la guerra in ucraina
03.10.2022 - 20:05
Aggiornamento: 23:02

Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte

Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni

Ansa, a cura di Red.Estero
kadyrov-manda-i-tre-figli-minorenni-al-fronte
Ramzan Kadyrov, signore della guerra (Keystone)

Akhmat, Eli e Adam hanno 16, 15 e 14 anni. Sono i figli del leader ceceno Ramzan Kadyrov e presto, a detta del padre, saranno anche loro al fronte, a combattere in Ucraina. Perché "è arrivato il momento di provarsi in una vera battaglia e io non posso che accogliere con favore il loro desiderio", ha scritto Kadyrov su Telegram, in quella che sembra l’ultima mossa - in ordine di tempo - sfoderata dal leader carismatico con migliaia di follower, come a volersi confermare sponda per chi in questa missione russa crede in maniera assoluta e poco tollera tentennamenti.

È infatti lo stesso Kadyrov che non ha mancato nelle scorse settimane di criticare i generali di Mosca, proponendo una linea ancor più dura ed estrema in strategia e tattica: meno di un mese fa chiamava alle armi e alla creazione di battaglioni di volontari in ogni regione russa evocando così una specie di auto-mobilitazione, offrendo a questo scopo anche la sua popolarità sui social con interventi sul suo profilo Telegram che conta oltre due milioni di iscritti.

Ieri l’annuncio sull’arruolamento dei tre figli, il cui addestramento militare - dice - era cominciato già da piccoli. I tempi sono maturi, quindi, secondo il leader ceceno, affinché si confrontino con la battaglia sul campo. "La minore età - ha sentenziato - non dovrebbe interferire con l’addestramento dei difensori della nostra madrepatria". Kadyrov ha anche pubblicato il video di uno dei ragazzi impegnato negli addestramenti, mentre manovra armi.

Il precedente

Ma non è la prima volta che l’alleato di ferro di Putin mostra pubblicamente gli effetti della sua educazione sui tre figli: già nel 2016 - come ricorda anche la Bbc - erano stati filmati mentre prendevano a pugni gli avversari in una brutale gara di arti marziali e il video era stato condiviso sui social. In quell’occasione attirando anche critiche in Russia. Non si smentisce, insomma, il leader ceceno nel proporsi come il più duro fra i duri e a questo scopo ricorre anche al sarcasmo nel dichiarare che gli sono state imposte più sanzioni internazionali che al dittatore siriano Bashar al Assad e a quello bielorusso Aleksandr Lukashenko. "Ho persino superato il leader nordcoreano e fanno film hollywoodiani su di lui", ha commentato beffardo. "A proposito, forse vogliono fare un film sul terribile Ramzan Kadyrov a Hollywood? Sono pronto per interpretare il ruolo principale!"

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved