ULTIME NOTIZIE Estero
Tunisia
6 min

Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato

All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
1 ora

Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro

I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
Estero
10 ore

Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio

Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
Estero
10 ore

La Cina sceglie la repressione, ma non solo

Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento
Confine
15 ore

Confine, possibili scioperi dei treni italiani

Il due dicembre sarà una giornata di astensione dal lavoro in tutte le categorie pubbliche e private. Questo potrebbe causare disagi a chi viaggia
Estero
19 ore

L’Ue sempre più tecnologica: arrivano i droni 2.0

Potranno essere impiegati per servizi di emergenza, mappatura, ispezione e sorveglianza, consegna urgente di medicinali o anche come ‘aerotaxi’
Thailandia
19 ore

Tutti i monaci positivi all’antidroga: chiude il tempio buddista

Accade in Thailandia. I religiosi sono risultati positivi al test anti-metanfetamina e inviati in una clinica specializzata
Estero
1 gior

La protesta cinese è un foglio bianco

Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
1 gior

Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia

Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
1 gior

A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo

I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Ciad
1 gior

Mega processo con 400 imputati, avvocati in sciopero

Negli scontri tra i manifestanti anti-governativi e la polizia erano morte una cinquantina di persone
04.10.2022 - 20:23
Aggiornamento: 20:52

Zelensky vieta i negoziati coi russi, che ammettono la ritirata

Il presidente ucraino ha firmato un decreto che ratifica una decisione del Consiglio di sicurezza di Kiev dopo le annessioni delle quattro regioni

a cura di Red.Estero
zelensky-vieta-i-negoziati-coi-russi-che-ammettono-la-ritirata
Keystone
Non è il momento del dialogo, ancora

"Vietato negoziare con Vladimir Putin": il presidente ucraino Volodymyr Zelensky lo ha messo nero su bianco firmando un decreto che ratifica una decisione del Consiglio di sicurezza di Kiev dopo le annessioni russe. Mosca si mostra indifferente: "Aspetteremo fino a quando l’attuale presidente ucraino cambierà la sua posizione, o fino a quando ci sarà un altro presidente che cambi posizione per amore del suo popolo", fa sapere il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.

Negoziati lontani, nuovi aiuti dagli Stati Uniti

Oltre sette mesi dopo l’inizio di quella che a Mosca è chiamata l’operazione militare speciale in Ucraina, una soluzione diplomatica sembra dunque più che mai lontana. Anzi, inesistente. Tanto più che l’apparente disponibilità russa a trattare si accompagna alla consueta affermazione che un’eventuale intesa dovrebbe rispondere alle proprie richieste. Condizioni che ancora più difficilmente possono essere accettate da Kiev ora che sul terreno le sorti dei combattimenti sembrano volgere a suo favore, anche grazie ai continui aiuti militari americani. In un colloquio telefonico con Zelensky il presidente Usa Joe Biden ha promesso l’invio di nuove armi per un valore di 625 milioni di dollari, compresi altri sistemi di razzi Himars.

Gli ucraini avanzano a sud

Le nuove avanzate negli ultimi giorni delle truppe ucraine, in particolare nella regione meridionale di Kherson, vengono ammesse anche dalle autorità filorusse locali. Volodymyr Saldo, il leader dell’oblast di Kherson - uno dei quattro territori annessi da Mosca - ha ammesso che l’esercito di Kiev ha sfondato vicino a Dudchany, un villaggio sul Dnepr. Il ritiro dei russi da Dudchany e da diverse altre località sulla riva ovest del fiume appare evidente anche dalle mappe mostrate dai comandi di Mosca durante il consueto briefing quotidiano.

L’offensiva ucraina nel sud fa seguito a quella che nei giorni scorsi ha portato alla conquista di Lyman, nell’est, snodo strategico per le comunicazioni e i rifornimenti fra le truppe russe del Donbass e di altre regioni. Il ministero della Difesa di Mosca ha detto che negli ultimi combattimenti le forze russe hanno eliminato 120 soldati ucraini della 66/a Brigata meccanizzata e di altre formazioni che i dirigenti russi definiscono "neonaziste". E il leader dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk, Denis Pushilin, ha sostenuto che "la situazione si sta stabilizzando". Ma la perdita di Lyman rappresenta un colpo pesante per i russi, secondo quanto sottolinea un’alta fonte della Difesa occidentale.

Quasi un milione di russi fuggito per evitare la mobilitazione

Anche la Camera alta del Parlamento russo ha intanto ratificato i trattati di annessione delle regioni di Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson, mentre il ministro della Difesa Serghei Shoigu ha affermato che già più di 200mila uomini sono stati reclutati nell’ambito della mobilitazione parziale dichiarata dal presidente Putin il 21 settembre. Quando potranno essere schierati sul campo e come potranno effettivamente cambiare le sorti dei combattimenti, è ancora tutto da chiarire. Mentre Forbes scrive che da quella data tra 700mila e 1 milione di persone hanno lasciato la Russia, anche se non è chiaro quanti lo abbiano fatto per sfuggire effettivamente al reclutamento.

Porte chiuse alla proposta di Elon Musk

Quello che è certo è che i negoziati non danno segni di vita. E nello stigmatizzare Zelensky per il bando ai negoziati con Putin, il Cremlino ha mostrato invece apprezzamento per le proposte lanciate da Elon Musk - e respinte dal presidente ucraino - per cercare di favorire un compromesso. "Il fatto stesso che ci siano persone che riflettono è abbastanza positivo", ha detto Peskov. Che allo stesso tempo, però, ha rifiutato il suggerimento del miliardario sudafricano di ripetere i referendum per l’annessione delle regioni ucraine con osservatori dell’Onu. A bocciare Musk ci hanno pensato anche gli utenti di Twitter che hanno partecipato al sondaggio: quasi il 60% si è dichiarato contrario alla proposta. ATS

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved