dopo-la-perdita-secca-del-2020-swiss-re-torna-in-utile
Keystone
Nuovamente in positivo
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
3 gior

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
5 gior

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
1 sett

Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs

L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
1 sett

Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali

Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
Economia
1 sett

Competitività economica, la Danimarca fa meglio

La Svizzera perde il primato in classifica: ora è seconda in un podio completato da Singapore. Italia 41esima
Economia
1 sett

Accordi di libero scambio, risparmi per 2,3 miliardi in dazi

È quanto economizzato dalle imprese elvetiche nel 2020 per le loro importazioni (per un totale di 214,26 miliardi) in Svizzera
Economia
1 sett

Prezzi alla produzione e all’importazione sempre in crescita

Oltre ai prodotti petroliferi, più cari carne e legno. In controtendenza il settore farmaceutico e i computer
Economia
1 sett

Ripresa economica più lenta, ma costante

Nel primo trimestre Pil è cresciuto oltre le aspettative, ma gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero incidere oltre il previsto
25.02.2022 - 15:56
Aggiornamento : 16:11

Dopo la perdita secca del 2020, Swiss Re torna in utile

Il gruppo zurighese annuncia per li 2021 un ricavo netto di 1,33 miliardi di franchi. Progrediti del 4,8% i premi netti

Ats, a cura de laRegione

Per il 2021, malgrado gravi catastrofi naturali, il gruppo Swiss Re annuncia un utile netto di 1,44 miliardi di dollari (1,33 miliardi di franchi), dopo la perdita secca di 878 milioni che aveva caratterizzato il 2020.

I premi netti incassati sono ammontati a 42,73 miliardi di franchi, in progressione del 4,8%, si legge in un comunicato odierno del riassicuratore zurighese. Il suo Ceo – citato nella nota – ha parlato di una "svolta importante", accogliendo il rimbalzo dei risultati nonostante l’impatto ancora significativo della crisi Covid-19 e dei danni legati alle catastrofi naturali.

Globalmente, le cifre fornite sono inferiori alle attese degli analisti contattati dall’agenzia Awp.

Nella divisione dei danni e della responsabilità civile (P&C Reinsurance), il volume d’affari è aumentato del 5,3% a 21,9 miliardi di dollari, spinto in particolare dall’aumento dei prezzi e da effetti di cambio favorevoli. Nonostante l’assorbimento di 2,1 miliardi di dollari di perdite dovute all’uragano Ida negli Stati Uniti e alle inondazioni in Europa nel terzo trimestre, il combined ratio (ossia il rapporto tra i premi incassati e i sinistri per cui sono state versate prestazioni) è stato del 97,1%, contro il 109,0% dell’anno precedente.

Il comparto vita e salute (L&H Reinsurance) ha continuato a essere gravato dalla crisi sanitaria del Covid che ha portato la divisione a una perdita di 523 milioni di dollari, soprattutto a causa dell’eccesso di mortalità legato al Covid-19 negli Stati Uniti.

Nell’unità Corporate Solution (Corso), ovvero le soluzioni di assicurazione diretta per le imprese, i premi netti sono aumentati (+6,5%) a 5,3 miliardi di dollari. La divisione ha registrato un utile di 578 milioni di dollari dopo una perdita di 467 milioni di dollari nel 2020. Il ‘combined ratio’ è stato del 90,6%, rispetto al 115,5% riportato un anno prima.

Il gruppo proporrà ai propri azionisti un dividendo invariato di 5,90 franchi per azione. Per l’esercizio in corso, la direzione si attende un aumento dei rendimenti dei fondi propri del 10% e con orizzonte 2025 del 14%.

Poco esposto al conflitto russo-ucraino

In una conferenza telefonica, il direttore finanziario (Cfo) John Dacey ha detto che Swiss Re è poco esposto al conflitto armato tra Russia e Ucraina, sia nella sua attività di riassicurazione, sia in termini di investimenti.

Resta da vedere quale impatto avrà il conflitto sul settore assicurativo in generale. «Non è ancora possibile stimare l’ammontare dei costi e in che misura saranno coperti dall’assicurazione», ha precisato Dacey. Inoltre, ci sono incertezze sulle conseguenze della guerra sui mercati finanziari e sull’approvvigionamento energetico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bilancio swiss re
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved