si-alla-candidatura-all-ue-di-kiev-balcani-in-rivolta
Bandiere dell’Ucraina e dell’Ue sventolano insieme (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Como, via i posteggi per assessori e consiglieri comunali

È stato il primo atto del sindaco Rapinese. Gli stalli sono ora riservati ai cittadini che si presentano in Municipio per sbrigare pratiche.
Belgio
2 ore

Salmonella nel cioccolato: stop alla produzione a Wieze

Lo annuncia il colosso della lavorazione di cacao Barry Callebaut. Sospesa anche la vendita di prodotti finiti
Stati Uniti
4 ore

Cento milioni di vaccini in vista dell’autunno

Coronavirus, gli Stati Uniti giocano d’anticipo e fanno ‘spesa’. Il contratto include dosi per adulti e dosi per bambini
Ucraina
4 ore

L’Aiea perde nuovamente il contatto con Zaporizhzhya

Saltata la connessione remota con i sistemi di sorveglianza della centrale nucleare. Grossi: ‘Ancora più necessaria una visita alla struttura’
Estero
15 ore

Stragi di Parigi, Salah Abdeslam condannato all’ergastolo

Per l’unico superstite dei commando kamikaze autori delle stragi jihadiste del 2015 nessuna possibilità di riduzioni né di sconti di pena
Estero
16 ore

Usa, Trump nei guai dopo rivelazioni su assalto Capitol Hill

L’assistente dell’ex chief of staff lo ha accusato di aver istigato i suoi fan a marciare per ribaltare il voto pur sapendo che alcuni erano armati
Estero
16 ore

Israele: Bennett non parteciperà a prossime elezioni

Il leader di Yamina ha spiegato che resterà ‘per quanto sarà necessario’ premier alternato a fianco dell’attuale ministro degli esteri Yair Lapid
Estero
22 ore

Finlandia e Svezia nella Nato: avviata la procedura

Durante il vertice in corso a Madrid è stato inoltre deciso un nuovo concetto strategico per l’alleanza militare
unione europea
23.06.2022 - 20:15
Aggiornamento: 20:50
Ansa, a cura de laRegione

Sì alla candidatura all’Ue di Kiev, Balcani in rivolta

Ok anche alla Moldavia, ma veti incrociati impediscono di ottenere lo status ad Albania e Macedonia del Nord. Rallentamenti anche per la Bosnia

"Momento storico". È l’espressione più in voga oggi a Bruxelles, dove il Consiglio europeo era chiamato a ratificare la richiesta della Commissione di concedere lo status di Paese candidato all’Ue per l’Ucraina (e Moldavia). E in effetti dovrebbe essere un giorno di festa, perché il sì rappresenta per l’Unione una scelta geopolitica. Ma è una festa al momento sospesa. Al Consiglio è scoppiato infatti lo psicodramma dei Balcani occidentali: nessun risultato tangibile, per loro, dal vertice con i 27 leader a causa dei veti incrociati. "È una brutta pagina", ha tagliato corto l’alto rappresentante per la politica estera Ue Josep Borrell. E dunque si discute a oltranza, per garantire comunque una prospettiva ai vicini più vicini. La questione è arzigogolata. L’Albania e la Nord Macedonia, dopo anni di riforme, non riescono a ottenere l’apertura dei negoziati per l’adesione a causa del blocco della Bulgaria, che sbarra la strada a Skopje per questioni identitarie. Il premier filo-occidentale Kiril Petkov è arrivato a Bruxelles ufficialmente sfiduciato dal Parlamento, con una crisi politica in massima esplosione, in parte proprio per aver tentato di sciogliere la matassa.

La Francia ha tentato una mediazione, con un piano in queste ore all’esame dei deputati nel corso di una seduta straordinaria, che prevede però anche delle modifiche costituzionali per la Macedonia del Nord. "La proposta francese in questa forma è inaccettabile per noi", ha però tuonato il premier macedone, Dimitar Kovacevski, in conferenza stampa.

Il nodo bulgaro

A complicare le cose, i sondaggi in Bulgaria: se si andrà a nuove elezioni, i partiti populisti e filo-russi rischiano di prendere molti voti. Dunque tocca muoversi con delicatezza. Esattamente il contrario del premier albanese, Edi Rama. Che ha sparato a palle incatenate. "È una vergogna che un Paese Nato, la Bulgaria, tenga in ostaggio altri due Paesi Nato, la Nord Macedonia e l’Albania, nel pieno di una guerra nel nostro cortile di casa e che altri 26 membri dell’Ue restino fermi e impotenti". Il problema è sempre l’unanimità. E infatti Borrell, scuro in volto, ha ribadito l’ovvio: "Dobbiamo andare oltre, non possiamo continuare ad accettare che un membro solo blocchi tutto". Ma per ora è così.

Se questo è lo scoglio più tagliente, ci sono altri intralci. La liberalizzazione dei visti per il Kossovo, ad esempio. O la concessione dello status di Paese candidato alla Bosnia-Erzegovina. Ecco, sul punto è scattata una battaglia di Slovenia e Austria per chiedere più coraggio ai leader europei e quindi ci potrebbe essere l’escamotage di equipararla alla Georgia, alla quale verrà assicurata una "prospettiva europea" condizionata a certe riforme. Nessuno, a quanto si apprende, ha evocato l’ipotesi di veti ai danni dell’Ucraina (o della Moldavia).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
balcani kiev moldavia russiaucraina unione europea
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved