laRegione
un-si-per-la-montagna
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
2 gior

Il Quartiere Officine non considera la Bellinzona esistente

‘Le scelta fatta non tiene conto di quanto ci sta attorno e di quanto si è già deciso di costruire attorno’
Il dibattito
3 gior

Se Lockdown sia, aiuti uguali per tutti

Lettera a aperta al Consiglio federale
I dibattiti
1 sett

Cornaredo e Pse, coerenza e costi sono sostenibili?

Guido Tognola, presidente della sezione Plr di Lugano, chiede al Municipio 'ragionevolezza' e di rivalutare un investimento così importante
I dibattiti
1 sett

Città dell'energia: perché sono (più che) opportune

Necessario puntare verso una società a 2000 watt. L'ente pubblico deve dare l'esempio. Sperando che Gordola rimanga un caso isolato
il dibattito
1 sett

A Natalia con rispetto

Renzo Galfetti: 'Prorogare di un anno le nomine degli attuali procuratori e riformare il ministero pubblico'
I dibattiti
1 sett

Giustizia ticinese, un'immagine poco edificante

Vi è un bisogno urgente di rinnovamento sia delle strutture sia delle modalità di funzionamento soprattutto, ma non solo, del Ministero pubblico
I dibattiti
2 sett

Ex Città dell’Energia Gordola: il non fatto e i fatti!

La replica a Manfredi e Caccia
I dibattiti
2 sett

Gioventù comunista e il significato di 'fanatico'

L'organizzazione rifiuta il paragone coi giovani Udc pr aver chiesto di segnalare 'insegnanti che ripetono luoghi comuni anti-comunisti'
I dibattiti
2 sett

Numero di procuratori e criticità

C'è un'evidente e oggettiva sottodotazione di magistrati al Ministero pubblico. Servono condizioni quadro adeguate anche per rendere attrattiva la funzione
I dibattiti
2 sett

Bellinzona e il Fiume dentro di noi

Il masterplan, il progetto di rinaturazione del corso d'acqua e la Città che finalmente riabbraccerà il suo ‘Tesin’
Il dibattito
3 sett

Festival, Piazza Grande non si può perdere!

L’edizione del 2021 sarà la cinquantesima del Festival del Film in Piazza Grande. Mi auguro che si possa svolgere in questo contesto ormai storico, celebre in tutto il mondo!
Il dibattito
3 sett

Proibito proibire

La libertà evocata ai nostri giorni mi sembra un passo indietro nella direzione di un individualismo esasperato e miope
il dibattito
07.09.2020 - 16:300

Un sì per la montagna

Per rilanciare la montagna è necessario interrogarsi sulla presunta sacralità della natura selvaggia, sostituendola con il termine biodiversità, da intendere però in termini non oppositivi rispetto alla presenza umana

La modifica della legge sulla caccia sta creando un confronto animato, non privo di colpi bassi. È un modo di far politica basato su spettacolarità ed esagerazioni, che mira a parlare alla pancia delle persone; è invece importante cercare di essere oggettivi. Voterò sì alla nuova legge. Si tratta di un buon compromesso, volto sia a rafforzare la protezione di molte specie di animali selvatici e della natura, sia a regolare maggiormente l’operato di cacciatori e contadini. Non può lasciarci indifferenti la crescita esponenziale del numero di lupi osservati in Svizzera: dal 2010 ad oggi si è passati da una decina a un’ottantina di esemplari. La nuova legge, opportunamente, tiene conto di questa repentina evoluzione e soprattutto dei conflitti che essa genera. Il lupo è e resterà una specie protetta, ma ragionevolmente si propone che ai singoli Cantoni venga accordata la sua regolamentazione preventiva sugli effettivi, adeguata alla sua diffusione. Sottolineo che regolamentare non significa sterminare.

Regolamentare non significa sterminare


Riferendomi al Ticino, a livello pratico, la modifica della legge e la questione del lupo interessano maggiormente le zone montane. Ma, come ben sappiamo, l’esito di queste votazioni è determinato dai centri urbani. Le zone più discoste del Ticino vivono un periodo difficile e le prospettive non sono idilliache. La politica deve giustamente interrogarsi e soprattutto individuare soluzioni idonee per provare ad invertire la tendenza dello spopolamento e dell’abbandono, che non giova a nessuno. Soprattutto occorre evitare strategie che creino l’effetto contrario: gli eccessivi vincoli in tema di ristrutturazione dei rustici e la questione sulle residenze secondarie (che inopportunamente mette sullo stesso piano paesini d’alta montagna con veri e propri villaggi di vacanza costruiti da zero), ad esempio, non aiutano di certo il futuro di queste periferie.
Ed è qui che si inserisce il discorso sulla legge in questione. Per rilanciare la montagna è necessario interrogarsi sulla presunta sacralità della natura selvaggia, sostituendola con il termine biodiversità, da intendere però in termini non oppositivi rispetto alla presenza umana. Ciò “richiede il ritorno a un ruolo attivo e consapevole dell’uomo come agente naturale capace di coltivare la diversità, controllare l’avanzata incontrollata della vegetazione e recuperare la polifunzionalità delle foreste.” (vedi “Montagne di mezzo. Una nuova geografia” di Mauro Varotto).

Eccessivi sbilanciamenti da una parte o dall’altra sono inopportuni

Difendere acriticamente e ideologicamente l’ambiente naturale porterà, gradualmente, all’esclusione della dimensione abitativa dalla montagna, dimenticando il prezioso ruolo anche ambientale della presenza dell’uomo. Questa indispensabile centralità nella relazione tra uomo e natura va salvaguardata e favorita continuamente, con equilibrio e ragionevolezza; eccessivi sbilanciamenti da una parte o dall’altra sono inopportuni. A meno che si voglia museificare le zone più periferiche, in favore di una natura selvaggia dominante e una messa al bando dell’uomo e delle sue attività. Naturalmente questo scenario sarebbe deleterio. La nuova legge sulla caccia, invece, ha il merito di individuare un buon compromesso tra le parti.
È essenziale che tra la montagna e il mondo urbano si crei una sorta di “nuovo patto”, improntato sulle relazioni con benefici reciproci, su visioni d’insieme ma, contemporaneamente, alla diversificazione delle prospettive. La montagna non può ridursi a luogo di svago e memoria e di riserva ecologica; l’uomo, rispettoso dell’ambiente circostante, deve tornare ad essere protagonista. Temo che le motivazioni mosse da chi combatte la legge sulla caccia – per taluni volutamente, spinti da questioni ideologiche; per altri inconsciamente – non percepiscano la posta in gioco: a rischio c’è il futuro di queste zone già di per sé fragili. Rigidi provvedimenti di protezione ambientale (o, in questo caso, un’incontrollata espansione del lupo) provocheranno il colpo di grazia per le popolazioni locali e le pratiche legate all’attività agropastorale. Una montagna selvaggia senza l’essere umano non serve a nessuno; neppure alle zone urbane.

© Regiopress, All rights reserved