con-il-virus-aumenta-il-costo-delle-abitazioni
I tassi medi dell'ipoteca a 10 anni si sono attestati tra l'1,04 e l'1,07% (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
3 gior

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’
Economia
3 gior

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
1 sett

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
1 sett

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
1 sett

Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs

L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
1 sett

Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali

Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
Economia
1 sett

Competitività economica, la Danimarca fa meglio

La Svizzera perde il primato in classifica: ora è seconda in un podio completato da Singapore. Italia 41esima
Economia
1 sett

Accordi di libero scambio, risparmi per 2,3 miliardi in dazi

È quanto economizzato dalle imprese elvetiche nel 2020 per le loro importazioni (per un totale di 214,26 miliardi) in Svizzera
Economia
2 sett

Prezzi alla produzione e all’importazione sempre in crescita

Oltre ai prodotti petroliferi, più cari carne e legno. In controtendenza il settore farmaceutico e i computer
Economia
2 sett

Ripresa economica più lenta, ma costante

Nel primo trimestre Pil è cresciuto oltre le aspettative, ma gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero incidere oltre il previsto
Economia
2 sett

‘Choc elettrico’ per Axpo: raddoppia il fatturato

L’impennata dei prezzi fa decollare i ricavi del gruppo: 6,0 miliardi nel primo semestre dell’esercizio 2021/22 anziché i 2,9 previsti
Economia
2 sett

Mille posti di lavoro in più in Irlanda grazie a TikTok

L’Isola di smeraldo si conferma un importante hub per l’Europa del social network: la forza lavoro sull’isola passerà a 3’000 unità
borse
2 sett

L’inflazione Usa vola ai massimi, i mercati affondano

Tonfo a Wall Street: solo nell’Ue bruciati 265 miliardi. La Borsa svizzera chiude in calo del 2,10%
05.01.2021 - 10:04

Con il virus aumenta il costo delle abitazioni

Il Ticino è in controtendenza per quanto riguarda gli affitti. Tassi ipotecari stabili durante la seconda ondata

-Sul mercato immobiliare il coronavirus ha avuto l'effetto opposto di quanto taluni si aspettassero: lungi dal far crollare i prezzi, la pandemia ha reso l'abitare un bene più prezioso. A livello svizzero sono così aumentati sia gli affitti che il costo degli alloggi in proprietà. Il Ticino è però in contro tendenza, perlomeno in materia di pigioni.

Sull'arco del 2020 il prezzo delle case unifamiliari è salito del 5,6% nella Confederazione, quello degli appartamenti in proprietà del 5,5%, stando agli ultimi dati pubblicati oggi da ImmoScout24, azienda del ramo che, insieme alla società di consulenza IAZI, calcola l'indice Swiss Real Estate Offer Index. Concretamente, un metro quadrato costava a fine dicembre 6682 (casa) o 7474 franchi (appartamento), con progressioni rispettivamente di 356 e 389 franchi.

Mentre i numeri del Covid-19 hanno vissuto alti e bassi, i prezzi degli immobili residenziali si sono mossi in una sola direzione: verso l'alto. "Il 2020 ha dimostrato ancora una volta che i valori solidi diventano più importanti in tempi di incertezza", spiega Martin Waeber, direttore di ImmoScout24, citato un comunicato. "A questo proposito l'abitare e gli immobili sono in cima alla lista delle priorità".

Stando all'esperto l'epidemia ha fatto riflettere molte persone sulla loro situazione abitativa. "Nella maggior parte dei casi con un risultato chiaro: è nato il desiderio di avere più spazio, maggiore superficie abitativa, se possibile in proprietà". I prezzi hanno di conseguenza mostrato una pressione al rialzo: tutto il contrario di quanto temessero alcuni specialisti, che avevano parlato di un possibile crollo del mercato.

Il fenomeno è stato ravvisato anche nel campo delle pigioni, salite dell'1,1% a livello nazionale (si parla chiaramente di alloggi nuovi o nuovamente affittati): per un metro quadrato alla fine dell'anno occorreva sborsare 259 franchi (valore annuale). La crescita è stata in particolare trainata dalla regione del Lemano (+2,5%) e di quella di Zurigo (+1,2%).

Il Ticino presenta per contro una netta flessione, pari al -2,6%: un dato che potrebbe peraltro essere almeno in parte relativizzato, considerando che è frutto di un confronto diretto fra le inserzioni di due date: il 31 dicembre del 2019 e lo stesso momento del 2020. A titolo di confronto, oggi 5 gennaio l'indice è del +0,8% a livello nazionale e del -1,1% a sud della Alpi. Rimane comunque il fatto che il Ticino è l'unica ragione che presenta variazioni negative. I Grigioni sono inseriti nella zona Svizzera orientale, che ha segnato +1,3% nel 2020.

Per quanto riguarda le abitazioni in proprietà non sono invece disponibili dati regionali.

Tassi ipotecari fermi nell'ultimo trimestre

La seconda ondata di coronavirus, a differenza della prima, non ha fatto aumentare i tassi ipotecari che nell'ultimo trimestre del 2020 sono rimasti stabili.

Negli ultimi tre mesi, i tassi dell'ipoteca più diffusa (con la durata di 10 anni) si sono attestati tra l'1,04 e l'1,07%, quindi sempre leggermente al di sopra della soglia psicologicamente importante dell'1%, affermano in un comunicato gli esperti del servizio di confronti internet Comparis nell'ambito del loro tradizionale barometro del settore. Le ipoteche a tasso fisso di cinque e due anni, sono rimaste rispettivamente allo 0,90 e allo 0,86%.

Finora la seconda ondata di coronavirus non ha avuto alcun impatto sul mercato ipotecario", osserva Frédéric Papp, esperto di finanze presso Comparis citato nella nota. "Nei prossimi mesi, comunque, si prevede più dinamismo sul mercato dei tassi ipotecari", sottolinea. Questo non ha tanto a che vedere con la pandemia di Covid-19 quanto piuttosto con la politica ipotecaria degli offerenti, che di solito a inizio anno puntano su determinati obiettivi di vendita e di rendimento offrendo tassi d'interesse vantaggiosi. Secondo l'esperto di Comparis, in questo contesto è quindi probabile assistere di nuovo a un inasprimento della concorrenza, a vantaggio di acquirenti e proprietari di immobili.

Comparis sottolinea che ci sono "differenze significative" tra le diverse offerte. Attualmente è possibile ottenere un'ipoteca a tasso fisso di dieci anni a partire dallo 0,61%, ossia lo 0,44% in meno rispetto all'attuale tasso indicativo medio (1,05%).

Su un'ipoteca di oltre 750'000 franchi, si tratta di 3'300 franchi all'anno o più di 30'000 franchi per tutta la durata dell'ipoteca, viene sottolineato. Nel 2021, l'inasprimento della concorrenza dovrebbe portare a un gap tendenzialmente più ampio.

I dati relativi ai tassi d'interesse del Barometro Ipoteche di Comparis si basano sui tassi d'interesse indicativi di oltre 50 istituti di credito, aggiornati quotidianamente e pubblicati nella panoramica dei tassi. Dall'esperienza acquisita finora emerge che, nella maggior parte dei casi, i tassi di interesse delle singole offerte ipotecarie sono inferiori ai tassi ufficiali indicati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
comparis seconda ondata tassi ipotecari
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved