ULTIME NOTIZIE Estero
Russia
2 min

Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio

Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
1 ora

La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia

L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
1 ora

Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati

È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
Ucraina
3 ore

Notte di bombe a nel distretto di Nikopol

Nel mirino degli attacchi russi, in particolare, gasdotti e reti elettriche nella zona della centrale nucleare di Zaporizhzhia
coronavirus
15 ore

L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’

‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
intimidazioni in tutta Europa
16 ore

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
16 ore

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
16 ore

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
17 ore

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
america latina
29.09.2022 - 20:41
Aggiornamento: 21:38

Ortega attacca la Chiesa cattolica: ‘È una tirannia’

Il padre padrone del Nicaragua si scaglia anche contro l’Ue. Il vescovo: ‘Solo bugie’

Ansa, a cura di Red.Estero
ortega-attacca-la-chiesa-cattolica-e-una-tirannia
Daniel Ortega sul palco (Keystone)

La guerra del Nicaragua contro la Chiesa cattolica non conosce limiti. Dopo aver definito "terroristi" e "golpisti" i sacerdoti, il presidente sandinista Daniel Ortega ha attaccato la Chiesa "è una dittatura perfetta". Una dichiarazione durissima, uno schiaffo alla mano tesa di Papa Francesco, che solo due settimane fa aveva assicurato l’avvio di "un dialogo" con Managua, al termine di un anno di crisi sfociata in arresti ed espulsioni di preti e religiosi.

Le violente dichiarazioni del ‘padre padrone’ del Nicaragua, al potere dal 2007, sono un modo per rispedire al mittente gli appelli del mondo cattolico a riportare la democrazia e a porre fine alla repressione del dissenso nel Paese. Appelli che secondo l’esecutivo sandinista sono una morale che il Vaticano non dovrebbe fare. "Chi elegge i sacerdoti? Chi elegge i cardinali? Chi elegge il papa? È una dittatura perfetta, una tirannia perfetta", ha accusato Ortega in un discorso in occasione del 43mo anniversario della fondazione della polizia. "Direi a Sua santità il Papa, con grande rispetto, alle autorità cattoliche - io sono cattolico - come cristiano, non mi sento rappresentato", ha aggiunto, riferendosi alla "storia terribile" della Chiesa, citando l’inquisizione e gli abusi contro i bambini indigeni in Canada.

La risposta della Chiesa

"Li sentiamo parlare di democrazia", ha provocato Ortega, chiedendo che il Papa sia eletto dalla gente, così come accade con un capo di governo. Affondo a cui ha risposto il vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Managua, Silvio Baez: "Quanta ignoranza, quante bugie e quanto cinismo! Un dittatore che impartisce lezioni sulla democrazia", ha scritto in un tweet il prelato, in esilio dal 2019 per motivi di sicurezza. Ma le dure affermazioni di Ortega sono solamente l’ultimo capitolo dei difficili rapporti tra Managua e la Chiesa cattolica, accusata di sostenere l’opposizione, anche in presunti tentativi di golpe.

A marzo scorso, i sandinisti hanno espulso dal Paese il nunzio apostolico Waldemar Stanislaw Sommertag e 18 suore dell’ordine delle Missionarie della Carità fondato da Madre Teresa di Calcutta. Le autorità hanno messo agli arresti otto sacerdoti, tra cui il vescovo Rolando Álvarez, e hanno chiuso media e radio cattolici. Le processioni sono state vietate, e in alcuni casi ci sono state restrizioni per le messe.

Nonostante la repressione, il Papa non vuole chiudere la porta a Managua, non a caso nel viaggio di ritorno dal Kazakistan, a metà settembre, Francesco aveva affermato che "c’è dialogo" con il governo sandinista, "e col dialogo" occorre "risolvere i problemi". Ma Ortega preferisce alimentare le tensioni, isolandosi ancora di più dal resto del mondo, come testimoniato dalle notizie stampa secondo cui l’ambasciatrice dell’Unione europea, Bettina Muscheidt, sarebbe stata dichiarata persona non grata ed espulsa. Una circostanza tuttavia non ancora confermata dalla Commissione europea, ma da leggere come rappresaglia per gli appelli di Bruxelles all’Assemblea dell’Onu affinché si "ponga fine alla repressione degli oppositori politici" in Nicaragua.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved