fino-a-300-000-tonnellate-di-grano-distrutte-dalle-bombe-russe
Keystone
Quel che resta dopo gli attacchi russi
11.06.2022 - 14:31
Aggiornamento: 15:26
Ansa, a cura de laRegione

Fino a 300’000 tonnellate di grano distrutte dalle bombe russe

È pesante il bilancio degli attacchi della scorsa settimana al porto di Mykolaiv. C’è il rischio di una grave crisi alimentare mondiale

Fino a 300’000 tonnellate di grano, immagazzinate al porto ucraino di Mykolaiv sul Mar Nero, potrebbero essere state distrutte dai bombardamenti russi della scorsa settimana, ha detto oggi il ministro dell’agricoltura ucraino Taras Vysotskyi ripreso dal Guardian.

Parlando alla tv nazionale, il ministro ha affermato che, secondo i registri, all’inizio della guerra i magazzini di uno dei più grandi terminal agricoli dell’Ucraina nel porto di Mykolaiv sul Mar Nero contenevano da 250’000 a 300’000 tonnellate di grano e mais.

La notizia arriva dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che a causa del blocco all’export ucraino il mondo rischia di dover affrontare una "grave crisi alimentare e una carestia" rivolgendosi ai delegati allo Shangri-La Dialogue a Singapore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grano russiaucraina ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved