Italia
25.08.2022 - 08:19
Aggiornamento: 15:59

La terra trema per parecchi secondi nel Pordenonese

Da anni nella zona, già duramente colpita da un sisma nel 1976, non si avvertiva più una scossa così chiaramente e, soprattutto, così prolungata

Ansa, a cura di Red.Web
la-terra-trema-per-parecchi-secondi-nel-pordenonese
Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia
La località interessata dal sisma

Una scossa di terremoto di magnitudo 3,5 è stata registrata la notte scorsa alle 2.34 a due chilometri da Frisanco (Pordenone). Il sisma ha avuto epicentro a 12 chilometri di profondità.

La scossa è stata avvertita in modo molto forte nell’area nei pressi dell’epicentro, svegliando la gente e causando tra loro forte spavento. Non si segnalano per fortuna danni a persone o a cose. Numerose le telefonate giunte al centralino delle forze dell’ordine e dei soccorsi in generale.

In tanti, soprattutto nella zona delle valli, sono scesi in strada, temendo che la terra tremasse nuovamente, invece la scossa è stata l’unica.

A sorprendere, e spaventare, è stata soprattutto la durata, di molti secondi. Raggiunto telefonicamente, il sindaco di Frisanco, Sandro Rovedo, ha confermato di non aver ricevuto segnalazioni in merito a danni o a persone ferite. Secondo alcuni residenti della zona – tra i quali è sempre vivo il ricordo del terremoto del 1976 – da anni non si avvertiva una scossa così chiaramente e soprattutto lunga nel tempo.

Negli ultimi 30 giorni si sono verificati 11 terremoti in un raggio di 30 chilometri intorno all’area dell’epicentro, Frisanco, tra i comuni di Arta terme, Tolmezzo a Est e, sul versante opposto, nel Parco naturale delle Dolomiti friulane. Il più forte dei terremoti registrati nei giorni scorsi aveva magnitudo 3,4. Lo segnala l’Istituto nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (Ogs) di Trieste.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved