28.03.2022 - 08:20
Aggiornamento: 19:58

C’è la mano dell’Isis nell’attentato di Hadera

Rivendicato l’attacco di ieri costato la vita a due agenti di polizia. È la prima volta in Israele dal 2017

Ats, a cura de laRegione
c-e-la-mano-dell-isis-nell-attentato-di-hadera
Keystone
La scena del crimine

L’Isis ha rivendicato l’attacco di ieri ad Hadera, nel centro di Israele, in cui sono rimasti uccisi due agenti di polizia. Lo si legge in un comunicato rilasciato dal sito di propaganda islamista Amaq.

"Due membri delle forze di polizia (di Stato) ebraiche sono stati uccisi e altri sono rimasti feriti in un attacco di commando", afferma l’Isis. Che riferisce che due dei propri combattenti hanno sparato in Herbert Samuel Street ad Hadera e che altri dieci sono rimasti feriti negli scontri che ne sono seguiti.

Secondo il Site Intelligence Group, questa è la prima volta dal 2017 che l’Isis rivendica ufficialmente un attacco in Israele.

Il vicecomandante della polizia per la regione, Dudu Boani, ha affermato che gli assalitori sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco.

Leggi anche:

Morti due israeliani in un attentato a Hadera

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved