julius-bar-annovera-tra-i-suoi-clienti-persone-sanzionate
Keystone
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
1 gior

Wall Street chiude il peggior semestre da 50 anni a questa parte

Una brutta notizia per il presidente Usa Biden, che si muove fra lo spettro di una recessione e quello di un’inflazione record
Economia
2 gior

Per la Bns 5,74 miliardi di franchi in valuta estera

È l’ammontare dei riacquisti operati dalla Banca nazionale svizzera nel primo trimestre dell’anno
Economia
2 gior

Prospettive fosche per l’economia svizzera

Lo indica l’Istituto di ricerche congiunturali (Kof) del Politecnico di Zurigo. Difficoltà in particolare per le esportazioni e la produzione industriale.
Economia
2 gior

Commercio al dettaglio, vendite stabili in maggio

Rispetto all’anno scorso, tenendo conto di rincaro e giorni lavorativi, in termini reali il giro d’affari è diminuito dell’1,6%
Economia
6 gior

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’
Economia
6 gior

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
1 sett

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
1 sett

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
2 sett

Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs

L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
2 sett

Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali

Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
21.03.2022 - 10:44
Aggiornamento: 14:53
Ats, a cura de laRegione

Julius Bär annovera tra i suoi clienti persone sanzionate

Tuttavia, la banca afferma che la sua esposizione alla Russia non è significativa

Il gestore patrimoniale Julius Bär ha rapporti d’affari con persone colpite dalle sanzioni imposte dai Paesi occidentali e dai loro alleati dopo l’invasione dell’Ucraina. Tuttavia, la banca dice che la sua esposizione alla Russia non è significativa.

La banca di Zurigo ha un impegno di credito con pochi clienti – meno di dieci – colpiti dalle sanzioni. Si tratterebbe di prestiti ipotecari a basso rischio per immobili residenziali in Europa occidentale, ha detto la banca oggi, senza tuttavia fornire ulteriori dettagli, in particolare sulla nazionalità di queste persone. Il gruppo menziona anche i crediti lombard interamente garantiti da liquidità, un impegno presentato come "marginale" nella dichiarazione.

Julius Bär ha anche detto di aver ridotto a zero la sua esposizione agli asset russi a febbraio, compresi quelli scambiati fuori dalla Russia.

La banca ha ridotto le sue attività in Russia

A fine dicembre 2021 il valore netto d’inventario della filiale di consulenza russa Julius Bär Cis, con sede a Mosca, ammontava a 0,4 milioni di franchi. La banca ha ridotto le sue attività nel Paese, pur garantendo la sicurezza dei suoi dipendenti, ha detto il comunicato.

Julius Bär assicura di star rispettando tutte le leggi e i regolamenti applicabili, comprese le sanzioni internazionali. Dallo scoppio della guerra non ha intrapreso nessuna nuova relazione d’affari con clienti residenti in Russia.

Il congelamento dei beni e delle "risorse economiche" è una delle principali misure che le banche in Svizzera devono applicare alle persone colpite da sanzioni internazionali. Sul suo sito web, la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) menziona anche un divieto di nuovi prestiti.

Più in generale, gli istituti finanziari in Svizzera devono rifiutare qualsiasi nuovo deposito superiore a 100mila franchi da cittadini russi e da persone fisiche o giuridiche con sede in Russia. I depositi esistenti che superano questa somma devono essere notificati alle autorità competenti.

Cambio ai vertici

Lo scoppio della guerra ha già portato a una partenza all’interno di Julius Bär. Evgeni Smuschkovich, capo dell’Europa centrale e orientale, ha deciso di lasciare il gruppo di Zurigo per "proteggere la banca", ha riportato l’istituto in un comunicato separato, senza fornire ulteriori dettagli.

Stando al portale Inside Paradeplatz, che ha divulgato ieri la notizia, l’uscita di scena del manager sarebbe legata al fatto che la moglie dell’uomo è figlia dell’oligarca bielorusso Mikalai Varabei, nel mirino di sanzioni per i suoi rapporti con il presidente Alexander Lukashenko, alleato di Putin.

Donazione alla Croce Rossa

La banca ha accettato di donare due milioni di franchi alla Croce Rossa svizzera per il suo lavoro in Moldavia e Polonia e al Consiglio svizzero per i rifugiati. Altri 450mila franchi sono stati donati alla Croce Rossa svizzera attraverso la Fondazione Julius Bär.

In un commento, la Zürcher Kantonalbank ha sottolineato che l’esposizione di Julius Bär alla Russia non rappresenta un rischio particolare per la banca, che potrebbe essere più colpita dalle turbolenze sui mercati finanziari causate dal conflitto in Ucraina e dai suoi effetti sull’economia globale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca julius bär russia russiaucraina sanzioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved