partire-restare-l-incertezza-attanaglia-i-rifugiati-siriani
archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Australia
17 min

‘Se nel 2021 eravate al sicuro, non pensate di esserlo oggi’

Inondazioni in Australia, il ministro dei servizi d’emergenza del Nuovo Galles del Sud mette in guardia: ‘Emergenza che mette in pericolo la vita’
Danimarca
1 ora

Copenaghen, problemi mentali per l’autore della sparatoria

Per il capo della polizia Soren Thomassen non vi sono indizi che possano ricondurre alla matrice terroristica. Vittime colpite a caso
Italia
2 ore

Tragedia della Marmolada, per ora 17 i dispersi

Tra le sei vittime finora confermate ci sono tre italiani e un cecoslovacco. In montagna ancora un’enorme quantità di ghiaccio pericolante
Stati Uniti
2 ore

Nuovo video shock sull’uccisione di un afroamericano

Prima l’inseguimento con (forse) uno sparo da parte del braccato, poi i sessanta colpi sparati dalla polizia. Clima teso come in una polveriera
Danimarca
3 ore

Sparatoria a Copenaghen, i morti sono tre

Diversi i feriti, tre in condizioni gravi. Il 22enne fermato dopo i fatti già noto alle forze dell’ordine, ‘ma solo marginalmente’
Estero
14 ore

Gli ucraini lasciano Lysychansk. Mosca: ‘Preso il Lugansk’

Una settimana dopo la caduta della gemella Severodonetsk, l’esercito di Kiev ha annunciato la ritirata dalla città
Estero
14 ore

Spari in centro commerciale a Copenaghen, diverse vittime

Una persona è stata arrestata dalla polizia danese. Ignote al momento le cause della sparatoria
Italia
17 ore

Marmolada, almeno sei i morti causati dal crollo del seracco

Si aggrava il bilancio dell’incidente in montagna odierno. Oltre alle vittime ci sono anche tra i 10 e i 14 feriti, di cui due gravi
Pakistan
17 ore

Minibus finisce in un burrone: è tragedia in Pakistan

Almeno diciannove le vittime del terribile incidente, avvenuto a causa dell’alta velocità in una remota zona collinare del Belucistan
Italia
17 ore

Crolla un seracco sulla Marmolada: 15 persone coinvolte

Un primo bilancio del Servizio di urgenza ed emergenza medica del Veneto riferisce di sette feriti, uno dei quali gravi
Italia
18 ore

Base jumper svizzero perde la vita nel Trentino

Assieme ad altri due amici, il 33enne, residente in Italia, si era lanciato dal monte Casale, nella valle del Sarca
Australia
18 ore

Australia sotto un diluvio senza tregua: scattano le evacuazioni

Non si placano le piogge torrenziali: circa 32’000 le persone raggiunte dall’ordine di sfollare. E c’è pure un morto
Giappone
19 ore

Nel Paese del Sol Levante, il lavoro non tramonta mai

Complice il declino delle nascite e l’alta aspettativa di vita, in Giappone in un’azienda su quattro si lavora fino a 70 anni
26.05.2022 - 07:00
Aggiornamento: 14:55
Anne Chaon, Afp/Ats, a cura de laRegione

Partire, restare... l’incertezza attanaglia i rifugiati siriani

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, cinque milioni di persone hanno cercato rifugio in Turchia. Ora ci sono pressioni perché rientrino in patria

Oum Mohamed si aggiusta il velo nero, con aria preoccupata, dietro il bancone del suo negozio di alimentari, la cui insegna è appesa in arabo in una piccola e vivace strada di Sanliurfa, nel sud-est della Turchia.

Da quando il presidente Recep Tayyip Erdogan ha detto che stava "preparando" il ritorno di un milione di rifugiati siriani – sui 3,7 ufficialmente registrati nel Paese – l’ansia l’ha assalita. "Sentiamo la pressione. Siamo sempre educati, evitiamo i problemi", dice Oum Mohamed, 43 anni, nove dei quali trascorsi in esilio da quando la guerra ha devastato la sua città, Aleppo.

Fuori, la bancarella del "Mercato di campagna" profuma di nostalgia, focacce come in Siria, con piccole olive amare e fagioli, per il ful, un piatto tradizionale.

"Non possiamo tornare. Mio marito era nell’esercito, verrebbe ucciso... E poi abbiamo la nostra vita qui, i bambini vanno a scuola", continua a mezza voce, dopo aver rifiutato qualsiasi foto o video.

Sanliurfa – Urfa, come era conosciuta in precedenza – ospita circa 500mila rifugiati siriani, un quarto della popolazione di questa provincia che condivide un lungo confine con il Paese guidato da Bashar al-Assad. La città stessa ricorda l’Aleppo di prima della guerra, con le sue pietre bionde, i caffè ombreggiati e le bancarelle di spezie.

Dall’inizio della guerra nel 2011, i siriani hanno cercato in massa rifugio in Turchia, che ha accolto un totale di oltre cinque milioni di rifugiati di tutte le nazionalità. Secondo il Ministero degli Interni, a oggi 502mila siriani hanno scelto di tornare in patria.

Una vita difficile

Nel 2016, l’Unione europea ha offerto ad Ankara sei miliardi di euro per evitare che arrivino alle loro porte. Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), appena l’1,5% di loro vive nei campi, mentre la stragrande maggioranza si trova in città.

Ma dall’estate scorsa, con la crisi economica che ha colpito la Turchia (inflazione al 70% e crollo della moneta), e anche se i vicini turchi acquistano volentieri il pane da Oum Mohamed perché è più economico, i rapporti con la popolazione si sono fatti tesi.

"La vita sta diventando più difficile per loro e per noi", dice Fatima Ibrahim, trentenne, con i tre figli che le si arrampicano sulle ginocchia. "La gente del posto è arrabbiata con noi perché i padroni ci pagano meno di loro. Ci accusano di avergli tolto il lavoro".

Originaria di Kobanê, nel nord della Siria, la giovane donna è arrivata a Urfa nel 2013 e qui ha sposato un connazionale. Suo marito, un fabbro, ha perso il lavoro durante la pandemia e ha appena trovato un impiego come agricoltore stagionale a centinaia di chilometri di distanza. La famiglia vive in due stanze spoglie al piano terra.

Con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali del giugno 2023, Fatima sente il cappio stringersi. "Ma non tornerò mai in Siria e non rischierò la vita dei miei figli. Lì è ancora guerra". E poi l’unica regione ancora in fuga dal regime di Damasco è l’Idleb, nel nord-ovest del Paese, già sovrappopolata con 2,5 milioni di sfollati, secondo l’Unhcr.

‘Espellere gli intrusi’

Erdogan assicura che si rifiuterà sempre di deportare i "fratelli siriani" dai loro "assassini". L’opposizione, invece, rivaleggia con parole incendiarie e promette, in caso di vittoria, di espellere gli "intrusi".

"Dalla mattina alla sera sentiamo alla televisione che bisogna rimandare indietro i siriani’", trema Samira, 44 anni, una vedova della Ghuta, vicino a Damasco, con quattro figli, che esce il meno possibile. "Non vado a trovare i miei vicini, e nemmeno loro. Non ci mescoliamo", dice.

"Ho paura", ammette Hayfa, un’aleppina di 39 anni, insegnante d’inglese che si è installata a Urfa nove anni fa. Per sicurezza, in pubblico ora parla solo in turco per non attirare l’attenzione.

Entrambe le donne non vogliono che il loro cognome venga menzionato. "La politica ci condiziona più dell’economia", dice Hayfa. Soprattutto dal 2016, dopo che la Turchia è intervenuta nel nord della Siria contro le posizioni dei combattenti curdi. "La gente ci dice: ‘Voi siete qui a divertirvi e i nostri soldati stanno morendo nelle vostre case’!".

Quest’anno, per la prima volta, la polizia ha bussato alla sua porta per controllare la residenza e i permessi di soggiorno. "Non era mai successo prima". "Abbiamo lasciato la Siria a causa di Assad e lui è ancora lì... come potremmo tornare indietro in sicurezza?", sospira Hayfa, che ammette di dubitare di poter tornare alla dolcezza della frutta candita di Aleppo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
rifugiati siriani turchia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved