ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
26 min

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
3 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
8 ore

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
14 ore

‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’

A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
Serbia
15 ore

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
Confine
17 ore

Como, la vista del lago scompare da piazza Cavour

Continuano i lavori per le paratie anti-esondazione. Le baracche da cantiere resteranno a ridosso della biglietteria fino alla prossima primavera.
Conflitto Russia/Ucraina
18 ore

Chiamati alla leva quasi tutti i tartari di Crimea

In soli tre giorni sono state 1’500 le convocazioni alla mobilitazione distribuite alla comunità tartara
Corea del Nord
22 ore

Lanciato missile balistico nel Mar del Giappone

La guardia costiera nipponica non ha segnalato incidenti che abbiano riguardato navi o imbarcazioni
italia
22 ore

Mafia: 34 anni fa l’uccisione di Mauro Rostagno

Il giornalista si era a lungo impegnato a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto politico del Trapanese
Italia
22 ore

Urne aperte, italiani pronti al voto

Quasi 51 milioni di cittadini devono scegliere i 600 membri di Camera e Senato. Si voterà in una sola giornata: i seggi chiuderanno questa sera alle 23
Estero
1 gior

Malgrado i correttivi, Nutriscore è fuorviante

Sono le conclusioni a cui giunge l’ong a tutela dei consumatori Safe, secondo cui questa classificazione degli alimenti ‘produce nuove distorsioni’
Venezuela
1 gior

Da patrona del Venezuela orientale a protettrice dei coralli

Il rispetto per la Vergine della Valle prevale su tutto: niente più reti a strascico nella zona, che diventa sede di un museo sommerso
stati uniti
11.08.2022 - 20:21
Aggiornamento: 21:01

Trump non ha risposto 400 volte

L’ex presidente festeggiato nel suo golf club in New Jersey, ma il procuratore James pensa di portarlo a processo

Ansa, a cura di Red.Estero
trump-non-ha-risposto-400-volte
Un uomo con la maschera di Trump sotto alla Trump Tower di New York (Keystone)

Multa o causa? La scelta di Donald Trump di invocare il V emendamento e non rispondere, per oltre 400 volte, alle domande della procuratrice di New York, lascia Letitia James davanti a un bivio. Nelle prossime settimane dovrà decidere se citare in giudizio l’ex presidente e portarlo a processo o cercare un accordo, tenendo presente il fatto che essendo la sua un’indagine civile il tycoon rischia al massimo una pesante sanzioni finanziaria. Trump, intanto, si gode l’armonia ritrovata con il partito repubblicano dopo il blitz dell’Fbi e i successi dei suoi candidati alle ultime primarie ritirandosi nel suo golf club in New Jersey, circondato dai sostenitori. Durante l’udienza a Manhattan l’ex presidente si è rifiutato di rispondere per 450 volte, secondo quanto hanno rivelato fonti informate ai media americani.

L’avvocato del tycoon, Ron Fischetti, ha rivelato che l’unica domanda alla quale non si è potuto negare è stata quella sul suo nome. Un diritto, quello di invocare in questa particolare indagine la facoltà di non rispondere, riconosciuto anche dalla procuratrice di New York, che ha confermato che Trump si è appellato al V emendamento "in modo corretto". E tuttavia, sottolineano dall’ufficio dell’Attorney General democratica, l’indagine sul gruppo del tycoon vanno avanti. "Seguiremo i fatti e la legge ovunque essi ci portino". A questo punto se James deciderà di fare causa la decisione di tacere potrebbe rivelarsi un boomerang per Trump.

La strategia

Nelle cause civili negli Stati Uniti, infatti, i giurati sanno che possono tenere in considerazione l’invocazione del V emendamento e interpretarlo come il tentativo di nascondere qualcosa. Un elemento che invece non può essere calcolato nei processi penali. Se la procuratrice dovesse vincere nel processo civile, l’ex presidente potrebbe essere costretto a pagare una pesante sanzione e vedere le sue attività commerciali a New York fortemente ridimensionate. Con questa minaccia in mano, gli avvocati della James potrebbero cercare di convincere il tycoon a rispondere a qualche domanda e trovare un accordo. Intanto continuano a emergere dettagli sul blitz dei federali a Mar-a-Lago. Tre fonti informate hanno riferito al Nyt che Trump aveva ricevuto una convocazione questa primavera per presentare documenti che secondo l’Fbi non aveva consegnato nel momento in cui aveva restituito agli Archivi nazionali i 15 scatoloni di carte portate via dalla Casa Bianca.


La villa perquisita in Florida (Keystone)

Secondo il Wall Street Journal, inoltre, dopo una prima visita "amichevole" degli agenti in Florida due mesi fa - circostanza che era già emersa subito dopo il blitz -, l’Fbi ha ricevuto una soffiata che Trump nascondesse carte ufficiali classificate nella sua residenza. E da qui è partita la macchina che ha portato alla perquisizione di qualche giorno fa. Un’operazione tenuta segreta sino all’ultimo anche all’interno del dipartimento di Giustizia facendo storcere il naso ad alcuni funzionari. Pare infatti che gli agenti arrivati nella villa di Trump non indossassero neppure la divisa con la scritta Fbi e si siano presentati la mattina, e non di notte come avviene di solito, per non destare scalpore.

Ma più che i dissidi interni ciò che preoccupa i vertici dell’Agenzia e del dipartimento sono le minacce online, in alcuni casi di morte, seguite alla perquisizione. Il direttore dell’Fbi, Christopher Wray, le ha definite "inquietanti". "La violenza contro le forze dell’ordine non è mai la risposta", ha detto. Oltre lui e i suoi agenti nel mirino sono finiti anche il ministro della Giustizia, Merrick Garland, e il giudice che ha approvato il blitz, Bruce Reinhart. Trump, invece, è tornato come un vincitore nel suo golf club a Bedminster per ospitare una raccolta fondi per un deputato repubblicano. Secondo quanto riferito dai presenti il tycoon è stato accolto trionfalmente dai suoi sostenitori con i quali si è intrattenuto per circa mezz’ora e ha risposto a tutte le domande.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved