Italia
15.09.2022 - 19:57
Aggiornamento: 16.09.2022 - 18:21

Ciao, sono Keanu Reeves e ho un regalo per te. Ma è un ‘pacco’

Crede di essere veramente in contatto con la star di Hollywood: 60enne di Siena truffato di 20mila euro

Ansa, a cura di Red.Web
ciao-sono-keanu-reeves-e-ho-un-regalo-per-te-ma-e-un-pacco
Keystone
Siena? What?

Pensava di essere in contatto con il celebre attore Keanu Reeves ma era un raggiro. Così un 60enne di Siena, caduto nella trappola di uno o più truffatori, è arrivato a sborsare circa 20mila euro per sbloccare un inesistente pacco dono che la finta star di Hollywood gli avrebbe inviato e mai giunto a destinazione.

L’uomo, come riporta oggi La Nazione, ormai diversi mesi fa ha denunciato il raggiro alla Polizia postale di Siena, rivolgendosi anche a Federconsumatori per capire come riuscire a recuperare la somma svanita nel nulla. Adesso ha deciso di rendere pubblico l’accaduto per evitare che altri possano cadere nella stessa trappola.

Il 60enne era entrato in contatto via chat con il presunto Keanu Reeves. La truffa prende avvio da un dono che il finto-attore annuncia di voler fare al senese. Sarebbe partito un pacco dagli Stati Uniti, viene comunicato al senese da un interlocutore che finora non è stato rintracciato dalla Postale. All’uomo viene inviato un link da un’azienda di spedizioni. Il primo bonifico, mille euro, serve per le spese doganali per ritirare il dono.

È solo la prima di una serie di richieste di denaro. Altri mille euro per sbloccare la consegna del pacco, quindi altri 800, poi oltre 3mila, ancora 6mila. Altrettanti vengono sborsati dal 60enne che, complessivamente, nel giro di un mese versa 19’500 euro. Ma il fantomatico pacco dono dell’attore non è mai giunto a destinazione.

Al 60enne non è rimasto che fornire agli investigatori copia delle mail dello spedizioniere, quelle che gli erano state mandate da un presunto avvocato che si sarebbe occupato della pratica per sbloccare l’invio incagliato. E anche la copia delle ricevute dei bonifici fatti. Tutto allegato a una querela contro ignoti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved