ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria

Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
7 ore

Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania

L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
8 ore

Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte

Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
8 ore

Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora

Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
8 ore

Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati

Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
10 ore

Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’

Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Estero
10 ore

Dalla Corte Suprema duro colpo alla lobby delle armi negli Usa

I nove saggi hanno respinto il ricorso contro il bando dei potenziatori ai fucili automatici, uno dei rari provvedimenti in tal senso di Donald Trump
Russia
12 ore

Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’

Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
12 ore

Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino

Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
14 ore

Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno

Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
18 ore

Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese

Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
Gran Bretagna
19 ore

Passo indietro: le tasse dei ricchi restano dove sono

Liz Truss e il suo ministro delle Finanze annullano il piano fiscale che non era piaciuto ai mercati facendo sprofondare la sterlina
Stati Uniti d'America
20 ore

Florida sotto accusa, soccorsi in ritardo dopo l’uragano

Un’ottantina di morti ed enormi i danni per Ian che ha colpito con estrema violenza (qui l’uragano Fiona) anche l’isola di Porto Rico
Estero
21 ore

Putin ‘fuori controllo’, ma la minaccia atomica pare improbabile

Il capo del Pentagono, Lloyd Austin, in una intervista alla Cnn, ha commentato le minacce nucleari del presidente russo
Russia
21 ore

‘Non sono pronto a uccidere’, rapper si toglie la vita

Ivan Petunin, 27 anni, detto Walkie, ha compiuto l’estremo gesto in segno di protesta contro la guerra scatenata da Vladimir Putin
Brasile
21 ore

Sul filo di lana Lula va al ballottaggio con Bolsonaro

A pesare sul risultato sarebbero stati gli indecisi, il tasso di astensione e quanti hanno creduto di abbracciare la scelta del ‘voto utile’
Estero
1 gior

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
1 gior

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
Estero
1 gior

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
bosnia
12.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:56

La verità, vi prego, su Srebrenica

I leader serbi snobbano la cerimonia per le vittime del genocidio e chiedono pari dignità ai loro morti in guerra, dimenticando le responsabilità

la-verita-vi-prego-su-srebrenica
Keystone
Una mano accarezza una tomba nel cimitero di Potocari
+1

La verità, dopo una guerra, spesso non è altro che la versione dei vincitori. Ma quando non vince nessuno, come nelle guerre fratricide degli anni Novanta nei Balcani, ognuno si sente in diritto di plasmarne una sua, che gli stia cucita abbastanza bene addosso da non vergognarsene troppo, fino a tramandarla ai propri figli, che aggiungeranno altre bugie a quella verità.

In ‘Se questo è un uomo’ Primo Levi scriveva che "accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso". Levi – a cui toccò in sorte il ruolo ingrato della vittima – parlava del genocidio più famoso della storia, quello degli ebrei ad opera dei nazisti. Quel dolore sembra così specifico e circoscritto, eppure è il dolore di ogni sopraffazione, di ogni massacro che perde ogni misura, nei numeri e nell’efferatezza, fino a prendere un altro nome: genocidio.

I genocidi sono storie collettive di singoli popoli. Situazioni specifiche, peculiari. Eppure ascolti le voci di chi li racconta e sono tutte uguali, perché raschiano – tutte, in egual misura – il fondo di un’umanità disumana. L’ultimo inganno su Srebrenica è del sindaco della città, Mladen Gurjicic, di etnia serba, che ha ribaltato la realtà – a 24 ore del ventisettesimo anniversario di un genocidio con più di 8mila vittime – accusando i politici locali bosgnacchi (i musulmani di Bosnia) di non voler partecipare alla commemorazione delle vittime della guerra: una commemorazione in cui, secondo Gurjicic, andavano onorate e piante tutte, indistintamente.


Le lacrime davanti al memoriale (Keystone)

Un fatto di decenza

Certo, ci furono molte vittime di etnia serba in quella folle guerra tra ex vicini di casa telecomandata da Belgrado. Ma pretendere di equiparare quelle morti è uno sfregio alla verità e alla decenza in un fatto storico che alla decenza non potrà aspirare mai. Nemmeno dopo la raffica di condanne a chi quel massacro l’ha voluto (Ratko Mladic e Radovan Karadzic in testa, capo militare e leader politico dei serbi di Bosnia), nemmeno dopo le scuse delle truppe olandesi dell’Onu, quelle che erano lì per difendere i massacrati e non mossero un dito. Nel giorno in cui l’inevitabile stava per accadere, i cittadini di Srebrenica si riversarono nella sede dei caschi blu chiedendo protezione: si accalcavano, spingevano. Topi in trappola. Prelevarli per le truppe serbe fu semplice: la selezione era fatta con criteri semplici, di chi non ha tempo da perdere. Chi ha più di 12 anni viene prelevato e poi ucciso. Le donne vengono violentate. I bambini costretti a vedere quel che non potrebbe sostenere un adulto.

Srebrenica, a due passi dalla Serbia, ancora oggi dentro la parte serba della Federazione bosniaca è un posto grigio e freddo, che ti fa presagire la morte. Come ebbe a dire una delle madri di Srebrenica lasciate senza prole, che perse tutto, e quindi se stessa, "la vita è nera come la terra che copre mio figlio".


In preghiera davanti alle tombe (Keystone)

Tutto pianificato

Quel giorno era l’11 luglio del 1995. Ma il genocidio non era arrivato per caso, era stato pianificato, così come a suo tempo per gli ebrei, gli armeni, i cambogiani, i tutsi del Ruanda. Qualche giorno prima Ratko Mladic aveva convocato in un albergo due ufficiali dell’Onu. Per intimidirli fece sgozzare un maiale nel cortile appena fuori la sala. Poi sbatté sul tavolo l’insegna spezzata del Comune di Srebrenica: "D’ora in poi si fa come dico io". E così si fece. Quello fu il giorno in cui perse l’Onu, che inizialmente annacquò le responsabilità dei caschi blu olandesi e la verità per provare a salvare la faccia. Per fortuna non ci riuscì. I musulmani di Srebrenica avevano già perso, i serbi lo faranno di lì a poco.

"Fin dalle prime deportazioni di gente strappata dai loro villaggi, il destino delle donne fu in un certo senso diverso da quello degli uomini. Questi ultimi furono brutalmente uccisi, le donne brutalmente sottomesse o accompagnate verso il nulla. Furono loro a resistere e a conservare il senso di un’identità che altrimenti si sarebbe smarrita". No, non è la Bosnia, ma era un genocidio, quello degli armeni, nelle parole di Antonia Arslan.


Le magliette per ricordare gli 8’372 morti ufficiali del genocidio (Keystone)

"Se guardi le migliaia di tombe sulle colline, e le fosse comuni, hai l’impressione di essere capitato in un cimitero sterminato, dove per i becchini, senz’altro un po’ pigri, viste tutte quelle ossa ancora in mostra, c’è un lavoro di anni. Per i giudici e gli storici c’è invece un lavoro di decenni. Forse più". Sembra una fotografia della Bosnia di allora, una qualunque collina di Sarajevo oggi, un Paese che dall’alto sembra fatto di fiumi, boschi e cimiteri. Eppure il reporter Bernardo Valli stava parlando del genocidio del Ruanda.

Ci salveranno pezzi di memoria condivisa. E la memoria è stata onorata ieri, al cimitero-memoriale di Potocari, alle porte di Srebrenica, dopo le polemiche della vigilia e le prevedibili assenze dei rappresentanti serbi di Belgrado e dei serbo-bosniaci della Republika Srpska che continuano a sostenere che a Srebrenica in quell’estate del 1995 furono commessi orrendi crimini e atrocità che non si possono tuttavia definire genocidio, come stabilito invece dalla giustizia internazionale. Insistono a rimettere al centro le vittime serbe di quel conflitto. E per questo, ieri, alla vigilia delle commemorazioni, i serbi hanno esposto su pannelli di legno, lungo la strada che porta a Potocari, centinaia di foto di serbi uccisi nell’est della Bosnia.


Il memoriale visto dall’alto (Keystone)

Negare, negare, negare

Sono stati in tanti nel corso delle commemorazioni a denunciare il cocciuto negazionismo da parte dei serbi, parte dei quali considerano autentici eroi Mladic e Karadzic, condannati entrambi all’ergastolo dal Tribunale dell’Aja per crimini di guerra e contro l’umanità, in particolare proprio per il genocidio di Srebrenica. Pretendere uguale rispetto per i morti senza pesare le responsabilità di chi li ha uccisi è malafede. D’altronde, come diceva Jean-Luc Godard, "dimenticare lo sterminio, fa parte dello sterminio".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved