ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
1 ora

Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto

Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 ore

Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’

L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
4 ore

Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi

Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
8 ore

Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo

Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
8 ore

Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple

Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
10 ore

La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio

Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
10 ore

Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti

L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
12 ore

Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia

Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
Argentina
12 ore

‘Meglio andare in prigione che essere una marionetta’

‘Non mi ricandiderò’. Così l’ex presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner dopo la lettura della sentenza di condanna a sei anni di prigione
Stati Uniti
13 ore

Luce verde alla vendita di elicotteri alla Corea del Sud

Gli Stati Uniti forniranno a Seul apparecchi Ch-47 Chinook per un valore stimato in 1,5 miliardi di dollari
Stati Uniti
13 ore

Trump Organization colpevole di frode fiscale a New York

Un piccolo graffio nel colosso di famiglia dell’ex presidente degli Stati Uniti, ma un duro colpo per la sua ricandidatura alla Casa Bianca
reportage dall’ucraina
15 ore

Freddo, paura e fantasmi. ‘Ci troveranno morti assiderati’

Le città strappate all’invasione tornano ad accendersi con generatori e candele. ‘Sembra di rivivere la Seconda Guerra Mondiale che raccontava mio nonno’
la guerra in ucraina
1 gior

La Lettonia oscura il canale indipendente russo Dozhd

‘Sostiene la guerra’. Navalny protesta: ‘Errore, è un favore a Putin’
Estero
1 gior

L’Iran non cede sul velo e minaccia di bloccare i conti

Via la polizia morale nel piano di Teheran: ‘Misure punitive più moderne’. La protesta continua
06.06.2022 - 22:15

Johnson si salva dalla sfiducia in casa Tory

Premier strappa conferma risicata, più voti ostili del previsto, ben 148 contrari. Una spaccatura che lo indebolisce

a cura de laRegione
johnson-si-salva-dalla-sfiducia-in-casa-tory

Boris Johnson ha strappato il rinnovo delle nella consultazione a scrutinio segreto sulla sua leadership in seno al Partito Conservatore (da cui dipende la poltrona di primo ministro britannico) innescata dalla rivolta di una parte del gruppo di maggioranza in seguito allo scandalo Partygate. Il risultato, reso noto dal presidente del Comitato 1922, l’organismo interno incaricato di sovrintendere le rese dei conti in casa Tory, ha sancito 211 voti a favore di BoJo, ma ben 148 contrari: una spaccatura che lo indebolisce e potrebbe non bastare a blindarlo nel prossimo futuro. La maggioranza richiesta era 180.

Boris, un’anatra zoppa

Un’anatra zoppa, anche se non ancora un’anatra abbattuta. Boris Johnson si è salvato dal voto di sfiducia contro la sua leadership in seno al Partito conservatore britannico e può per il momento restare sulla poltrona di primo ministro, ma ha pagato stasera dazio fra i deputati della propria maggioranza per i malumori crescenti innescati dal cosiddetto Partygate, lo scandalo dei ritrovi organizzati a Downing Street fra il 2020 e il 2021 in violazione delle restrizioni anti Covid imposte all’epoca dal governo a milioni di britannici: scandalo che lo ha poi visto multato in prima persona dalla polizia e che sta penalizzando duramente i Tories nei sondaggi come nei test elettorali di questi mesi. Lo scrutinio segreto sul suo destino immediato, consumato in 2 ore di votazione fra i 359 deputati della super maggioranza conquistata alla Camera dei Comuni nel dicembre 2019, ha decretato una vittoria mutilata: 211 voti a favore, ma ben 148 ostili. Un salasso, se si considera che la fiducia di un centinaio di grandi elettori appariva blindata in partenza, trattandosi di ministri, sottosegretari o titolari d’incarichi governativi junior "a libro paga" del suo gabinetto. "L’inizio della fine", addirittura, secondo alcuni commentatori, che notano come il dissenso sia stato in proporzione superiore a quello inflitto nel 2018 a Theresa May, che pure se la cavò, ma dovette dimettersi 5 mesi dopo; o a Margaret Thatcher, che nel 1990 - offesa dal tradimento di più franchi tiratori di quanto non si aspettasse - gettò alla fine la spugna nel giro di poche ore. Il voto era divenuto inevitabile in base allo statuto Tory dopo il raggiungimento del quorum di almeno 54 lettere di sfiducia (il 15% del totale del gruppo attuale) affidate al Comitato 1922, l’organismo parlamentare interno che da un secolo sovrintende alle rese dei conti di un partito tradizionalmente spietato nel cesaricidio. Una svolta annunciata oggi da sir Graham Brady, il deputato che presiede questo sinedrio. Ma comunicata fin da ieri da Brady a BoJo a margine della conclusione trionfale del Giubileo di Platino dei 70 anni sul trono della 96enne Elisabetta II (sotto il cui scettro sono già passati 14 primi ministri): con la massima cura a non formalizzare nulla sino alla fine dei festeggiamenti per non strappare i riflettori a Sua Maestà, dopo che il primo ministro era stato già fischiato dalla gente in occasione di uno degli eventi della celebrazione. Johnson, forte della nomea di "survivor" della politica britannica, ha provato comunque a fare buon viso a cattivo gioco. Ha fatto dire a una portavoce di sentirsi sollevato da una conta in grado se non altro di "offrire l’occasione di porre fine a mesi di congetture e di permettere al governo di mettere un punto (sul Partygate) per passare a occuparsi delle vere priorità della popolazione". Ha preso atto del sostegno pubblico - più o meno convinto - di tutti i suoi ministri di punta (inclusi coloro che vengono indicati dai media come potenziali aspiranti a succedergli, dalla titolare degli Esteri, Liz Truss, a quello della Difesa, Ben Wallace). Ha lasciato che i fedelissimi replicassero a muso duro quelle che egli stesso ha poi definito "le insensate polemiche fratricide" di ribelli di primo piano come l’ex ministro ed ex rivale per la leadership, Jeremy Hunt. Ha ignorato per un giorno gli attacchi dell’opposizione laburista di Keir Starmer. Ha incassato le lodi a orologeria di Volodymyr Zelensky e di altri leader dell’Europa orientale che lo identificano come capofila della sfida alla Russia di Vladimir Putin in Occidente, nel pieno della guerra in Ucraina. E soprattutto ha affrontato direttamente la fossa dei leoni dei deputati del suo gruppo per sollecitarli a non dimenticare "la più grande vittoria elettorale degli ultimi 40 anni" conseguita sotto la sua guida nel 2019, la realizzazione della Brexit, i successi della campagna vaccinale contro il Covid; e a ritrovare l’unità necessaria a prendere di petto le crisi del presente, inflazione in primis. Il risultato è stato tuttavia un voto spaccato. Una fiducia più risicata del previsto, macchiata dalle bocciature di decine di deputati di ogni orientamento - moderati o brexiteer, veterani o esordienti - incluse le pugnalate in extremis di vecchi johnsoniani come Jesse Norman o di personalità sopra le parti come il dimissionario zar anti corruzione John Penrose: il quale gli ha rinfacciato apertamente l’accusa di aver violato l’integrità degli standard ministeriali (ossia d’aver mentito) sul Partygate. Parole che non promettono nulla di certo per il futuro di Boris, a dispetto dell’anno di grazia contro ogni ulteriore tentativo di sfiduciarlo che dopo un voto superato le norme di casa Tory gli garantiscono. Norme peraltro modificabili, ha già avvertito Brady.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved