anthony-albanese-promette-di-riparare-l-immagine-dell-australia
Keystone
Anthony Albanese, al centro, festeggia con la compagna Jodie Haydon, a destra, e Penny Wong, leader del Senato laburista
ULTIME NOTIZIE Estero
Regno Unito
5 ore

Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi

Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
6 ore

Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti

Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
6 ore

Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”

La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
6 ore

Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk

Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
8 ore

British Airways: cancella altre centinaia di voli

La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
8 ore

Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi

Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
10 ore

‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole

Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
Estero
10 ore

Sas fallisce, userà la bancarotta assistita per ristrutturarsi

Ieri 1’000 piloti sono entrati in sciopero. Oggi la compagnia scandinava ha dovuto annullare il 78% delle partenze, pari a 236 voli
Estero
10 ore

Marmolada, i cinque attualmente dispersi sono tutti italiani

Rintracciate altre otto persone. Prosegue intanto il riconoscimento delle sette vittime del crollo del seracco
Australia
11 ore

Negano insulina, muore una bambina: dodici arresti in una setta

Fra gli arrestati anche i genitori della bimba. Tutti i membri del gruppo erano a conoscenza delle sue condizioni ma si limitavano a pregare
Estero
12 ore

Il killer del 4 luglio postava video e brani rap violenti

Robert Crimo aveva un modesto seguito sul web come rapper, e pubblicava video che evocavano stragi con armi da fuoco anche nelle scuole
Stati Uniti
12 ore

Akron, disordini per la morte del 25enne afroamericano

Una cinquantina di arresti a margine delle proteste per l’uccisione (con una sessantina di colpi) dell’uomo da parte delle forze dell’ordine
22.05.2022 - 12:37
Aggiornamento: 15:43
Ats, a cura de laRegione

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.

Il laburista Anthony Albanese, che si appresta a diventare primo ministro australiano dopo aver vinto ieri le legislative, ha promesso di riparare l’immagine del suo Paese, ampiamente considerato all’estero come in ritardo nella lotta al cambiamento climatico.

"Voglio davvero cambiare il Paese", ha dichiarato oggi Albanese, che entrerà in carica lunedì e volerà a Tokyo poco dopo. Martedì parteciperà al vertice del Quad (Stati Uniti, Giappone, India, Australia) e incontrerà separatamente i suoi omologhi: l’indiano Narendra Modi e il giapponese Fumio Kishida, oltre al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

"Questo ci permette di far sapere al mondo che c’è un cambio di governo", ha detto ai giornalisti. "Ci saranno alcuni cambiamenti nella politica, soprattutto per quanto riguarda il cambiamento climatico e il nostro impegno nei confronti del mondo su questi temi", ha aggiunto.

Ancora in bilico la maggioranza assoluta

Ma a due giorni dal suo primo viaggio ufficiale all’estero, Albanese è ancora in attesa di sapere se il suo partito laburista avrà la maggioranza assoluta nel parlamento australiano o se dovrà trovare degli alleati per governare.

Secondo i risultati parziali ufficiali, i laburisti potrebbero già contare su 74 seggi alla Camera dei Rappresentanti e avrebbero un leggero vantaggio in un 75° collegio elettorale.

La maggioranza assoluta (76 seggi) alla Camera dei Rappresentanti, composta da 151 membri, sembra a portata di mano, ma il risultato è ancora incerto in più di una dozzina di seggi.

‘Gli australiani hanno votato per il cambiamento’

"Il popolo australiano ha votato per il cambiamento", ha dichiarato Anthony Albanese, 59 anni, la cui vittoria ha posto fine a nove anni di governo conservatore.

La coalizione liberale del primo ministro uscente Scott Morrison ha perso molti seggi in tutto il Paese. Ma ha subito le peggiori sconfitte in circoscrizioni che in precedenza erano state di sua competenza, contro una manciata di candidati indipendenti.

Questi candidati sono noti come "teal", un termine che significa "alzavole", ma che si riferisce anche al colore tra il blu (dei conservatori) e il verde (dei verdi). La maggior parte di loro sono donne elette su piattaforme a favore dell’ambiente, della lotta alla corruzione e dell’uguaglianza di genere.

Il ministro delle Finanze uscente, Josh Frydenberg, è stato notevolmente umiliato nella sua città natale, Melbourne, dalla "verde acqua" Monique Ryan.

Ryan ha dichiarato che sosterrà il governo di Albanese se si impegnerà a ridurre del 60% le emissioni di gas serra entro il 2030 e se creerà una potente agenzia federale anticorruzione entro sei mesi. "Non vedo l’ora di lavorare con lui", ha dichiarato domenica in un’intervista a un’emittente televisiva.

Albanese ha promesso di ridurre le emissioni del 43% entro il 2030. Il suo predecessore è stato criticato per essersi attenuto a un obiettivo di -28% entro il 2030 rispetto al 2005.

‘Superpotenza delle energie rinnovabili’

I teal hanno fatto leva sulla rabbia dei sobborghi benestanti di Sydney e Melbourne per il sostegno incondizionato di Scott Morrison all’industria del carbone, nonostante tre anni di incendi, siccità e inondazioni, aggravati dal riscaldamento globale, abbiano sconvolto la vita di milioni di persone.

Nel suo discorso di vittoria, Anthony Albanese ha promesso di trasformare l’Australia in una "superpotenza" delle energie rinnovabili. Ma finora ha ignorato le richieste di porre fine al carbone, che rimane un motore fondamentale dell’economia del Paese e ha molti sostenitori laburisti.

La sua vittoria è stata accolta con favore dai leader di diversi Paesi insulari del Pacifico, molti dei quali sono minacciati dal cambiamento climatico.

"Tra le sue numerose promesse a sostegno del Pacifico, nessuna è più gradita del suo piano per mettere il clima al primo posto. Ne va del futuro comune del nostro popolo", ha dichiarato il primo ministro delle Figi Frank Bainimarama.

Lo scetticismo climatico del precedente primo ministro australiano aveva inasprito le relazioni tra Canberra e i suoi vicini e alleati nel Pacifico, una regione in cui la Cina sta cercando di espandere la propria influenza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anthony albanese australia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved