ULTIME NOTIZIE Estero
Thailandia
23 min

Tutti i monaci positivi all’antidroga: chiude il tempio buddista

Accade in Thailandia. I religiosi sono risultati positivi al test anti-metanfetamina e inviati in una clinica specializzata
Estero
15 ore

La protesta cinese è un foglio bianco

Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
15 ore

Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia

Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
16 ore

A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo

I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Ciad
17 ore

Mega processo con 400 imputati, avvocati in sciopero

Negli scontri tra i manifestanti anti-governativi e la polizia erano morte una cinquantina di persone
Estero
22 ore

Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti

Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
1 gior

In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc

Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
1 gior

C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia

Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
1 gior

Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni

Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
1 gior

Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’

Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
1 gior

‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’

Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Canada
1 gior

Paramedica cerca di rianimare vittima di incidente, è la figlia

‘Si è realizzato il mio peggior incubo’, ha scritto su Twitter la donna accorsa per prima dopo lo scontro fra un’auto e un camion
Confine
1 gior

Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio

Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Video
Messico
2 gior

Sale ballando una scala sacra, turista linciata dalla folla

Una donna cammina lungo la piramide di Kukulkán ‘El Castillo’ nella penisola messicana dello Yucatán. Sarà multata
Italia
2 gior

Quattordicenne ridotta in schiavitù a Roma

Arrestati i genitori dell’adolescente costretta a violenze fisiche e morali: la giovane collocata in una struttura protetta
Confine
2 gior

Un riparo per i senzatetto nell’‘Emergenza freddo’

Da giovedì a Como l’ex caserma dei carabinieri si trasforma in un dormitorio per chi vive per la strada
Iran
2 gior

Rapper rischia la pena di morte: ‘Corruzione sulla Terra’

Toomaj Salehi è accusato di violazione delle leggi della Sharia, per la sua ‘cooperazione con Stati ostili contro la Repubblica islamica’
Gallery
Italia
2 gior

Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi

Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna
Italia
2 gior

Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati

Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
26.09.2022 - 18:52
Aggiornamento: 21:04

Meloni sulla testa di Letta e Salvini

Un riassunto di quel che è successo alle elezioni in Italia, ‘per chi l’ha visto e per chi non c’era’

meloni-sulla-testa-di-letta-e-salvini
(Keystone)

"Düra minga. Non può durare". Sono in molti a minimizzare così – come Ernesto Calindri in un vecchio Carosello – lo schiacciante trionfo di Giorgia Meloni alle elezioni italiane. Dopotutto, i governi romani durano il tempo d’un respiro. Intanto, però, l’ascesa della ‘destra destra’ – coi Fratelli d’Italia al 26%, tanti voti quanti quelli dell’intero centrosinistra, e la coalizione sopra il 43% – garantisce ampi margini di manovra in vista del nuovo esecutivo. E si abbatte come una bastonata, sia pur prevista, sulle teste di molti.

A cominciare dal Partito democratico di Enrico Letta, che col suo 19% raccoglie più o meno lo stesso risultato, già funesto, del 2018. Ma una percentuale da sola non basta a dire l’entità del disastro: il centrosinistra cessa di essere la coalizione più votata perfino in regioni storicamente ‘rosse’ come l’Emilia-Romagna e la Toscana, nei collegi uninominali non ha toccato palla ed è l’unica alleanza progressista in Europa a restare sotto la soglia del 30%. Al segretario molti contestano una campagna tutta giocata sul ‘voto utile’ per arginare Meloni, senza proposte di sostanza, incapace di convincere chi la destra non l’avrebbe votata in ogni caso, ma è stufo di turarsi il naso e scegliere il meno peggio. Il chiodo più lungo nella bara, però, l’ha piantato il fallimento del "campo largo" con altre forze, da Azione/Italia Viva al Movimento 5 Stelle. Letta ha ammesso la sconfitta e ha già detto che non si ricandiderà per un secondo mandato da segretario: dopo di lui potrebbe essere il turno di Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna che nel 2020 riuscì a sventare la conquista di Bologna da parte di Matteo Salvini. Ma circola anche il nome della ‘ticinese’ Elly Schlein, sua vice ora eletta alla Camera, e dell’ex ministro del Lavoro Andrea Orlando.

Dolorosi doppiaggi

È proprio Salvini l’altro grande sconfitto di domenica. La sua Lega si è fermata sotto al 9%, a pochi decimali di distanza perfino dall’ormai mummificato Silvio Berlusconi, ed è stata doppiata da Fratelli d’Italia nelle sue roccaforti venete e lombarde. Questo significa che il Capitano molto probabilmente se la può scordare, quella poltrona da ministro degli Interni che in passato aveva fatto da piedistallo alla sua arrembante spregiudicatezza. Barcolla parecchio anche la sua egemonia sul partito, che però potrebbe faticare a trovare un sostituto vincente. Chi potrebbe essere? Il vicesegretario federale e ministro dello Sviluppo economico, il ‘moderato’ Giancarlo Giorgetti, non ha una personalità particolarmente carismatica. Il presidente del Veneto Luca Zaia ha saputo ottenere un consenso bulgaro nelle sue terre, ma negli assetti del partito finora si è sempre imposto il ‘cerchio meneghino’. Intanto, Salvini fa lo struzzo, rallegrandosi per la vittoria della destra ed esclamando: "Dimettermi? Mai avuta tanta voglia di lavorare".

Livorno, addio

Salvini piange, Meloni ride. Fratelli d’Italia, che nel 2018 aveva preso il 4% dei voti, ha beneficiato del suo ruolo di ‘sola’ opposizione a Mario Draghi, e ha vinto anche laddove la sfida aveva un altissimo valore simbolico. Come a Sesto San Giovanni, cuore della Milano operaia e vecchio fortino del Pci; o a Modena, in Romagna e a Livorno, in quelle che un tempo erano terre di falce, martello e case del popolo.

Conte esce dalle macerie

A mostrare una tenuta quasi soprannaturale non è stato solo Berlusconi. Ha del miracoloso il 15% del Movimento 5 Stelle, liberatosi dalle macerie del governo che esso stesso aveva fatto crollare. Si è trattato di un risultato ottenuto soprattutto al sud, dove temi come il reddito di cittadinanza fanno più breccia: in Campania i grillini si confermano primo partito. Poi d’accordo, arrivavano dal ben più gagliardo 32% di quattro anni fa, e l’abisso che negli ultimi mesi si è aperto col Pd rende improbabile un riavvicinamento tattico; ma la leadership dell’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in questo momento appare solida.

Esclusi e terzi incomodi

Poi ci sono tutti gli altri. Il cosiddetto ‘terzo polo’ di Carlo Calenda e Matteo Renzi ha mancato l’obiettivo del 10%, fermandosi poco sotto all’8 con voti ‘rubati’ soprattutto ai Dem: molti scommettono che i due prim’uomini si separeranno a breve, in cerca di chissà quale nuova avventura. Però almeno sono entrati in parlamento, loro. E pure l’alleanza tra Verdi e Sinistra. Mica come il povero Luigi Di Maio, che una volta uscito dal Movimento 5 Stelle ha dovuto tirar su una lista tutta sua e non è stato eletto: Impegno civico non ha superato neppure la soglia dell’1% necessaria per far contare le proprie schede a favore della coalizione. Salvo riconteggi resterà fuori per un soffio anche +Europa (i ‘post-radicali’ di Emma Bonino). Tra gli altri esclusi, insieme ai no euro di Italexit, anche i rossobruni di Italia sovrana e popolare e i loro contendenti a sinistra di Unione popolare, la formazione dell’ex magistrato e sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Affluenza minima

Un discorso a parte lo merita l’affluenza, ferma al 64% degli aventi diritto: una percentuale che non si era mai vista nell’intera storia repubblicana (valore, per inciso, comunque più alto del 59% alle ultime elezioni cantonali e del 49% alle federali). C’è chi se la prende col maltempo – che domenica ha smentito il gaberiano "chissà perché non piove mai quando ci sono le elezioni" – e chi con limiti più strutturali, quali il disincanto e l’impossibilità di votare fuori sede e per posta. Secondo alcuni esperti, a scontare di più la scarsa partecipazione sarebbe stato soprattutto il Partito democratico. Interessante anche il dato sul voto all’estero, che in Svizzera – come nel resto d’Europa – ha visto in leggero vantaggio la coalizione di centrosinistra.

Andiamo a comandare

Mentre sui social ci si chiede sarcasticamente per chi tifi Meloni alla partita Italia-Ungheria e se i treni arriveranno finalmente in orario, ora per lei si tratterà di governare, sia pure senza quella maggioranza assoluta che le avrebbe permesso di far passare riforme costituzionali schivando il referendum. I giornali italiani cominciano già con la lotteria dei nomi, ma è davvero presto per capire chi potrà aspirare a un ministero ed essere tollerato anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L’entrata in carica del nuovo governo è comunque prevista per l’inizio di novembre, dopo il passaggio al Colle e il voto delle camere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved