso.

È questa l’essenza del progetto ‘Impact Journalism Day’ che oggi presentiamo in concomitanza (e in ‘combutta’) con altre 50 testate leader di tutto il mondo. Lo stimolo è venuto dalla Francia – per quanto ci riguarda nel 2013 – dopo la prima edizione del progetto. Siamo stati coinvolti da Sparknews e dal suo fondatore Christian De Boisredon, per rappresentare tutta la Svizzera italofona. L’idea ci è piaciuta nella sua essenza ed essenziale semplicità; così negli ultimi tre anni abbiamo pubblicato decine di storie di persone e aziende che hanno cambiato il mondo o lo stanno facendo. Lo facciamo per la quarta volta oggi perché siamo tutt’ora convinti che tra eventi tragici e cronaca nera ci sia spazio per presentare anche storie belle e capaci di ispirare. Non si tratta di fare i buonisti o di abdicare al ruolo di giornali (ovvero mettere in evidenza i problemi, raccontare la realtà e tenere d’occhio il potere), ma di ricordarci che nel panorama della vita quotidiana esiste anche chi si batte, con successo, per far cambiare le cose. E che anche questo è degno di essere raccontato.

Oggi, dopo un processo durato diversi mesi, assieme a tutti i partecipanti all’iniziativa pubblichiamo un supplemento speciale presentando alcune delle storie raccolte dagli altri giornali. Grazie al coinvolgimento internazionale costruito in anni di duro lavoro da Christian De Boisredon e dal team di Sparknews, possiamo proporvi articoli da tutto il mondo. E così possono fare le altre 50 testate partecipanti, garantendo ai progetti oggetto dei pezzi un pubblico potenziale di 120 milioni di persone. La speranza è che tra loro – tra di voi – ci sia anche chi, oltre a un ottimo spunto di lettura, possa trarre dagli articoli idee per soluzioni simili da proporre in altre parti del mondo. Perché lo scopo dell’Impact Journalism Day è anche questo: accendere una scintilla in altre menti, in altri luoghi, per contribuire a ‘guarire’ il mondo.

Il nostro inserto lo trovate nel cuore del primo quaderno del giornale. Abbiamo selezionato per voi 12 storie che troviamo particolarmente significative e ispiranti: dai vestiti fatti di latte alle magliette che vengono riciclate come biocarburante, dall’inchiostro ricavato dalle particelle ultrasottili delle auto al gatto che ti insegna a risparmiare energia. Altri articoli li trovate sul nostro sito (www.laregione.ch/ijd) oppure direttamente sul sito dell’iniziativa (www.impactjournalismday.com). Durante l’anno, poi, continueremo a pubblicare in maniera periodica altre di queste storie, rinnovando così il nostro impegno per tentare di cambiare il mondo.

© Regiopress, All rights reserved