iran
22.10.2022 - 18:15

La protesta al regime passa anche tra i tavoli delle mense

In alcuni atenei gli studenti e le studentesse si sono ribellati al divieto di condividere i pasti in sale separate

Ats, a cura di Red.Web
la-protesta-al-regime-passa-anche-tra-i-tavoli-delle-mense
Keystone

Continuano in Iran, per la sesta settimana consecutiva, i raduni di protesta degli studenti e gli scioperi di alcuni settori produttivi dopo la morte di Mahsa Amini, la giovane morta dopo un fermo per un velo indossato in modo considerato improprio. E sono ancora attive le restrizioni di internet nonostante un appello degli attivisti.

Gli studenti delle università di Teheran, e anche quelli di altre città come Isfahan, Shiraz, Zahedan, Ahvaz, Tabriz, Yasouj, Ardakan, Yazd, Sari, Bandar Abbas e altre, sono scesi in strada gridando slogan, con le donne a capo scoperto. Alla Sharif University, recentemente oggetto di un grave attacco da parte delle forze di sicurezza, e in altri atenei, gli studenti si sono ribellati al divieto di condividere i pasti in sale separate e uomini e donne si sono seduti insieme a mangiare in mensa.

Sono intanto proseguite le serrate di bazar e negozi, soprattutto nelle città curde di Sanandaj, Bukan e Saghez. Anche la fabbrica di cioccolato di Aidin, nella città nord-occidentale di Tabriz, si è unita agli scioperi dei lavoratori nel settore petrolchimico e in altri settori produttivi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved