ULTIME NOTIZIE Estero
Ucraina
3 ore

Emergenza blackout nella regione di Kiev

Solo dopo l’aumento delle capacità del sistema elettrico sarà possibile procedere con le interruzioni di corrente di stabilizzazione
Italia
4 ore

Risveglio con la terra che trema nelle Eolie

Avvertita in tutta la provincia di Messina e nel capoluogo la scossa di magnitudo 4,6 registrata alle 8.12 a sud dell’isola di Vulcano
Giappone
4 ore

Massima allerta per un possibile tsunami in Giappone

A provocarlo è stata l’eruzione del vulcano Monte Semeru, sull’isola indonesiana di Giava
Estero
5 ore

Inondazioni e terremoti presentano il conto

Danni a seguito di catastrofi naturali per 260 miliardi di dollari l’anno scorso: cifre in calo rispetto al 2021, ma superiori alla media decennale
Messico
18 ore

‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’

In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
20 ore

Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone

Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
20 ore

Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare

Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
21 ore

Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne

A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
21 ore

Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie

Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
07.07.2022 - 17:46

Marmolada: gli esperti, ‘non c’erano segnali di collasso’

Secondo la task-force che da 20 anni monitora costantemente il ghiacciaio del Massiccio, non era sostanzialmente possibile prevenire il disastro

Ats, a cura di Red.Web
marmolada-gli-esperti-non-c-erano-segnali-di-collasso
Keystone

Inutile cercare responsabilità, sperare che il disastro della Marmolada si potesse prevenire. Lo dicono gli esperti che da oltre 20 anni monitorano costantemente il ghiacciaio della Regina delle Dolomiti, e che costituiscono la "task force" interuniversitaria più competente in materia.

Prima del crollo di domenica, "non si sono osservati dei segnali evidenti di un collasso imminente", hanno scritto oggi. E "salvo rarissimi casi, nei ghiacciai, a differenza delle frane, non vi sono sistemi di allerta che misurano movimenti e deformazioni in tempo reale".

A parlare è il Gruppo di lavoro glaciologico-geofisico per le ricerche sulla Marmolada composto da Aldino Bondesan, dell’Università di Padova, responsabile del Comitato Glaciologico Italiano (Cgi) per il coordinamento della campagna glaciologica annuale nelle Alpi orientali, Roberto Francese, geofisico dell’Università di Parma e membro del Cgi, Massimo Giorgi e Stefano Picotti, geofisici dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) di Trieste.

La Marmolada è sotto osservazione sin dai primi anni del secolo scorso da parte del Cgi – istituzione fondata nel 1895 – assieme ad altri 200 ghiacciai alpini.

È vero, in linea generale, che "il ritiro e il riscaldamento determinano un aumento della frequenza degli eventi, e in generale un aumento della pericolosità delle fronti glaciali", ed è vero che l’osservazione annuale di molti ghiacciai è stata recentemente abbandonata, proprio per l’incremento delle condizioni di rischio.

"Tuttavia – precisa il gruppo di ricercatori – non tutti i ghiacciai presentano le medesime condizioni di pericolo". Il distacco di seracchi è frequente "e fa parte della normale dinamica glaciale", ma "più raro è il caso di collassi in blocco come quello verificatosi in Marmolada".

Il crollo del 3 luglio ha interessato un "lembo residuale" del ghiacciaio centrale della Marmolada, una piccola nicchia sotto Punta Rocca, dove si era formata una sorta di "ghiacciaio sospeso". Tra la somma di cause che si può ipotizzare vi è l’inclinazione del pendio, un grande crepaccio che ha separato il corpo glaciale in due unità, l’aumento anomalo delle temperature e della fusione d’acqua all’interno del ghiaccio e della fronte glaciale, che ha fatto mancare sostegno alla massa sospesa.

Più in generale, il gruppo scientifico ritiene molto probabile che il ghiacciaio della Marmolada possa scomparire prima del 2040, in ogni caso improbabile che possa conservarsi oltre il 2060. "Solo pochi anni fa – notano gli esperti – i modelli prevedevano una vita del ghiacciaio per altri 100 o 200 anni". Sulla Marmolada si è già ridotto del 70% in superficie, e di oltre il 90% in volume in un secolo.

Le soluzioni sono poche: a lungo termine un accordo globale che consenta la riduzione dell’emissione di gas-serra per mitigare il riscaldamento terrestre. Nel breve-medio termine "si può solamente ricorrere a strategie di adattamento che consentano la razionalizzazione delle risorse e una maggiore efficienza nei processi industriali e nei modelli sociali".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved