ULTIME NOTIZIE Estero
italia
10 ore

Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni

Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
11 ore

Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’

Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
12 ore

‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’

Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Canada
15 ore

Paramedica cerca di rianimare vittima di incidente, è la figlia

‘Si è realizzato il mio peggior incubo’, ha scritto su Twitter la donna accorsa per prima dopo lo scontro fra un’auto e un camion
Confine
16 ore

Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio

Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Video
Messico
20 ore

Sale ballando una scala sacra, turista linciata dalla folla

Una donna cammina lungo la piramide di Kukulkán ‘El Castillo’ nella penisola messicana dello Yucatán. Sarà multata
Italia
20 ore

Quattordicenne ridotta in schiavitù a Roma

Arrestati i genitori dell’adolescente costretta a violenze fisiche e morali: la giovane collocata in una struttura protetta
Confine
20 ore

Un riparo per i senzatetto nell’‘Emergenza freddo’

Da giovedì a Como l’ex caserma dei carabinieri si trasforma in un dormitorio per chi vive per la strada
07.09.2022 - 20:35
Aggiornamento: 22:32

Mottarone, il nonno di Eitan sentito per il rapimento del nipote

Peleg fermato e rilasciato a Pavia: un anno fa aveva prelevato il nipotino portandolo con sé in Israele con un volo privato decollato da Agno

Ansa / Ats, a cura di Red.Web
mottarone-il-nonno-di-eitan-sentito-per-il-rapimento-del-nipote

È stato arrestato, e subito scarcerato, Shmuel Peleg, nonno materno del piccolo Eitan. Accusato del sequestro del bambino, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone verificatasi il 23 maggio 20221, l’uomo è stato sottoposto a interrogatorio di garanzia in tribunale a Pavia. Al termine, il giudice per le indagini preliminari (gip) ha sostituito la custodia cautelare in carcere con il divieto di dimora a Milano, Varese e Pavia, dove il bambino vive con gli zii paterni (tutori legali) e i cuginetti. Disposto anche il divieto di avvicinamento al nipote; nelle prossime ore l’ex militare farà rientro in Israele, a Tel Aviv, dove vive.

Approfittando di una visita concessa dalla famiglia paterna, l’11 settembre dello scorso anno Pelegre, prelevò il bambino dalla casa della zia, Aya Biran, e con la complicità dell’autista Gabriel Abutbul Alo, anche lui arrestato e poi rilasciato per il rapimento, portò il nipote in Israele con un volo privato partito dall’aeroporto di Lugano-Agno. "Pensavo di avere diritto di stare con mio nipote, di aver fatto una cosa lecita. Il piccolo è sempre stato bene con me, non l’ho mai nascosto, appena siamo arrivati a Tel Aviv ho informato subito la zia Aya e le autorità locali", si è difeso nell’interrogatorio, durato circa tre ore.

Si è presentato spontaneamente alle autorità

Peleg, su cui pendeva da mesi l‘ordinanza di custodia in carcere emessa dai magistrati di Pavia e un mandato d’arresto internazionale, "si è presentato stamani spontaneamente a Malpensa", come riferito dall’avvocato Sevesi che lo assiste con la collega Sara Carsaniga. Ad attenderlo c’erano i legali e gli agenti della Squadra mobile per eseguire l’arresto. Una procedura, in pratica, ’concordata’. Nel corso dell’interrogatorio, l’uomo ha ribadito ciò che più volte aveva detto anche in alcune interviste, respingendo l’accusa di aver rapito il nipote, tornato in Italia dopo tre mesi su disposizione del tribunale di Tel Aviv.

Subito portato dall’aeroporto in tribunale, "davanti al gip senza manette e per tre ore ha fornito spiegazioni su tutto, compresi gli aspetti affettivi e sentimentali di questa vicenda", ha spiegato ancora Sevesi. La difesa ha chiesto la revoca o la sostituzione della misura cautelare e il giudice ha sostituito il carcere col divieto di dimora a Pavia, Milano e Varese e di avvicinamento a Eitan senza autorizzazione. In serata, ha chiarito il legale, il 60enne tornerà in Israele. In pratica, per Peleg è stata applicata la stessa procedura seguita per il presunto complice, Gabriel Abutbul Alon. Intanto, dopo la chiusura dell’inchiesta a luglio a carico dei due, si va verso la richiesta di processo.

Leggi anche:

Mottarone, il nonno ha riportato Eitan in Israele da Lugano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved