la-guerra-in-ucraina-e-i-5-veri-errori-dell-occidente
Lenin, Obama e Putin formato matrioska (Keystone)
+1
ULTIME NOTIZIE Estero
Danimarca
57 min

Copenaghen, due 17enni e un 47enne le vittime

Il bilancio finale comprende anche trenta persone ferite, di cui almeno quattro gravi. Autore accusato di omicidio e tentato omicidio
Stati Uniti
1 ora

Indipendenza... dipendente dai voli: 1’400 quelli cancellati

Notevoli disagi negli Usa per la festa del 4 luglio a causa del caos negli aeroporti. Oltre ai collegamenti saltati, altri 14’000 con ritardi
Italia
1 ora

Marmolada, la montagna restituisce un settimo corpo

Operazioni di ricerca rallentate dal maltempo. Ma c’è anche una buona notizia: rintracciati, sani e salvi, quattro dei dispersi
Svezia
1 ora

Sciopero dei piloti Sas, cancellato un volo su due

Il mancato accordo nei negoziati salariali sfocia nell’astensione dal lavoro. Toccati 30’000 passeggeri al giorno
Confine
4 ore

Intercettati otto tank-container con carburante di contrabbando

Maxisequestro della Guardia di finanza a Busto Arsizio. Denunciati il conducente dell’articolato e la sua ‘staffetta’
India
4 ore

Frana di Manipur, i morti salgono a 42, i dispersi a 20

Lo scoscendimento si era verificato mercoledì in un cantiere ferroviario nello Stato indiano nord-orientale del Paese
Confine
4 ore

Como, spuntano tute per go-kart e termometri contraffatti

Due operazioni di sequestro messe a segno dall’Agenzia delle dogane. La merce proveniva dal Regno Unito. Denunciato l’importatore
Australia
6 ore

‘Se nel 2021 eravate al sicuro, non pensate di esserlo oggi’

Inondazioni in Australia, la ministra dei servizi d’emergenza del Nuovo Galles del Sud avverte: ‘Emergenza che mette in pericolo la vita’
Danimarca
7 ore

Copenaghen, problemi mentali per l’autore della sparatoria

Per il capo della polizia Soren Thomassen non vi sono indizi che possano ricondurre alla matrice terroristica. Vittime colpite a caso
Italia
8 ore

Tragedia della Marmolada, per ora 19 i dispersi

Tra le sei vittime finora confermate ci sono tre italiani e un cecoslovacco. In montagna ancora un’enorme quantità di ghiaccio pericolante
Stati Uniti
9 ore

Nuovo video shock sull’uccisione di un afroamericano

Prima l’inseguimento con (forse) uno sparo da parte del braccato, poi i sessanta colpi sparati dalla polizia. Clima teso come in una polveriera
Danimarca
9 ore

Sparatoria a Copenaghen, i morti sono tre

Diversi i feriti, tre in condizioni gravi. Il 22enne fermato dopo i fatti già noto alle forze dell’ordine, ‘ma solo marginalmente’
Estero
20 ore

Gli ucraini lasciano Lysychansk. Mosca: ‘Preso il Lugansk’

Una settimana dopo la caduta della gemella Severodonetsk, l’esercito di Kiev ha annunciato la ritirata dalla città
Estero
21 ore

Spari in centro commerciale a Copenaghen, diverse vittime

Una persona è stata arrestata dalla polizia danese. Ignote al momento le cause della sparatoria
Italia
23 ore

Marmolada, almeno sei i morti causati dal crollo del seracco

Si aggrava il bilancio dell’incidente in montagna odierno. Oltre alle vittime ci sono anche tra i 10 e i 14 feriti, di cui due gravi
Pakistan
1 gior

Minibus finisce in un burrone: è tragedia in Pakistan

Almeno diciannove le vittime del terribile incidente, avvenuto a causa dell’alta velocità in una remota zona collinare del Belucistan
Italia
1 gior

Crolla un seracco sulla Marmolada: 15 persone coinvolte

Un primo bilancio del Servizio di urgenza ed emergenza medica del Veneto riferisce di sette feriti, uno dei quali gravi
Italia
1 gior

Base jumper svizzero perde la vita nel Trentino

Assieme ad altri due amici, il 33enne, residente in Italia, si era lanciato dal monte Casale, nella valle del Sarca
Australia
1 gior

Australia sotto un diluvio senza tregua: scattano le evacuazioni

Non si placano le piogge torrenziali: circa 32’000 le persone raggiunte dall’ordine di sfollare. E c’è pure un morto
Giappone
1 gior

Nel Paese del Sol Levante, il lavoro non tramonta mai

Complice il declino delle nascite e l’alta aspettativa di vita, in Giappone in un’azienda su quattro si lavora fino a 70 anni
Spagna
1 gior

Ryanair e Easyjet incrociano le braccia in Spagna, grossi disagi

Sabato da bollino rosso negli aeroporti iberici: cancellati 15 voli e ritardi per altri 175. E non è finita: in arrivo tre stop da quattro giorni
Confine
1 gior

