ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’

Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
7 ore

Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato

Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
7 ore

Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay

Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
8 ore

Bus contro asilo nido a Montreal, bimbi feriti gravemente

Nel violento impatto, l’edificio è stato parzialmente distrutto. Arrestato l’autista del mezzo protagonista dell’incidente
Estero
11 ore

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
12 ore

Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog

Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
13 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
13 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
16 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
1 gior

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
1 gior

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
1 gior

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
1 gior

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Confine
1 gior

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
Estero
1 gior

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
1 gior

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
2 gior

Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’

Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
guerra di date
2 gior

Gli ucraini cambiano la data del Natale, mai più insieme a Mosca

Decisione dei greco-cattolici, la Natività d’ora in poi il 25 dicembre e non più il 7 gennaio
29.11.2022 - 22:24

Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio

Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno

Ansa, a cura di Red.Estero
kiev-e-la-diplomazia-ripiombano-nel-buio

Kiev ripiomba nel buio per i danni provocati dai bombardamenti russi, così come rimpiombano nel buio gli sforzi diplomatici volti a cercare una soluzione negoziata al conflitto. Dopo mesi di contatti ad alto livello, Mosca denuncia la "situazione estremamente negativa delle relazioni" con Washington, motivando così il rinvio dei colloqui sul trattato New Start per la limitazione degli arsenali nucleari, che si sarebbero dovuti aprire oggi al Cairo. Né sembra avere per ora possibilità di decollare l’iniziativa vaticana, dopo lo scontro avvenuto ieri con la Russia in seguito a un’intervista in cui Papa Francesco accusava di crudeltà i russi, e in particolare quelli di etnia cecena e buriata.

"Siamo indignati", ha affermato l’ambasciatore di Mosca presso il Vaticano. I venti di guerra dunque continuano a imperversare. E la Marina ucraina ha lanciato l’allarme su nove navi da guerra russe che incrociano nel Mediterraneo, tra cui cinque portamissili da crociera del tipo Kalibr con un totale di 76 missili pronti all’uso (altre 12 sarebbero nel Mar Nero). Il messaggio di Kiev è chiaro: la minaccia russa riguarda anche l’Europa e per questo, spiega il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba in un’intervista a Politico, i Paesi della Nato devono incrementare urgentemente la produzione di armi per permettere all’Ucraina di "vincere". Un appello che sembra anche confermare l’allarme lanciato da fonti Nato e ripreso nei giorni scorsi dal New York Times secondo cui ormai due terzi dei Paesi dell’Alleanza atlantica avrebbero esaurito le scorte di armi da fornire a Kiev.

L’Ucraina si trova intanto a fare ancora i conti con le drammatiche carenze di energia elettrica, risultato degli attacchi russi alle sue centrali. La società Dtek ha fatto sapere che il programma per le interruzioni programmate non funziona e quindi a Kiev si sta facendo ogni sforzo per riuscire a garantire l’erogazione per non più di due o tre ore al giorno. Il tutto mentre incombe la minaccia di nuovi raid missilistici delle forze di Mosca. Le bombe intanto continuano a cadere su Kherson, da dove i russi si sono ritirati l’11 novembre. L’ufficio presidenziale ucraino accusa i russi di avere nuovamente colpito, senza provocare vittime, l’ospedale parzialmente evacuato nei giorni scorsi.

E gli ucraini continuano la caccia a coloro che accusano di avere collaborato con i russi o di mostrare simpatie per loro. A Kherson è stato arrestato il vice sindaco, mentre a Odessa un uomo è stato condannato a 15 anni di carcere per aver esposto una bandiera russa. Sul fronte diplomatico non si muove foglia, almeno pubblicamente. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avuto un colloquio con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, dicendo di aver parlato con lui anche "dell’attuazione della formula di pace ucraina", senza entrare in particolari. I russi continuano a dire che è Kiev ad avere in mano la chiave dei negoziati, accettando di discutere le richieste di Mosca. Ma oggi se la prendono soprattutto con gli americani, dando evidentemente un giudizio negativo sui frequenti contatti intercorsi tra rispettivi ministri della Difesa, consiglieri per la sicurezza nazionale e capi dei servizi d’intelligence esterni. Il vice ministro degli Esteri Serghei Ryabkov è arrivato addirittura a negare che con gli Usa si sia mai discusso di Ucraina. "Ci siamo solo lanciati dei segnali", ha assicurato. Segnali che evidentemente non hanno portato a nulla, se lo stesso Ryabkov è tornato ad avvertire Washington che un suo ulteriore coinvolgimento nel conflitto porterebbe "a una escalation" pericolosa.

Sul fronte vaticano, infine, l’ambasciatore russo presso la Santa Sede, Alexander Avdeev, ha ribadito "l’indignazione" per le accuse di particolare crudeltà rivolte da Papa Francesco in un’intervista alla rivista ‘America’ dei gesuiti ai soldati ceceni e buriati che combattono nelle file dell’esercito russo. Poi è arrivata una notizia della Tass che ha citato una fonte in Vaticano secondo la quale lo Stato pontificio "dà grande valore alle sue buone relazioni con la Russia e spera di poter continuare a svilupparle". L’agenzia russa ha ricordato anche le parole di stima pronunciate in precedenza da Francesco per i russi, da lui considerati "un grande popolo". Ma solo il tempo dirà se questi tentativi di ricucitura daranno dei frutti.

IL VERTICE

La Nato conferma il suo sostegno

Quasi 15 anni fa la Nato ‘aprì le sue porte’ all’Ucraina – e alla Georgia – al summit di Bucarest (era il 2008). Oggi i ministri degli esteri Alleati, riuniti nuovamente nella capitale romena, riaffermano quella promessa e si dicono pronti a "rafforzare il partenariato con Kiev mentre avanza nelle sue aspirazioni euro-atlantiche". Ma ora c’è da affrontare subito l’emergenza, con "Putin che vuole usare l’inverno come arma", sostenendo Kiev soprattutto sul fronte energetico dopo i pesanti danni inflitti dai russi alle sue infrastrutture. E "il messaggio è chiaro: sosterremo l’Ucraina finché serve", scandisce il segretario generale Jens Stoltenberg sottolineando che l’Alleanza sarà al fianco degli ucraini per riparare le reti elettriche e per la "protezione della popolazione dagli attacchi missilistici".

La cornice simbolica è potente: il palazzo del Parlamento, l’ex Casa del Popolo commissionata dal dittatore Nicolae Ceausescu. La due giorni della Nato serve a fare il punto e ad aprire la strada al vertice dei leader di Vilnius, in luglio – si devono ‘mettere a terra’ le decisioni prese la scorsa estate con la pubblicazione del Concetto Strategico. Il tutto mentre impazza la guerra nell’est dell’Europa. A Bucarest c’è anche il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, che agli Alleati ha chiesto "missili difensivi Patriots e trasformatori elettrici" con la celerità più assoluta. In un G7 allargato ai Paesi limitrofi all’Ucraina (iniziativa di Berlino) ognuno ha offerto il proprio aiuto pratico.

La guerra, d’altra parte, non terminerà presto e la Russia, che secondo Stoltenberg ha ancora "grandi capacità militari", inizia però ad avere problemi con il materiale bellico. "Mosca avrà scelte molto difficili da compiere nelle prossime settimane perché dovrà decidere se iniziare ad attingere alle riserve strategiche, non pensate per questo conflitto", spiega un’alta fonte diplomatica Nato. Ma a Bucarest l’attenzione non è rivolta solo all’Europa. Domani infatti gli Alleati discuteranno di Cina: mentre Pechino si dice pronta a "rafforzare la cooperazione energetica" con la Russia la Nato vuole evitare che si commettano gli errori del passato e i suoi membri si trovino eccessivamente dipendenti dal dragone. Com’è stato per il gas di Putin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved