anche-una-vecchia-utilitaria-puo-diventare-elettrica
Keystone
Dalla pompa, alla spina
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
2 gior

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’
Economia
2 gior

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
1 sett

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
1 sett

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
1 sett

Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs

L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
1 sett

Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali

Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
Economia
1 sett

Competitività economica, la Danimarca fa meglio

La Svizzera perde il primato in classifica: ora è seconda in un podio completato da Singapore. Italia 41esima
Economia
1 sett

Accordi di libero scambio, risparmi per 2,3 miliardi in dazi

È quanto economizzato dalle imprese elvetiche nel 2020 per le loro importazioni (per un totale di 214,26 miliardi) in Svizzera
Economia
1 sett

Prezzi alla produzione e all’importazione sempre in crescita

Oltre ai prodotti petroliferi, più cari carne e legno. In controtendenza il settore farmaceutico e i computer
Economia
1 sett

Ripresa economica più lenta, ma costante

Nel primo trimestre Pil è cresciuto oltre le aspettative, ma gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero incidere oltre il previsto
Economia
2 sett

‘Choc elettrico’ per Axpo: raddoppia il fatturato

L’impennata dei prezzi fa decollare i ricavi del gruppo: 6,0 miliardi nel primo semestre dell’esercizio 2021/22 anziché i 2,9 previsti
Economia
2 sett

Mille posti di lavoro in più in Irlanda grazie a TikTok

L’Isola di smeraldo si conferma un importante hub per l’Europa del social network: la forza lavoro sull’isola passerà a 3’000 unità
borse
2 sett

L’inflazione Usa vola ai massimi, i mercati affondano

Tonfo a Wall Street: solo nell’Ue bruciati 265 miliardi. La Borsa svizzera chiude in calo del 2,10%
laR
 
11.03.2022 - 20:58
Aggiornamento: 12.03.2022 - 11:04

Anche una vecchia utilitaria può diventare elettrica

Una mozione al Consiglio federale chiede di agevolare l’omologazione tecnica di auto trasformate

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

In Italia e in Francia sono realtà da un paio di anni. Una mozione del consigliere nazionale del Ps Bruno Storni chiede che anche in Svizzera vengano introdotti degli incentivi normativi per il cosiddetto retrofit elettrico – così si chiama il travaso tecnologico con una motorizzazione elettrica in un mezzo vintage – delle auto a motore a combustione. In Italia dall’agosto 2020 l’incentivo pubblico è pari al 60% dei costi di conversione, ma al massimo 3’500 euro (circa 3’600 franchi). In Francia la soglia dei sussidi si alza fino a 5mila euro (oltre 5mila franchi). Storni non chiede aiuti finanziari pubblici, ma l’eliminazione di ostacoli giuridici all’omologazione di mezzi trasformati.

«Le basi legali e alcune normative attualmente in vigore rendono praticamente irrealizzabile dal punto di vista economico in Svizzera la conversione della motorizzazione di veicoli stradali, in particolare automobili, da endotermica a elettrica», spiega Bruno Storni nella mozione presentata negli scorsi giorni. Il problema è dato da «normative ridondanti e severe che comportano costi talmente elevati da rendere praticamente non conveniente l’operazione».

Su alcuni siti italiani specializzati in mobilità elettrica, si stimano i costi di conversione tra i 5mila e i 7mila euro. Questa cifra non tiene però conto della batteria, vero Tallone di Achille che – a seconda della potenza – parte dai 5mila euro in su. In pratica per una batteria (10 kWh) adatta a una piccola utilitaria con un’autonomia di 50 chilometri bisogna mettere in conto altri 5mila euro. Man mano che sale l’autonomia della batteria, sale il costo: per 100 chilometri (20 kWh) bisogna prevedere ulteriori 10mila euro. In pratica ogni ulteriore chilometro di autonomia costa 100 euro.

«Eppure nell’ottica della politica di decarbonizzazione e dell’uso razionale di risorse come pure dell’economia circolare, la trasformazione di autovetture d’occasione è un’opportunità da cogliere e sviluppare sia per i benefici ambientali diretti che per i posti di lavoro», spiega ancora Storni nella sua mozione.

Ma in cosa consiste il retrofit? In generale gli interventi sono tendenzialmente sempre gli stessi, ma vengono adattati di volta in volta al tipo di auto su cui si effettua il retrofit e alle esigenze del singolo cliente. Ma la procedura base è la seguente: rimozione di motore e meccanica esistenti; montaggio di powertrain elettrico e batteria; omologazione.

Ed è proprio l’iter procedurale dell’omologazione, a differenza di altri Paesi europei, a frenare questa possibilità in Svizzera. «Questi aspetti sono stati considerati in Francia e Italia dove oltre a normative tecniche che rendono più attuabili le conversioni, arrivano perfino a incentivare finanziariamente il retrofit da endotermico a elettrico della motorizzazione». La mozione va proprio nella direzione di chiedere uno snellimento burocratico. «Le prescrizioni di legge in vigore in Svizzera sono definite nell’Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (Oetv) che pur facendo riferimento a normative Eu e Un (regole europee) risultano proibitive e rendono di fatto il retrofit totalmente antieconomico e inattuabile, sia per i costi, sia per la certificazione di componenti elettriche (Emv), sia – infine – per test distruttivi sulla batteria», spiega ancora il consigliere nazionale Storni che chiede che «ricertificazione delle componenti che sono già state omologate deve essere evitata». L’Ordinanza, attualmente, prevede la ripetizione di test Emc (per la compatibilità elettromagnetica, ndr) molto costosi per componenti già testate. Infine Storni chiede che per l’omologazione di singoli veicoli trasformati dovrebbe essere possibile ricorrere alla valutazione di centri di competenza riconosciuti.

Il retrofit non è per tutte

Il retrofit elettrico si rivolge principalmente alle auto con parecchi anni sulle spalle, ma che non abbiano un particolare interesse storico (in questi casi potrebbe essere un delitto effettuare un’operazione simile sacrificando l’originalità del mezzo). Oggi comunque è difficile che si trasformi in elettrica un’auto più recente di una immatricolata nei primissimi anni 2000. Il motivo è semplice. Con un’operazione di conversione si riesce a recuperare un’auto che magari è ancora ben tenuta dal punto di vista della carrozzeria e dell’abitacolo ma che è arrivata a fine vita per quanto riguarda il motore. Oppure, pur avendo ancora la possibilità di percorrere km, è in una vecchia classe antinquinamento e, quindi, sottoposta a limitazioni alla circolazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
auto elettriche bruno storni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved