liberata-l-isola-dei-serpenti-zelensky-scrive-a-putin
Murale a Kiev con un soldato ucraino sull’Isola dei Serpenti (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
26 min

Altre bombe sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Kiev e Mosca tornano ad accusarsi a vicenda, volano anche insulti. Zelensky sente il Papa, ‘ho parlato degli orrori russi’.
Estero
56 min

Donald Trump indagato dall’Fbi per spionaggio

La conferma dopo la desecretazione del mandato di perquisizione della residenza dell’ex presidente in Florida
l'autore de "i versi satanici’
2 ore

Rushdie sotto i ferri, preso l’assalitore

L’autore dei ‘Versi Satanici’ ferito al collo dopo essere stato per oltre 30 anni sotto minaccia di morte da parte degli integralisti iraniani
stati uniti
2 ore

Biden ha deciso, dopo le Midterm lancia la campagna per il 2024

Il presidente è pronto a correre nonostante i mal di pancia tra i democratici. Vuole la sfida con Trump
pacifico
2 ore

Gli Usa preparano nuove esercitazioni nello Stretto di Taiwan

‘Vogliamo approfondire i legami commerciali con l’isola’
italia
2 ore

Accoltella la figlia gay e la compagna, ‘così morite insieme’

Aggressione omofoba a Salerno: ‘Il padre colpiva, la madre ci bloccava mentre cercavamo di fuggire’
stati uniti
2 ore

L’Fbi cercava carte su armi nucleari nel resort di Trump

Attesa per la desecretazione del mandato. L’ex presidente tira in ballo Obama: ‘Chissà quante ne ha prese lui...’
Estero
2 ore

Undici morti in una sparatoria in Montenegro

All’origine vi sarebbe una disputa familiare. L’assassino ucciso dopo aver sparato la polizia, riferisce un’emittente locale.
Estero
5 ore

Salman Rushdie accoltellato sul palco a New York

L’autore de ‘I versetti satanici’, che gli è valso la fatwa da parte di Khomeini, è stato colpito da un uomo con un’arma da taglio
Estero
5 ore

Il tricheco gioca con le barche e le affonda, Oslo lo minaccia

L’animale ha preso l’abitudine di salire sulle imbarcazioni a prendere il sole mandandole a picco e attira troppo l’attenzione del pubblico
Estero
6 ore

Il ristrettissimo club degli ‘Ottomila’

Secondo il giornalista tedesco Eberhard Jurgalski, solo 3 dei 44 accreditati ad aver scalato tutti i 14 ottomila della Terra sono riusciti nell’impresa
la guerra in ucraina
30.06.2022 - 20:30
Aggiornamento: 21:28
Ansa, a cura de laRegione

Liberata l’Isola dei Serpenti. Zelensky scrive a Putin

I russi si ritirano, Kiev esulta. Usa: ‘Allarme armi nucleari’. E la Cina attacca la Nato

I russi hanno lasciato l’Isola dei Serpenti. A più di quattro mesi dall’inizio della guerra e dalla presa dell’avamposto ucraino nel Mar Nero, strategico per il controllo dei flussi navali ma anche per un possibile attacco anfibio su Odessa, la guarnigione schierata dall’esercito di Vladimir Putin si è ritirata. Un abbandono in "segno di buona volontà" per "non ostacolare gli sforzi dell’Onu per sbloccare le esportazioni alimentari", ha spiegato Mosca; una fuga imposta da dieci giorni di bombardamenti che hanno inflitto pesanti perdite, ha rivendicato Kiev.

In ogni caso, si tratta di un passaggio cruciale del conflitto, che allontana la minaccia russa dalle coste ucraine e dà fiato agli sforzi di Turchia e Nazioni Unite per la creazione dei corridoi del grano, mentre sulla scena si affaccia anche la mediazione dell’Indonesia. Dopo averlo invitato al G20 di novembre a Bali, a cui potrebbe partecipare in presenza, al Cremlino il presidente Joko Widodo ha consegnato a Putin un messaggio affidatogli il giorno prima da Volodymyr Zelensky, il cui contenuto è rimasto top secret.

Segnale di svolta

Il cambio della guardia all’Isola dei Serpenti segna una svolta al fronte sud dell’Ucraina. "Le forze armate russe hanno completato i loro compiti e hanno ritirato una guarnigione di stanza lì", ha affermato il ministero della Difesa di Mosca. Kiev invece canta vittoria. Il comandante dell’esercito Valery Zaluzhny ha brindato alla "liberazione di un territorio strategico". I russi non sono riusciti a "resistere al fuoco della nostra artiglieria e agli attacchi missilistici della nostra aviazione", ha esultato anche il capo di Stato maggiore Oleksii Hromov, evocando l’impegno a riconquistare l’isolotto, caduto in mani russe poche ore dopo l’inizio dell’invasione, quando uno dei difensori ucraini pronunciò la celebre frase contro l’incrociatore Moskva: "Nave da guerra russa, vai a farti fottere!". Un’operazione che avrebbe ricevuto una spinta decisiva con le nuove armi pesanti occidentali, dai missili antinave Harpoon ai lanciarazzi multipli Himars.

Il caso grano

Con il ritorno all’Ucraina dell’Isola dei Serpenti, potrebbe accelerare il piano per la creazione dei corridoi per l’export dei cereali, di fronte a una crisi alimentare globale sempre più allarmante. "Nessuno impedisce alle autorità ucraine di sminare i loro porti e permettere così alle navi con il grano di partire. La Russia - ha assicurato Putin - garantisce la loro sicurezza". Intanto, però, Mosca ha fatto salpare "verso Paesi amici" la prima nave mercantile con 7.000 tonnellate di grano da Berdiansk, porto sul mar d’Azov sotto il suo controllo, che Kiev l’aveva accusata di aver rubato.

I combattimenti continuano

Nel frattempo i combattimenti continuano su diversi fronti, con Lysychansk sempre nel mirino dell’offensiva. La situazione nell’ultima città controllata dagli ucraini nella regione di Lugansk è "estremamente difficile" e le evacuazioni dei civili sono ormai diventate impossibili, ha spiegato il governatore Serhiy Gadai, mentre lo Stato maggiore ha confermato l’avanzata rivendicata dai filorussi nell’area della raffineria cittadina, "la più grande dell’Ucraina".

Nuove bombe a grappolo sono state lanciate poi più a ovest, su Sloviansk, nel Donetsk. "Le azioni di Kiev nel Donbass sono un genocidio", ha accusato nuovamente Putin. Che, secondo l’intelligence Usa, con il prolungarsi del conflitto potrebbe anche decidere di usare l’atomica. Per l’intelligence americana, la Russia ci metterà anni a ricostruire il suo esercito. E "in questo lasso di tempo è possibile che le forze di Vladimir Putin facciano affidamento su altri mezzi come i cyberattacchi, i ricatti energetici o le armi nucleari per cercare di gestire e proiettare potere e influenza a livello globale". Una ricostruzione nuovamente smentita da Mosca, anche con una convocazione dell’ambasciatrice britannica Deborah Bronnert per gli insulti di Boris Johnson contro lo zar.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi guerra isola kiev russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved