12.08.2022 - 17:43
Aggiornamento: 19:19

Il tricheco gioca con le barche e le affonda, Oslo lo minaccia

L’animale ha preso l’abitudine di salire sulle imbarcazioni a prendere il sole mandandole a picco e attira troppo l’attenzione del pubblico

Ats, a cura di Red.Web
il-tricheco-gioca-con-le-barche-e-le-affonda-oslo-lo-minaccia
Keystone

Un tricheco, che da un po’ di tempo abita il fiordo di Oslo, ha preso l’abitudine di salire sopra le barche per stendersi al sole, facendone affondare diverse.

I trichechi, come le foche e le otarie, normalmente abitano latitudini più settentrionali, ma uno di questi grandi mammiferi marini gioca con la gente, che spesso l’avvicina in modo pericoloso.

E il ministero per la pesca norvegese, citato dalla Bbc, ha minacciato di abbattere con l’animale, soprannominato Freya, se continuerà ad attirare così tanto l’attenzione del pubblico.

Il grande pinnipede, una femmina, pesa oltre 600 chili ed è diventato anche un compagno di nuoto per molte persone e attrazione di molti bambini, che corrono rischi toccandolo e standogli attorno, sebbene gli attacchi mortali di trichechi siano piuttosto rari.

"II fatto che il tricheco sia diventato un’attrazione sottolinea la necessità di prendere delle contromisure. La nostra paura più grande è che qualcuno possa ferirsi", avendo la polizia della capitale norvegese assistito a episodi potenzialmente pericolosi. Nell’attesa di decidere cosa fare, la polizia sconsiglia di avvicinarsi al grosso animale, avvertendo che se venisse abbattuto, sarebbe per il bene del pubblico e anche dello stesso tricheco che, sostiene Oslo, è "in stato di stress" proprio perché al centro di un’attenzione così grande.

I trichechi sono specie protetta e normalmente, nel loro ambiente, non sono molto pericolosi. Con delle eccezioni, come quella in un parco naturalistico cinese, dove nel 2016 un turista che si faceva un selfie con l’animale è stato trascinato sott’acqua e ucciso da quest’ultimo, come lo è stato anche il custode che si è tuffato in acqua per cercare di salvarlo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved