il-coronavirus-influenzera-anche-il-pil-svizzero-al-ribasso
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
3 gior

Wall Street chiude il peggior semestre da 50 anni a questa parte

Una brutta notizia per il presidente Usa Biden, che si muove fra lo spettro di una recessione e quello di un’inflazione record
Economia
3 gior

Per la Bns 5,74 miliardi di franchi in valuta estera

È l’ammontare dei riacquisti operati dalla Banca nazionale svizzera nel primo trimestre dell’anno
Economia
3 gior

Prospettive fosche per l’economia svizzera

Lo indica l’Istituto di ricerche congiunturali (Kof) del Politecnico di Zurigo. Difficoltà in particolare per le esportazioni e la produzione industriale.
Economia
3 gior

Commercio al dettaglio, vendite stabili in maggio

Rispetto all’anno scorso, tenendo conto di rincaro e giorni lavorativi, in termini reali il giro d’affari è diminuito dell’1,6%
Economia
1 sett

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’
Economia
1 sett

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
1 sett

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
2 sett

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
03.03.2020 - 15:19
Aggiornamento: 17:15
Ats, a cura de laRegione

Il coronavirus influenzerà anche il Pil svizzero (al ribasso)

L'istituto Bak rivede le previsioni di crescita elvetica per il 2020: da 1,5 a 1,3%. Se l'epidemia non sarà controllata, allora ci attende una recessione

L'epidemia di coronavirus rischia di lasciare strascichi sull'economia svizzera. La crescita del prodotto interno lordo (Pil) sarà parecchio rallentata nel corso del primo semestre dell'anno, sostengono gli specialisti dell'istituto Bak, che hanno ritoccato le previsioni di crescita all'1,3% per il 2020, contro l'1,5% finora.

Crescita nel primo trimestre, poi stagnazione.

Quest'anno la crisi sanitaria dovrebbe costare meno di 0,3 punti percentuali alla Svizzera, secondo i loro calcoli. Nel primo trimestre il Pil dovrebbe salire dello 0,2%, mentre è attesa una stagnazione nei secondi tre mesi dell'anno

Il presuppostoè che il virus venga contenuto con successo nei prossimi mesi, avvertono comunque gli specialisti del Bak.

Se il coronavirus si diffondesse e diventasse una pandemia, le prospettive per la Svizzera sarebbero invece molto più negative, soprattutto per il mercato del lavoro. Il Bak prevede addirittura una recessione in estate, che porterebbe a una stagnazione del Pil per tutto l'anno. L'economia mondiale crescerebbe solo dell'1%.

Il coronavirus influenzerà le catene di produzione globali e porterà a perdite di produttività. A questo si aggiungono una contrazione nel settore turistico e la cancellazione di grandi eventi. Per l'istituto basilese, la crisi sanitaria creerà una grossa incertezza per le esportazioni di beni e per gli investimenti, senza contare l'impatto che avrà sui mercati finanziari. 

Tessuto economico solido

Nelle crisi passate le aziende elvetiche hanno comunque dimostrato resistenza e sono state in grado di mantenere più o meno stabile il numero dei loro dipendenti, commenta il Bak. L'apprezzamento del franco svizzero, un veleno per l'industria di esportazione, non dovrebbe proseguire nei prossimi mesi. È quindi probabile che la moneta svizzera si mantenga al livello attuale nei confronti dell'euro (1.06 franchi). 

Gli effetti del coronavirus sull'economia degli altri paesi 

A livello internazionale, la Cina dovrebbe risentire degli effetti del coronavirus sul Pil molto rapidamente, cioè nella prima metà dell'anno. Le conseguenze sono invece previste tra aprile e giugno per Europa e Stati Uniti, secondo il Bak. Tutti questi fattori hanno spinto gli economisti ad abbassare la previsione di crescita globale al 2,0% per il 2020 (+2,5% in precedenza).

2021

Nel 2021 in Svizzera dovrebbe verificarsi un effetto di recupero. L'istituto basilese ha quindi rivisto al rialzo le sue stime, prevedendo una crescita del PIL dell'1,4%, superiore all'1,3% finora proposto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved