ULTIME NOTIZIE Estero
intimidazioni in tutta Europa
17 min

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
25 min

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
30 min

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
45 min

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
2 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
6 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
11 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
12 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
22 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
22 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
29.08.2022 - 20:21

Moqtada Sadr annuncia il ritiro, caos e scontri a Baghdad

Almeno 8 morti, coprifuoco in tutto l’Iraq. ma le violenze continuano. Gli Stati Uniti si dicono ‘preoccupati’.

Ansa, a cura di Red.Estero
moqtada-sadr-annuncia-il-ritiro-caos-e-scontri-a-baghdad
Keystone
Altra giornata di ordinaria violenza a Baghdad

Beirut – Una giornata di ordinaria violenza è andata in scena a Baghdad, in un Iraq sempre più dilaniato dalla contesa inter-sciita tra il leader Moqtada Sadr, vincitore alle ultime elezioni, e i partiti armati filo-iraniani, sconfitti alle urne ma da anni parte del sistema egemonico iracheno. E mentre l’Iran ha sospeso i voli di linea per l’Iraq e gli Stati Uniti descrivono la situazione "preoccupante", il bilancio provvisorio delle violenze sale col passare delle ore: 8 sono gli uccisi e decine i feriti da spari di arma da fuoco esplosi da non meglio precisati uomini armati.

Alcune fonti accusano membri delle milizie jihadiste sciite filo-iraniane, ostili proprio ai sadristi, che hanno strappato e dato alle fiamme i simboli dell’influenza iraniana in Iraq. Altre fonti puntano invece il dito contro le forze di sicurezza governative, intervenute con gas lacrimogeni e "proiettili sparati ad altezza uomo" per disperdere la folla di seguaci di Sadr nella super-fortificata Zona Verde, dove sorgono le sedi istituzionali, le ambasciate, gli uffici dell’Onu e di altre organizzazioni straniere.

Coprifuoco senza effetti apparenti

L’esercito ha prima annunciato l’imposizione del coprifuoco a Baghdad e poi, in serata, ha esteso la misura a tutto il Paese. Ma le violenze sono proseguite, con scontri nelle strade di miliziani delle fazioni rivali.

La spirale di violenza si era innescata a metà giornata quando i sadristi si sono mobilitati in massa nella Zona Verde dopo che il loro leader aveva annunciato di ritirarsi dalla vita politica: una decisione solo in apparenza estrema, appositamente presa da Sadr per sparigliare le carte negoziali nel contesto del muro contro muro da mesi in corso con il fronte sciita rivale. Centinaia di suoi seguaci hanno così preso d’assalto il Palazzo della Repubblica, sede del governo, dopo che nelle settimane scorse avevano occupato i locali del parlamento e, nei giorni scorsi, avevano minacciato di fare altrettanto con la sede del Consiglio superiore della magistratura.

Legittimità elettorale, ma ambizioni frenate

Sadr, che vanta discendenze dirette dal profeta Maometto, è rampollo ormai maturo di una delle casate sciite più influenti di tutto il Medio Oriente, con ramificazioni dall’Iran al Libano. Bollato a lungo come leader populista e radicale, l’ex capo delle milizie anti-americane nell’Iraq post-Saddam ha nel corso degli anni preso sempre più le distanze dal vicino Iran e rafforzato la base di consenso: traducendo la popolarità in una serie di successi elettorali, fino alla vittoria, netta, registrata alle consultazioni di ottobre scorso (73 seggi sui 329 totali).

In un Medio Oriente in cui i governi non vengono quasi mai guidati da chi vince le elezioni bensì da oligarchie capaci di dividersi la torta del potere attraverso la formula dell’unità nazionale, Sadr ha per mesi insistito, invano, nel voler ricoprire un ruolo di spicco sia nella scelta del premier (uno sciita) sia nella nomina del capo di Stato (un curdo), cariche entrambe vacanti.

Dentro e fuori l’Iraq, dominato dalla spartizione di influenza iraniana e statunitense, nessuno ha sostenuto la formula di Sadr, che ha fatto più volte ricorso alla sua arma migliore: la mobilitazione dei suoi seguaci con l’occupazione fisica dei luoghi del potere istituzionale. Di fronte all’ennesimo stallo, Sadr ha prima ritirato tutti i suoi deputati e ha poi chiesto lo scioglimento del parlamento, mosse rivelatesi inefficaci. Ha così invitato, sabato scorso, tutti i leader politici, lui compreso, a ritirarsi da ogni carica politica. Fino all’annuncio odierno, quando gli eventi sono precipitati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved