ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
43 min

Il Papa a Kinshasa: ‘Giù le mani dall’Africa’

‘In Congo c’è stato un genocidio’. Folla oceanica per le strade. ‘Basta con lo sfruttamento delle risorse naturali’
Estero
48 min

Francia ancora in piazza contro la pensione a 64 anni

Di nuovo in strada 12 giorno dopo la prima grande mobilitazione. Guerra di cifre: 500mila per gli organizzatori, 87mila per la prefettura
economia
53 min

Brexit, tre anni dopo il Regno Unito annaspa nella delusione

Unico Paese del G7 in recessione. Ma Sunak sfida le proteste: ‘Ce la faremo’
la guerra in ucraina
1 ora

Biden chiude agli F16, ma Kiev insiste: ‘Ne servono 200’

Dopo la Germania e gli Usa si accoda anche Londra. Mattarella: ‘Gli aiuti militari servono a far cessare la guerra’
russia
1 ora

L’ex speechwriter di Putin: ‘Ci sarà il golpe entro un anno’

Abbas Gallyamov: ‘La guerra è persa, per i russi diventa un dittatore di serie B’
Confine
3 ore

Ponte di Ribellasca, in arrivo nuove barriere

Il manufatto, di riconosciuto pregio storico, non può essere munito di guardrail tradizionali. L’Anas studia l’alternativa
Estero
5 ore

L’incendio di auto della Polizia locale rivendicato da anarchici

Su alcuni siti dell’area è stata pubblicata un’e-mail anonima, che esprime solidarietà ad Alfredo Cospito, in sciopero della fame al 41bis a Milano
Confine
6 ore

Stato di agitazione del personale delle dogane di Como

L’obiettivo dei sindacati è quello di ottenere l’arrivo di altri funzionari e di ovviare alla carenza di personale in servizio
07.10.2022 - 17:07

L’Onu monitorerà la repressione in Russia

È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.

Ats, a cura di Red.Web
l-onu-monitorera-la-repressione-in-russia
Keystone

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha deciso per la prima volta di monitorare la repressione degli oppositori in Russia e la situazione dei diritti nel Paese. I 47 Stati membri del Consiglio hanno adottato una risoluzione in tal senso, proposta da tutti i Paesi membri dell’Unione Europea con l’eccezione dell’Ungheria, con 17 voti a favore. 24 Paesi si sono astenuti e 6 hanno votato contro, tra cui la Cina.

È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.

Oltre alla Cina, hanno votato contro anche Cuba e il Venezuela. Prima del voto, l’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite a Ginevra, Gennady Gatilov, ex vice ministro degli Esteri russo, ha criticato il testo e ha accusato "i Paesi occidentali di usare il Consiglio per scopi politici". Mosca, che ha lasciato il Consiglio quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato per la sua espulsione qualche mese fa a causa dell’invasione dell’Ucraina, ha comunque lo status di osservatore e come tale può intervenire nel Consiglio.

La risoluzione, adottata in occasione del 70esimo compleanno del Presidente russo Vladimir Putin, decide di nominare un relatore speciale per monitorare "la situazione dei diritti umani" per un periodo di un anno. Dovrà "raccogliere, esaminare e valutare le informazioni pertinenti provenienti da tutte le parti interessate, compresa la società civile russa, sia all’interno che all’esterno del Paese".

"Per anni abbiamo assistito a un continuo deterioramento della situazione dei diritti umani nella Federazione Russa, che si è accelerato negli ultimi mesi", ha dichiarato l’ambasciatore lussemburghese Marc Bichler, presentando il testo al Consiglio. "Le recenti leggi volte a soffocare i media indipendenti e le organizzazioni ‘indesiderate’, le dure sanzioni per chiunque metta in discussione il governo o il gran numero di persone arrestate in occasione di manifestazioni, sono alcuni esempi recenti di una politica sistematica di repressione", ha affermato.

"Chi può seriamente dubitare che la situazione dei diritti umani in Russia si stia gravemente deteriorando?", ha dichiarato l’ambasciatore francese Jérôme Bonnafont al Consiglio. "L’assegnazione questa mattina del Premio Nobel per la pace a due Ong russe e ucraine e a un attivista bielorusso è un segno della crescente attenzione e preoccupazione per una pericolosa deriva", ha aggiunto. Il Consiglio ha già avviato a maggio un’inchiesta di alto livello sulle violazioni delle truppe russe in Ucraina. E sono cresciute le pressioni, soprattutto da parte delle Ong, affinché l’organismo si occupi anche delle violazioni dei diritti umani in Russia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved