ULTIME NOTIZIE Estero
la guerra in ucraina
3 ore

La Lettonia oscura il canale indipendente russo Dozhd

‘Sostiene la guerra’. Navalny protesta: ‘Errore, è un favore a Putin’
Estero
3 ore

L’Iran non cede sul velo e minaccia di bloccare i conti

Via la polizia morale nel piano di Teheran: ‘Misure punitive più moderne’. La protesta continua
Confine
6 ore

La Como-Lecco sarà elettrificata entro il 30 giugno 2026

Palazzo Lombardia fornisce il cronoprogramma aggiornato. Entro il prossimo aprile terminerà la progettazione. Cantieri al via a inizio 2025.
Estero
8 ore

Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia

Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
9 ore

Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana

L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
14 ore

L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio

Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
16 ore

La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘Un grande marxista e leader’

Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
1 gior

Kiev attacca in Russia: colpite due basi

Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
1 gior

Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’

I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Confine
1 gior

Due frane rendono la vita difficile ai frontalieri

Gli smottamenti si sono verificati nell’Alto Varesotto. Disagi lungo le vie di collegamento
Kosovo/Serbia
27.08.2022 - 15:02

Vucic: ‘Inutile insistere su mutuo riconoscimento’

Il presidente serbo respinge con fermezza ogni ipotesi di riconoscimento dell’indipendenza di Pristina

Ats, a cura di Red.Web
vucic-inutile-insistere-su-mutuo-riconoscimento

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha delineato un quadro poco incoraggiante sullo stato del negoziato sul Kosovo, respingendo nuovamente e con fermezza ogni ipotesi di riconoscimento dell’indipendenza di Pristina e condizionando la prosecuzione del dialogo alla creazione della Comunità delle municipalità serbe in Kosovo.

Parlando in diretta televisiva, Vucic ha constatato l’assenza di risultati concreti nelle ultime sessioni negoziali con la dirigenza kosovara, definendo estremamente difficili i colloqui degli ultimi giorni con gli inviati Ue e Usa, Miroslav Lajcak e Gabriel Escobar.

"Quello su cui insistiamo è che non ha più alcun senso continuare a negoziare senza la Comunità delle municipalità serbe in Kosovo", ha detto Vucic, ribadendo le accuse a Pristina di non rispettare gli accordi raggiunti finora con la mediazione europea. Tale Comunità è prevista dagli accordi sottoscritti a Bruxelles nel 2013 nell’ambito del dialogo facilitato dall’Ue.

Richiesta a gran voce da Belgrado, di essa tuttavia non vuol sentir parlare Pristina, che la considera un organismo contrario alla costituzione del Kosovo che vieta la creazione di entità monoetniche sul territorio del paese. Per il premier Albin Kurti si tratterebbe di una riedizione in Kosovo della Republika Srpska, l’entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina, il cui leader Milorad Dodik è nel mirino della comunità internazionale per le sue crescenti aspirazioni secessioniste. A suo dire, accettare un simile organismo è stato un grave errore della passata dirigenza.

Per Vucic, nelle ultime tornate negoziali è stato constatato il persistere di una enorme distanza nelle posizioni di Belgrado e Pristina, a cominciare dal sì all’indipendenza di Pristina e dal mutuo riconoscimento fra Serbia e Kosovo - punti questi sui quali insiste la dirigenza kosovara ma che Belgrado esclude categoricamente.

Per questo, ha detto il presidente, "è inutile continuare a venire a Belgrado con queste richieste, che sono insensate. L’ho detto a Bruxelles, a Belgrado e lo ripeto ora - è inutile perdere tempo e sprecare denaro" per nuove missioni.

A pochi giorni dall’entrata in vigore, il primo settembre, del divieto per i serbi del Kosovo di documenti e targhe automobilistiche emessi da istituzioni a Belgrado, Vucic ha pure ribadito che per Belgrado è fondamentale che i serbi del Kosovo possano entrare e uscire dal Kosovo liberamente presentando documenti rilasciati dalla Serbia.

Per il presidente, Pristina potrà rilasciare da parte sua propri documenti di identità per ragioni pratiche e per facilitare gli spostamenti, essi però non saranno esclusivi e non rappresenteranno un riconoscimento implicito dell’indipendenza della sovranità statale del Kosovo. Belgrado, che non riconosce l’indipendenza del Kosovo, non può consentire che i serbi del Kosovo vengano trattati come stranieri.

Sulla questione delle targhe invece Vucic ha constatato che non vi è ancora alcuna intesa, e che non si può prevedere cosa accadrà dopo il primo settembre. L’importante, ha sottolineato, è che le eventuali proteste della popolazione serba si svolgano in maniera pacifica senza eccessi e violenze.

Il provvedimento, che doveva inizialmente entrare in vigore il primo agosto, fa infatti temere nuove proteste e disordini come avvenuto a fine luglio. Per prevenire nuove violenze Kfor e Eulex hanno rafforzato il pattugliamento e l’attività di controllo nel nord del Kosovo a maggioranza serba.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved