ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Verso l’Italia con una pistola e 11mila euro, fermato a Brogeda

A carico del conducente di un’autovettura è scattata la segnalazione e il sequestro dell’arma, oltre alla contestazione per la valuta non dichiarata
Stati Uniti
5 ore

Colpo partito sul set di Rust, incriminato formalmente Baldwin

L’attore sparò con una pistola di scena convinto che fosse caricata a salve e colpì la direttrice della fotografia.
Estero
5 ore

Il Senato italiano approva l’accordo fiscale sui frontalieri

Unanimità quasi totale, con un solo astenuto e nessun voto contrario: passa ora alla Camera dove il sì appare scontato. Discusso anche il nodo telelavoro
Oceania
7 ore

Australia, ritrovata la capsula radioattiva

Le ricerche della capsula erano cominciare a metà gennaio, quando era stata smarrita durante il trasporto su un camion da una miniera
reportage dal myanmar
11 ore

La guerra nascosta a due anni dal golpe

Le vittime degli scontri tra i ribelli e i soldati curate in centri clandestini. Non si può nemmeno studiare, le scuole sono prese di mira dai militari
Estero
18 ore

Trovati morti in Spagna un uomo e una donna, forse svizzera

Possibile femminicidio-suicidio in un’abitazione nella località di La Línea de la Concepción (Cadice)
Estero
20 ore

Il Papa a Kinshasa: ‘Giù le mani dall’Africa’

‘In Congo c’è stato un genocidio’. Folla oceanica per le strade. ‘Basta con lo sfruttamento delle risorse naturali’
Estero
20 ore

Francia ancora in piazza contro la pensione a 64 anni

Di nuovo in strada 12 giorno dopo la prima grande mobilitazione. Guerra di cifre: 500mila per gli organizzatori, 87mila per la prefettura
economia
20 ore

Brexit, tre anni dopo il Regno Unito annaspa nella delusione

Unico Paese del G7 in recessione. Ma Sunak sfida le proteste: ‘Ce la faremo’
la guerra in ucraina
20 ore

Biden chiude agli F16, ma Kiev insiste: ‘Ne servono 200’

Dopo la Germania e gli Usa si accoda anche Londra. Mattarella: ‘Gli aiuti militari servono a far cessare la guerra’
russia
20 ore

L’ex speechwriter di Putin: ‘Ci sarà il golpe entro un anno’

Abbas Gallyamov: ‘La guerra è persa, per i russi diventa un dittatore di serie B’
Confine
23 ore

Ponte di Ribellasca, in arrivo nuove barriere

Il manufatto, di riconosciuto pregio storico, non può essere munito di guardrail tradizionali. L’Anas studia l’alternativa
Estero
1 gior

L’incendio di auto della Polizia locale rivendicato da anarchici

Su alcuni siti dell’area è stata pubblicata un’e-mail anonima, che esprime solidarietà ad Alfredo Cospito, in sciopero della fame al 41bis a Milano
Confine
1 gior

Stato di agitazione del personale delle dogane di Como

L’obiettivo dei sindacati è quello di ottenere l’arrivo di altri funzionari e di ovviare alla carenza di personale in servizio
29.07.2022 - 07:38
Aggiornamento: 15:39

‘La Chiesa neghi l’idea di civiltà superiore alle altre’

Nei Vespri nella cattedrale di Notre-Dame di Québec, papa Francesco risponde alla protesta di alcuni indigeni sulla ‘Dottrina della Scoperta’

Ansa / Ats, a cura di Red.Web
la-chiesa-neghi-l-idea-di-civilta-superiore-alle-altre
Keystone
Il Santo Padre

La Chiesa deve liberarsi una volta per tutte dall’idea che esista una cultura "superiore alle altre" e che questo possa legittimare l’uso di "mezzi di coercizione" e di "dominio". È già, ‘in nuce’, una risposta alla protesta inscenata da alcuni indigeni nel santuario nazionale di Sainte-Anne-de-Beaupré, che gli chiedevano con uno striscione di cancellare la cosiddetta "Dottrina della Scoperta", quanto detto da papa Francesco nei Vespri nella cattedrale di Notre-Dame, a Québec, con i vescovi e gli altri rappresentanti del clero canadese.

"Pensando al cammino di guarigione e riconciliazione con i fratelli e le sorelle indigeni, mai più la comunità cristiana si lasci contaminare dall’idea che esista una superiorità di una cultura rispetto ad altre e che sia legittimo usare mezzi di coercizione nei riguardi degli altri", ha detto il Pontefice nell’omelia. "Recuperiamo l’ardore del vostro primo vescovo, Saint François de Laval, che si scagliò contro tutti coloro che degradavano gli indigeni inducendoli a consumare bevande per truffarli. Non permettiamo che alcuna ideologia alieni e confonda gli stili e le forme di vita dei nostri popoli per cercare di piegarli e di dominarli", ha aggiunto.

Durante la celebrazione del mattino nel Santuario nazionale, un gruppo di nativi aveva innalzato davanti all’altare, e poi all’ingresso della basilica, uno striscione con la scritta ‘Rescind the Doctrine’ (Cancella la Dottrina), con riferimento al pronunciamento della Chiesa cattolica vecchio più di 500 anni che diede libero sfogo alle potenze coloniali per invadere qualsiasi terra non ancora ‘scoperta’ dai cristiani e schiavizzarne le popolazione. Una norma, la bolla papale di Niccolò V del 1452, mai abrogata, che secondo i contestatori sarebbe alla base ancora di politiche contro i nativi, come in Canada i piani di assimilazione delle comunità autoctone e lo stesso sistema delle scuole residenziali – e i conseguenti orrori al loro interno – gestito in gran parte proprio dalla Chiesa cattolica.

Per chi protesta, in altre parole, le ‘storiche’ richieste di perdono del Papa di questi giorni non bastano se non viene anche cancellata la ‘Discovery Doctrine’. E questa visione trova ascolto anche ai piani alti della politica canadese, se è vero che lo stesso premier Justin Trudeau, presente anche lui alla protesta nel Santuario, pur riconoscendo l’"impatto enorme" della visita del Papa, ha dichiarato oggi che la Chiesa deve "intraprendere azioni concrete" per "affrontare la Dottrina della Scoperta".

L’effetto positivo della visita papale, intanto, è garantito anche dal fatto che il governo canadese, tramite la ministra degli Esteri Melanie Joly, ha promesso di nominare presto un ambasciatore presso la Santa Sede, dopo tre anni di presenza di un solo incaricato d’affari.

"Ma per sconfiggere questa cultura dell’esclusione occorre che iniziamo noi: i pastori, che non si sentano superiori ai fratelli e alle sorelle del Popolo di Dio; gli operatori pastorali, che non intendano il loro servizio come potere – ha detto ancora Francesco nei Vespri in cCattedrale –. Si inizia da qui". "Voi siete i protagonisti e i costruttori di una Chiesa diversa: umile, mite, misericordiosa, che accompagna i processi, che lavora decisamente e serenamente all’inculturazione, che valorizza ognuno e ogni diversità culturale e religiosa. Offriamo questa testimonianza!", ha esortato.

E un altro forte richiamo del Papa ha riguardato la piaga della pedofilia. "La Chiesa in Canada ha iniziato un percorso nuovo, dopo essere stata ferita e sconvolta dal male perpetrato da alcuni suoi figli – ha affermato –. Penso in particolare agli abusi sessuali commessi contro minori e persone vulnerabili, scandali che richiedono azioni forti e una lotta irreversibile. Io vorrei, insieme a voi, chiedere ancora perdono a tutte le vittime. Il dolore e la vergogna che proviamo devono diventare occasione di conversione: mai più!".

Nell’estremo Nord il capolinea del viaggio del Pontefice

Oggi papa Francesco conclude il suo viaggio apostolico in Canada, iniziato domenica, facendo tappa nell’estremo Nord del Paese, a Iqaluit, capitale del Territorio di Nunavut, a ridosso del Circolo polare artico, prima del rientro a Roma. Il programma della giornata prevede dapprima a Québec, alle 9 locali (le 15 in Svizzera), che il Papa incontri privatamente i membri della Compagnia di Gesù presso l’Arcivescovado, dove alle 10.45 (le 16.45 svizzere) incontrerà anche una delegazione di indigeni presenti nella provincia francofona. Francesco partirà quindi per Iqaluit, dove arriverà alle 15.50 locali (21.50), incontrando nella scuola elementare, in privato, alcuni alunni delle ex scuole residenziali per gli indigeni, e subito dopo i giovani e gli anziani nell’adiacente piazzale.

Dopo la cerimonia di congedo all’aeroporto di Iqaluit, il Pontefice ripartirà quindi per Roma alle 18.45 locali (00.45), con arrivo previsto a Fiumicino alle 7.50 di domani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved