ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
12 min

Como, approvato il nuovo piano di sicurezza in città

Più zone rosse, niente bottiglie di alcol in strada e bottiglietta d’acqua obbligatoria per chi porta a spasso il cane
Estero
12 min

I politici italiani? ‘Non hanno un amico’

Il comico Luca Bizzarri stila un breve bilancio sulle bizzarrie comunicative della campagna elettorale appena conclusa
Estero
39 min

TikTok rischia 30 milioni di multa nel Regno Unito

L’azienda avrebbe violato la legge sulla protezione dati britannica non proteggendo adeguatamente le informazioni personali dei minori di 13 anni
Estero
2 ore

Spari in una scuola in Russia: 7 bimbi morti, suicida il killer

Uccisi anche due insegnanti e due guardie di sicurezza. La sparatoria a Izhevskn nella Russia centrale
Estero
4 ore

Un affarista russo ammette di aver fondato il gruppo Wagner

L’imprenditore, che sarebbe anche a capo di una ‘fabbrica di troll’ della propaganda di Mosca, aveva in precedenza negato collegamenti con i mercenari
Estero
4 ore

Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’

Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
Estero
6 ore

‘La Russia non parli alla leggera di armi nucleari’

Il segretario di Stato americano Antony Blinken conferma le comunicazioni ad alto livello con Mosca
Estero
6 ore

 Pianificava una strage di massa, 37enne arrestato in California

Dopo l’arresto l’uomo ha minacciato di uccidere gli agenti e le loro famiglie
Estero
7 ore

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
10 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
15 ore

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
21 ore

‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’

A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
Serbia
22 ore

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
Confine
1 gior

Como, la vista del lago scompare da piazza Cavour

Continuano i lavori per le paratie anti-esondazione. Le baracche da cantiere resteranno a ridosso della biglietteria fino alla prossima primavera.
L’approfondimento
10.08.2022 - 09:45

‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’

Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale

non-si-e-stati-sovrani-con-due-o-tre-riconoscimenti
Keystone

Nei giorni scorsi, dopo Russia e Siria, la Corea del Nord ha riconosciuto l’indipendenza dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk. Quali sono le modalità e le conseguenze di questo tipo di atti? Ne parliamo con Michele Chiaruzzi, professore associato di Storia delle dottrine politiche all’Università di Bologna.

Professor Chiaruzzi, quali sono le modalità di riconoscimento di un territorio come Stato sovrano?

«In primis il riconoscimento di uno Stato è un atto politico, frutto di una decisione politica del governo che lo mette in atto. Non ci sono modalità universali, ma eventuali passi legali legati all’architettura istituzionale dei singoli Stati. È chiaro che dal punto di vista interno le procedure adottate da una democrazia, ad esempio la Svizzera, non hanno nulla a che vedere con quelle di un regime autocratico come la Corea del Nord. Per il diritto internazionale valgono invece soprattutto prassi abbastanza omogenee: inviti reciproci, visite ufficiali, dichiarazioni formali, fino al riconoscimento istituzionale con scambio di ambasciatori, consoli o altre figure che incarnerebbero la sovranità di quei territori.»

E nel caso delle repubbliche del Donbass?

«È da sottolineare che è un caso di riconoscimento in via bilaterale, dato che quei territori dal punto di vista legale internazionale sono parte integrante dell’Ucraina. Essendo la comunità internazionale composta da soggetti politici che riconoscono consensualmente a maggioranza la sovranità di altri territori, di certo il riconoscimento da parte della Corea del Nord o di un singolo Stato non permette di considerarli come sovrani.»

C’è una "soglia" raggiunta la quale si può definire uno Stato ufficialmente riconosciuto? E come si agisce nel caso di riconoscimento non unanime?

«Non c’è una soglia oggettiva. A contare è il fatto che il riconoscimento sia bilaterale o multilaterale. È chiaro che uno Stato riconosciuto, ad esempio, da 120 Stati su 193 ha una capacità di azione molto più ampia. Vuol dire poter aprire, per esempio, ambasciate in 120 Paesi; c’è anche un peso economico importante rispetto a un territorio riconosciuto da due o tre Stati, ciò che non ha nessuna portata dal punto di vista legale internazionale. Può averlo, invece, da quello politico: pensiamo al caso emblematico di Taiwan, che, pur avendo un riconoscimento molto limitato, mette in atto una capacità d’azione quasi analoga a quella di uno Stato riconosciuto»

Anche una potenza come la Russia ha riconosciuto le repubbliche separatiste del Donbass: quali sono le conseguenze?

«Con una guerra in corso, al di là degli aspetti legali, il problema è l’effettivo controllo di un governo di quel territorio sulla popolazione e la sua capacità di esprimere una sovranità effettiva, anzitutto con confini stabilizzati e soprattutto una condizione di pace. Non esiste la possibilità di costituire uno Stato in guerra. E ciò svela la natura prettamente politica di questi riconoscimenti attuati proprio da chi ha interesse a generare tali entità sovrane, cioè la Russia e i suoi alleati. Oltre tutto, il diritto internazionale ha una gamma di norme che regolano la presenza e il controllo di potenze straniere su un territorio occupato, e qui si aggancia il tema del riconoscimento: perché se lo Stato aggressore struttura una relazione con il territorio occupato in base alla quale quest’ultimo si autoproclama indipendente e sovrano, lo riconosce e trova degli alleati che facciano lo stesso, esso può allora contestare l’applicazione del diritto di occupazione».

La Russia annuncia referendum per l’indipendenza o l’annessione dei territori occupati. Che valore hanno tali votazioni?

«Simbolico, per chi li svolge: a livello internazionale sono ritenuti illegali, senza grosse divergenze fra gli Stati. Persino una grande potenza come la Cina si guarda bene dal validare un mutamento territoriale frutto di un’invasione, in quanto riconosce, almeno a parole, la sacralità dei principi cardine del diritto internazionale che riguardano la non ingerenza negli affari interni e il fatto che i confini non possono essere mutati con la forza. È in pratica un plebiscito per autolegittimare una guerra senza alcuna legittimazione neanche teorica, sia pure quella di rispondere a un attacco. Nel caso dell’invasione Usa dell’Afghanistan, per esempio, il regime dei Talebani ospitava nel Paese il gruppo ritenuto autore degli attacchi dell’11 settembre rifiutando di consegnarne i responsabili agli Usa, quando il diritto internazionale impegna gli Stati a non ospitare sul proprio territorio gruppi politici che minacciano la sicurezza di altri Stati. La guerra in Ucraina invece non ha nessuna legittimazione, non a caso è qualificata come guerra d’aggressione da tutti, tranne da chi l’ha messa in atto»

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved