nato-via-al-processo-di-ratificazione-di-svezia-e-finlandia
Keystone
Il segretario generale
ULTIME NOTIZIE Estero
Cina
4 ore

Troppo caldo in Cina: elettricità razionata

La priorità verrà data alle economie domestiche. Ordinato alle aziende di sospendere la produzione fino a sabato
Kenya
6 ore

Mistero sulla morte di un ufficiale elettorale

L’uomo era scomparso durante la verifica dei registri elettorali. Ritrovato privo di vita alle pendici del Kilimangiaro, a 300 km di distanza
Stati Uniti
6 ore

Abbassamento di quota per American Airlines

Previsti quasi un terzo di voli in meno a novembre, mentre per settembre e ottobre i tagli saranno nell’ordine ‘solo’ del 2%
ucraina
18 ore

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
Estero
19 ore

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’
Kenya
21 ore

Kenya, Ruto proclamato vincitore delle presidenziali

Ma sulle elezioni non si placa la bufera: quattro dei sette membri della commissione elettorale hanno rifiutato di accettare il risultato
Italia
22 ore

Sessantamila infrazioni stradali in quindici giorni

Inizio di agosto ‘caldo’ per la Polizia stradale italiana. Già ritirate 1’055 patenti e decurtati 93’605 punti
Russia
23 ore

Brittney Griner non si arrende: presentato l’appello

I legali della star del basket condannata a nove anni di carcere in Russia per droga fanno ricorso. Slitta il possibile scambio di prigionieri
Confine
1 gior

Delitto di via Giussani, sarebbe bastato un Tso per evitarlo?

Emergono alcuni dettagli nella scia della follia che ha portato all’uccisione di un senzatetto e al ferimento di un bambino e di un ragazzo
05.07.2022 - 10:39
Aggiornamento: 19:34
Ats, a cura di Red.Web

Nato, via al processo di ratificazione di Svezia e Finlandia

Oggi la firma dei protocolli di accesso all’Alleanza atlantica. Stoltenberg: ‘Giornata storica per tutte le parti in causa’

Svezia e Finlandia compiono un passo ulteriore nel loro percorso d’ingresso alla Nato. Al quartier generale di Bruxelles, infatti, il Consiglio Atlantico (al livello degli ambasciatori) ha firmato i protocolli di accesso dei due Paesi scandinavi, che ora possono fregiarsi del titolo di "invitati".

"È un buon giorno per la Nato", ha commentato il segretario generale Jens Stoltenberg affiancato dai ministri degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, e svedese, Anna Linde. "Insieme - ha aggiunto - saremo più forti e i nostri popoli più sicuri".

Il giro di boa è "significativo" ma non è l’ultimo. Adesso si apre il processo di ratifica nei parlamenti dei 30 alleati, una procedura che occuperà senz’altro svariati mesi. "L’ultima volta c’è voluto un anno - ha ricordato il segretario generale - ma mi auguro che in questo caso si possa procedere più rapidamente". Gli alleati d’altra parte si sono già mossi alla "velocità della luce", se si pensa che le richieste di Helsinki e Stoccolma sono state presentate a metà maggio. Certo, poi si è verificato l’intoppo Turchia, risolto al summit di Madrid grazie alla firma del memorandum d’intesa tripartito che offre ad Ankara le "rassicurazioni" necessarie sul fronte della lotta al terrorismo (in particolare di matrice curda, stando alle lamentele turche).

Erdogan, sempre a Madrid, ha sottolineato che il memorandum dovrà essere rispettato se si vuole ottenere la ratifica del parlamento. E ha parlato espressamente di "73 individui" che la Svezia dovrà estradare. La partita, insomma, potrebbe non essere conclusa. Linde, dal canto suo, ha confermato l’impegno a rispettare l’intesa con una maggiore cooperazione sul fronte della sicurezza, ma ha anche precisato che non esiste "una lista" di nomi da dover rispettare. "Le autorità preposte all’estradizione ricevono le richieste e le processano secondo le procedure, poi è l’Alta Corte a prendere la decisione. Non ci possono essere vie legali aggiuntive, rispetteremo la legge svedese e il diritto internazionale", ha spiegato.

Resta il fatto che Svezia e Finlandia sono due Paesi altamente democratici, con eserciti forti e già ampiamente compatibili con le strutture Nato, società resilienti e industrie militari di prim’ordine. L’Alleanza, nel grande nord, ne guadagnerà non poco. Ma non solo a nord. Come ricorda l’ambasciatore italiano alla Nato Francesco Maria Talò, Helsinki e Stoccolma "si sono distinte per aver adottato una visione larga rispetto alla strategia a 360 gradi dell’Alleanza, dunque il fianco sud, e al terrorismo; ed è molto importante che due nazioni del nord Europa abbiamo questo approccio considerando la sicurezza come indivisibile". A guadagnarne, insomma, non sarà solo il quadrante settentrionale.

La Finlandia, però, condivide oltre 800 chilometri di confini con la Russia ed è innegabile come, al momento, l’attenzione si concentri proprio lì. Vladimir Putin ha scelto un profilo basso, bollando essenzialmente come "fatti loro" l’ingresso nella Nato dei due Paesi e definendo l’intera vicenda come "profondamente diversa" dal caso ucraino. Di certo c’è che, dopo l’invasione, ha ottenuto più Nato e non il contrario. Mosca comunque si riserva il diritto di garantire la sua sicurezza con le azioni che reputerà necessario se ai propri confini compariranno strutture dell’Alleanza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
finlandia jens stoltenberg nato svezia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved