ULTIME NOTIZIE Estero
intimidazioni in tutta Europa
1 ora

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
1 ora

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
1 ora

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
1 ora

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
2 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
7 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
12 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
13 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
23 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
23 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
23 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
02.09.2022 - 20:59

L’Aiea resta a Zaporizhzhia

Dopo aver lanciato l’allarme sulle condizioni di sicurezza della centrale nucleare, lascerà due ispettori di stanza fissa

Ansa, a cura di Red.Estero
l-aiea-resta-a-zaporizhzhia
(Keystone)

Alla fine l’ha spuntata l’Aiea. Dopo aver lanciato l’allarme sulle condizioni di sicurezza a Zaporizhzhia, denunciando che "l’integrità fisica della centrale" nucleare più grande d’Europa "è stata ripetutamente violata" in questi mesi di guerra in Ucraina, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha ottenuto di poter lasciare stabilmente due dei suoi ispettori nell’impianto, al termine della prima missione di monitoraggio, che si concluderà tra domenica e lunedì. Una "presenza permanente" auspicata con forza dal direttore generale dell’ente, Rafael Grossi, che ha ottenuto l’ok da Mosca, dopo che i filorussi che da inizio marzo controllano la struttura erano a lungo apparsi restii ad ammettere figure esterne, ostacolando fino all’ultimo l’arrivo degli esperti dell’Onu attraverso il territorio controllato da Kiev.

"Due persone rimarranno nell’impianto su base permanente. Lo apprezziamo, poiché la presenza internazionale è chiamata a dissipare numerose speculazioni sullo stato delle cose", ha spiegato Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna, tra cui l’Aiea. Entro lunedì lasceranno invece l’impianto i 5-6 ispettori rimasti per "indagare più a fondo" sulla situazione, dopo la partenza degli altri membri della delegazione di 14 esperti arrivata giovedì. Nel frattempo, dopo poco più di 24 ore, è stato riattivato il reattore numero 5, spento dal sistema d’emergenza dopo i raid nelle vicinanze.

Continua il braccio di ferro

Sull’esito della missione continua però il braccio di ferro tra le parti. Dopo aver richiesto una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu con la partecipazione proprio del capo dell’Aiea, Mosca ha insistito sull’importanza di comunicare "alla comunità internazionale" quanto scoperto dai tecnici, che hanno "avuto accesso dovunque abbiano voluto". Da inizio luglio le forze ucraine, "usando armamenti occidentali, attaccano regolarmente la centrale", creando "un rischio reale di disastro nucleare in Europa", ha denunciato il ministro della Difesa Serghei Shoigu. E solo all’arrivo dei tecnici dell’Onu, hanno sottolineato i filorussi, Kiev ha smesso di bombardare.

Accuse rispedite al mittente dagli ucraini, secondo cui "gli occupanti" hanno fatto "ogni sforzo per impedire alla missione dell’Aiea di conoscere il reale stato delle cose nella centrale", diffondendo "manipolazioni e false informazioni". Nell’area di Zaporizhzhia, in ogni caso, gli scontri sono proseguiti, compresi i raid nel distretto di Energodar, la cittadina che ospita l’impianto, mentre Kiev ha rivendicato di aver colpito sistemi militari nemici.

Intanto, sul conflitto ormai entrato nel settimo mese, con gli sforzi di Kiev sempre più concentrati sulla controffensiva a sud nella regione di Kherson, tornano ad alzarsi i toni tra Mosca e Washington. "Mettiamo in guardia gli Usa dal fare passi provocatori, compresa la fornitura all’Ucraina di armi di sempre più lunga gittata e più distruttive", ha detto il viceministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov, affermando che c’è ormai solo una "sottilissima linea a separare gli Stati Uniti dal diventare una parte in conflitto" e "le sfacciate forze antirusse non devono illudersi che tutto rimarrà immutato, una volta che quella linea sarà stata superata".

Nel frattempo, continuano a farsi sentire anche gli effetti geopolitici della guerra, compreso l’ulteriore avvicinamento tra Russia e Cina. A partire da domenica, Vladimir Putin sarà in viaggio nell’estremo oriente russo - dalla Kamchatka a Vladivostok - per partecipare a diversi incontri economici e supervisionare la fase finale delle maxiesercitazioni militari Vostok 2022 (Est 2022), cui partecipano circa 50 mila soldati, 140 aerei da combattimento e 60 unità navali. Manovre a cui Pechino ha inviato un’imponente delegazione militare, con oltre duemila soldati e 300 mezzi, e, per la prima volta a un ciclo di operazioni a guida russa, rappresentanze di Esercito, Marina e Aeronautica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved