ULTIME NOTIZIE Estero
italia
4 ore

Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare

Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
4 ore

‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina

Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
5 ore

Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’

Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
8 ore

In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea

La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
8 ore

Elon Musk diventa il più ricco d’America

Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
9 ore

Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3

Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
Confine
10 ore

Scacchi, al Trofeo Castello in Valsolda vince Luca Baluta

La quinta tappa del VII° Grand Prix under 16 della Svizzera italiana si è tenuta sabato 24 settembre
LA GUERRA IN UCRAINA
11 ore

Un agosto a Kaliningrad

Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
16.08.2022 - 17:44
Aggiornamento: 18:56

Roma dà l’addio a Piero Angela. Alberto: ‘Come Leonardo in casa’

Si è svolta oggi la cerimonia funebre laica per l’amatissimo divulgatore scientifico italiano

Ats, a cura di Red.Web
roma-da-l-addio-a-piero-angela-alberto-come-leonardo-in-casa
Foto: Marco Poggiaroni, CC BY 2.0, attraverso Wikimedia Commons

Un grazioso quadretto con le note della celeberrima Aria sulla quarta corda di Bach, storica sigla di Quark, accanto a un piccolo razzo spaziale e a un dinosauro con la scritta ‘grazie Maestro’. E poi ancora diversi mazzi di fiori e tanti messaggi di gratitudine e lettere in busta chiusa.

È palpabile, in questi piccoli oggetti posti accanto al suo feretro ricoperto di rose rosse, l’affetto commosso e sincero che circonda Piero Angela, scomparso il 13 agosto a 93 anni, a cui oggi Roma e tutta Italia hanno dato l’ultimo saluto.

La cerimonia laica, trasmessa in diretta dalla Rai, si è svolta nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, alla presenza dei familiari, la moglie Margherita Pastore, i figli Alberto e Christine, i nipoti, degli amici stretti e dei collaboratori, e con le istituzioni, dal sindaco di Roma Roberto Gualtieri che ha accolto il feretro al governatore del Lazio Nicola Zingaretti, e i vertici di viale Mazzini, dalla presidente Marinella Soldi all’ad Carlo Fuortes.

"Ho avuto la sensazione di avere Leonardo da Vinci in casa, che dava la risposta giusta sempre con una capacità di sintesi e analisi in modo pacato. Lui amava ripetere un aforisma di Leonardo da Vinci: ‘Siccome una giornata ben spesa dà lieto dormire così una vita ben usata dà lieto morire. Ci ha insegnato tante cose, con libri e trasmissioni, ma anche con l’esempio: negli ultimi giorni mi ha insegnato a non aver paura della morte".

"La sua serenità mi ha davvero colpito. Se ne è andato soddisfatto come quando ci si alza dopo una cena con gli amici", ha detto commosso Alberto Angela nel corso del funerale laico, conclusosi poco dopo le 11 con un lunghissimo applauso.

"Sembrava riservato ma dentro aveva un fuoco. Continuerà a vivere in tutti quei ragazzi che con sacrificio cercano l’eccellenza, nei ricercatori, nelle persone che cercano di unire, che cercano la bellezza della natura e di assaporare la vita. La sua è un’eredità non fisica ma di atteggiamento alla vita. Nel suo ultimo comunicato ci ha detto di fare la nostra parte, e anche io ora cercherò di fare la mia".

"Oggi non c’è solo il dolore per il lutto ma anche un sentimento di affetto straordinario e riconoscenza per una persona bellissima che ha saputo unire la razionalità e la passione per la scienza all’umanità e alla mitezza", ha detto il sindaco Gualtieri dopo la breve cerimonia a cui è seguita la camera ardente.

Dalle 11.30 le porte della Sala della Protomoteca, piena di corone (tra cui anche quella della Presidenza della Repubblica e della Presidenza del Consiglio), e con i gonfaloni delle città di Roma e Torino (dove Angela è nato nel 1928), della Regione Piemonte e del Comune di Montelupo Fiorentino (di cui il giornalista era cittadino onorario dal 2018), si sono aperte per lasciar entrare i tantissimi che hanno sfidato il caldo afoso della Capitale: centinaia e centinaia di persone in fila, composte e silenziose, giunte già prima delle 10 per portare a Piero Angela il proprio doveroso omaggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved