laRegione
disabilita-bunker-e-vita-vera
Ti-press
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
14 ore

Il Quartiere Officine non considera la Bellinzona esistente

‘Le scelta fatta non tiene conto di quanto ci sta attorno e di quanto si è già deciso di costruire attorno’
Il dibattito
1 gior

Se Lockdown sia, aiuti uguali per tutti

Lettera a aperta al Consiglio federale
I dibattiti
1 sett

Cornaredo e Pse, coerenza e costi sono sostenibili?

Guido Tognola, presidente della sezione Plr di Lugano, chiede al Municipio 'ragionevolezza' e di rivalutare un investimento così importante
I dibattiti
1 sett

Città dell'energia: perché sono (più che) opportune

Necessario puntare verso una società a 2000 watt. L'ente pubblico deve dare l'esempio. Sperando che Gordola rimanga un caso isolato
il dibattito
1 sett

A Natalia con rispetto

Renzo Galfetti: 'Prorogare di un anno le nomine degli attuali procuratori e riformare il ministero pubblico'
I dibattiti
1 sett

Giustizia ticinese, un'immagine poco edificante

Vi è un bisogno urgente di rinnovamento sia delle strutture sia delle modalità di funzionamento soprattutto, ma non solo, del Ministero pubblico
I dibattiti
1 sett

Ex Città dell’Energia Gordola: il non fatto e i fatti!

La replica a Manfredi e Caccia
I dibattiti
2 sett

Gioventù comunista e il significato di 'fanatico'

L'organizzazione rifiuta il paragone coi giovani Udc pr aver chiesto di segnalare 'insegnanti che ripetono luoghi comuni anti-comunisti'
I dibattiti
2 sett

Numero di procuratori e criticità

C'è un'evidente e oggettiva sottodotazione di magistrati al Ministero pubblico. Servono condizioni quadro adeguate anche per rendere attrattiva la funzione
I dibattiti
2 sett

Bellinzona e il Fiume dentro di noi

Il masterplan, il progetto di rinaturazione del corso d'acqua e la Città che finalmente riabbraccerà il suo ‘Tesin’
Il dibattito
10.09.2020 - 17:510

Disabilità, bunker e vita vera

La fragilità umana ci appartiene dalla notte dei tempi, non può essere eliminata solo con semplici severe direttive e rinchiudendo i più deboli in bunker, senza nemmeno prenderci la briga di ascoltarli

La situazione nelle case anziani fa discutere e preoccupa. Anche sulle colonne de laRegione, dove il direttore Matteo Caratti si chiede se sia davvero giusto rinchiudere le persone anziane in una sorta di fortino. Me lo sono quindi chiesto per davvero: se avrò la fortuna di scampare novant’anni, una volta debilitato e impossibilitato di vivere al mio domicilio, vorrò passare gli ultimi anni o mesi della mia vita in una sorta di bolla di plastica? Isolato, senza vedere regolarmente gli affetti più cari, senza godere delle piccole gioie di un pranzo in comune, due ore al sole tiepido nel giardino, la musica dell’animatore? Senza percepire la vicinanza, la tranquillità e il calore umano di chi giornalmente mi cura?

Chi lo sa. La paura della morte – perché il Covid c’è, è pericoloso e può uccidere – è difficile da misurare proiettandosi così in là, tra cinquant’anni. Oggi quarantacinquenne posso però affermare con una certa sicurezza che se dovessi rimanere vittima di un grave incidente o di una grave malattia degenerativa non vorrei passare mezzo secolo così. Dopo i primi mesi di chiusura generalizzata, mi aspetterei un approccio equilibrato e che mi sia permesso di vivere una vita - certo diversa da prima - ma vera e il più possibile piena. Un po’ come stiamo facendo quasi tutti noi in questi mesi dove, con prudenza, abbiamo ripreso le nostre attività. “Vivere senza esistere è la peggiore delle torture” scriveva l’antropologo Charles Gardou riflettendo sulla situazione delle persone con disabilità nelle varie società, in particolare nella nostra. Ricordiamoci che vivere una situazione di disabilità non significa necessariamente far parte di una categoria a rischio Covid. Come non basta essere semplicemente over 65. Dobbiamo sempre dubitare delle etichette e delle soluzioni facili.

In effetti per chi è costretto a vivere in una struttura comunitaria la situazione è ancora più complicata. Chi si assume la responsabilità di un eventuale contagio? La Direzione, i responsabili di Fondazione o i politici responsabili sono chiamati direttamente in causa e la reazione esterna può essere davvero veemente: accuse, atti parlamentari, richieste di intervento alla magistratura. Vedremo gli esiti degli accertamenti e se andranno presi dei provvedimenti. Attualmente però, questa situazione persecutoria ha prodotto più che altro paura e irrigidimento in chi è chiamato ad assumersi delle responsabilità, soprattutto nelle case per anziani. Nelle strutture per persone con disabilità, la collaborazione tra enti e autorità hanno in realtà fortunatamente portato a soluzione vieppiù ragionevoli e individualizzate. Il consiglio alle persone coinvolte e ai parenti è sempre quello di cercare il più possibile il dialogo con le strutture.

La questione etica tra protezione della salute e promozione della qualità di vita rimane tuttavia molto complessa. Occorre valutare caso per caso, trovare soluzioni individualizzate e condivise, applicare regole generali, ma anche avere la forza di proporre eccezioni virtuose. Per garantire una vita dignitosa, occorre poter assumere anche dei rischi - seppur sempre ben ponderati - e soprattutto occorre avere la consapevolezza che la fragilità umana ci appartiene dalla notte dei tempi e che non può essere eliminata solo con semplici severe direttive e rinchiudendo i più deboli in bunker, senza nemmeno prenderci la briga di ascoltarli.

© Regiopress, All rights reserved