la-siria-approva-una-legge-che-limita-la-liberta-di-espressione
Keystone
28.03.2022 - 19:20
Aggiornamento: 22:07

La Siria approva una legge che limita la libertà di espressione

Prevista una pena detentiva di sei mesi per i siriani residenti nel Paese che diffondono informazioni “danneggiando il prestigio” dello Stato.

Ats, a cura de laRegione

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha promulgato oggi una legge che prevede una pena detentiva di sei mesi per i siriani residenti nel Paese che diffondono informazioni "danneggiando il prestigio" dello Stato. Secondo la precedente legge, solo i siriani residenti all’estero potevano essere finora condannati a pene detentive, probabilmente in contumacia, per aver diffuso informazioni ritenute dannose per lo Stato.

"Ogni siriano che pubblica informazioni false o esagerate che minano il prestigio (...) dello Stato sarà incarcerato per almeno sei mesi", si legge in un comunicato della presidenza siriana. La stessa sanzione si applicherà a qualsiasi siriano che "pubblica informazioni idonee a migliorare la reputazione di uno Stato nemico", ha aggiunto la presidenza, senza specificare di quali Paesi si trattino.

La misura è in realtà applicata da decenni come forma di controllo e repressione da parte del potere centrale siriano, interpretato in maniera autoritaria da più di mezzo secolo da esponenti della famiglia Assad e da loro alleati.

Secondo analisti locali, questa nuova misura mira a contenere le crescenti critiche nei confronti del regime di Damasco da parte di ampi strati dell’opinione pubblica stremata dagli effetti devastanti della peggiore crisi economica degli ultimi decenni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bashar al-assad siria
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved