laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
1 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
1 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
2 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
2 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
3 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
4 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
5 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
1 sett
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
1 sett
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
27.06.2015 - 11:000
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:09

Per Carla Speziali l’ora del commiato

Dalla grande cultura di Diego Scacchi agli impulsi di Marco Balerna per la collaborazione regionale ed alla tenacia e lungimiranza di Carla Speziali: gli ultimi tre sindaci liberali-radicali di Locarno accomunati da una prematura uscita di scena, per diversi motivi, quando avrebbero potuto dare ancora il loro contributo – grazie alla preziosa esperienza ormai acquisita – ai vertici dell’amministrazione comunale. Governare non è facile e a Locarno forse lo è ancora meno. Il rammarico in un’ampia fascia della popolazione per la decisione di Speziali di lasciare anticipatamente  Palazzo Marcacci è stato testimoniato dalle lacrime che qualcuno, presente in Piazza Grande nella mattinata di Capodanno, ha versato dopo la confidenza-shock di non voler più ricandidarsi. Una decisione sofferta e maturata nella seconda metà dell’anno scorso – caratterizzata anche da una prolungata assenza per motivi di salute dall’attività dell’esecutivo cittadino – annunciata fra la sorpresa generale e infine confermata due mesi fa, mentre il principale progetto per il quale si è prodigata – e che ha portato avanti per parecchi anni, superando molteplici ostacoli – ha potuto entrare finalmente nella fase realizzativa. La Casa del Pardo è l’opera che resterà indissolubilmente legata all’operato della “Carlina”, che pur si è impegnata anche in vari altri ambiti: a cominciare dal risanamento finanziario delle casse cittadine avviato nel primo quadriennio da municipale e che ha poi consentito un duplice abbassamento delle imposte. Sino al 2000, malgrado l’esempio del papà Carlo, era rimasta lontana dalla politica. Poi, ecco l’entrata nell’esecutivo e lo sbocciare di quella passione per l’amministrazione cittadina, manifestata all’insegna non solo del sorriso e della disponibilità, ma pure del carattere e del “polso”. Prima donna a essere eletta sindaco di una città ticinese nel 2004, ha governato anche in un esecutivo a maggioranza femminile: una rarità fra i centri elvetici. Lo Swiss Award conquistato nel 2006 quale miglior politica in Svizzera, le ha dato entusiasmo e popolarità per puntare alla concretizzazione di importanti progetti tendenti ad accrescere la qualità di vita e valorizzare gli “atout” di Locarno e della regione in generale. Durante il suo sindacato è stata avviata la riqualifica dello spazio pubblico (pensiamo alla pedonalizzazione di Piazza Grande e alle varie moderazioni del traffico); vi sono stati l’inaugurazione del Centro balneare regionale; il rilancio e l’ampliamento del Parco delle Camelie e l’affermazione di grandi eventi come Moon & Stars, Locarno on Ice e la Notte Bianca. In questi ultimi anni spiccano il potenziamento della Polizia comunale; la sistemazione di Palazzo Marcacci e di viale Respini, nonché la realizzazione in corso del nuovo Centro tecnico e logistico alla Morettina. Sull’altro piatto della bilancia pesano principalmente la bocciatura del progetto aggregativo di sponda sinistra – su cui Speziali puntava molto per costituire quella “grande Locarno” in grado di riequilibrare, con l’unione del Bellinzonese, l’assetto cantonale – e quest’ultimo triennio horribilis – di Appaltopoli e varie polemiche interne ed esterne – benché sostanzialmente positivo a livello di opere e progetti.
Ora è il momento del commiato. Speziali, che resterà comunque ai vertici della PalaCinema Sa, continuerà ad impegnarsi per quel polo dell’audiovisivo su cui ha puntato con determinazione. Salvo sorprese, a Palazzo Marcacci il testimone, all’insegna della continuità, è destinato a passare a fine luglio ad Alain Scherrer, mentre nell’esecutivo mercoledì prossimo subentrerà Niccolò Salvioni. Poi, per tutti gli aspiranti alla poltrona di sindaco, appuntamento ad aprile.

© Regiopress, All rights reserved