Contro i tuffi vietati nel Lario mobilitato anche l’esercito

La siccità prolungata fa emergere nuove spiagge dove è pericoloso bagnarsi. Organizzato un presidio di militari
Italia
1 gior

Gli danno fuoco mentre fa una videochiamata alla fidanzata

Gravi ustioni per un uomo in provincia di Napoli. Forse un litigio avvenuto nei giorni precedenti alla base del grave gesto
Gallery
Australia
1 gior

A Sydney straripa la diga di Warragamba: residenti sfollati

Non si placano le piogge torrenziali che flagellano l’Australia: la tracimazione del bacino, già prevista, è avvenuta in anticipo
Italia
1 gior

Semina il panico con un coltello sul bus a Roma

Momenti di terrore a Trastevere: minaccia sventata dalla reazione dell’autista, che ha richiamato l’attenzione della polizia
Italia
1 gior

Spiagge italiane prese d’assalto in giugno

Forte impennata un po’ in tutte le regioni della Penisola. Ma il ‘sold-out’ lo si registra solo nel weekend
Estero
1 gior

Aumento senza precedenti del rischio di incendi in tutta Europa

Conseguenza diretta del cambiamento climatico. In particolare, a essere interessata dal fenomeno è l’area del Mediterraneo
Italia
1 gior

Troppi pochi vigili: stop ai cortei funebri

Solo due agenti in sevizio a Castelverde, e la sindaca corre ai ripari. Multe per chi trasgredisce la norma
Confine
1 gior

Caterina Sofia e il... battesimo sul traghetto

Fiocco rosa sul battello in servizio tra Intra e Laveno, sul Lago Maggiore. Una bimba nasce a pochi chilometri dall’attracco
Italia
1 gior

Saldi all’insegna dell’incertezza in Italia

Via ufficaile nella Penisola alla stagione dei grandi sconti. Sui quali pesa però il caro-bollette
Italia
1 gior

Scarseggia l’acqua, e Verona limita l’uso di quella potabile

Il sindaco firma l’ordinanza: solo uso domestico, niente irrigazione di orti, giardini, campi sportivi o lavaggio di auto
Estero
2 gior

‘Strappo’ in centro a Milano: rubato orologio da 700 mila euro

Vittima del furto un 58enne, che si è visto sfilare dal polso un Richard Mille. Scippato pure un 62enne, ma il suo valeva ‘solo’ 40mila euro
Italia
2 gior

Ubriaco, stacca con un morso parte dell’orecchio a un 19enne

L’insolita aggressione, di cui si è reso protagonista un ventenne messicano, è avvenuta nella notte a Roma
Italia
2 gior

È la cocaina la piaga d’Italia: 12 dosi ogni mille abitanti

Nel 2021 sequestrate (con poco meno di ottomila operazioni di polizia) oltre 20 tonnellate, dato più alto da sempre
Italia
2 gior

Vanno all’appuntamento osé. Ma si fanno picchiare e derubare

Brutta avventura per due minorenni in provincia di Ferrara, adescati su una chat di incontri per adulti
Italia
2 gior

Caro-vacanze: i prezzi dei biglietti aerei... spiccano il volo

Rispetto a maggio sono cresciuti quasi del doppio, e addirittura del 90,4% se paragonati al 2021. Più care anche le strutture ricettive
Italia
2 gior

Escursionista muore sul Gran San Bernardo

Ad allertare i soccorsi era stata lei stessa, dopo essersi infortunata, ma le ricerche sono state vane. Dovrebbe trattarsi di una donna svizzera
22.03.2022 - 05:10
Aggiornamento: 16:43
di Luca Lovisolo

La guerra in Ucraina e i 5 veri errori dell’Occidente

Tanti passi falsi: dipendenza energetica, miopia diplomatica, ingordigia. E anche la Nato ha fatto sbagli, ma accettare i Paesi dell’Est non è tra questi

L’Ucraina non è ancora morta. Può sembrare una frase a effetto, ma è il primo verso dell’inno nazionale ucraino. Per i cittadini ucraini, ‘L’Ucraina non è ancora morta, né la gloria né la libertà’ suona come ‘Quando la bionda aurora il mattino c’indora’ per gli svizzeri, o ‘Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta’ per gli italiani.

Vladimir Putin, è dimostrato, voleva distruggere e ricostruire l’Ucraina in tre giorni, come il tempio di Gerusalemme, a sua immagine e somiglianza. Invece, dopo tre settimane, l’Ucraina non è ancora morta.

Sui media, in lingua italiana più che altrove, compaiono commentatori di ogni genere secondo i quali la guerra sarebbe colpa dell’Occidente, della Nato, cioè colpa nostra. Lo fanno esponendo teorie che non trovano alcun riscontro nei fatti e nei documenti.

Non rispondo nel dettaglio a queste tesi infondate. Significherebbe dare ulteriore notorietà ad esse e agli illusionisti che le sostengono. Preferisco analizzare alcuni errori che noi occidentali abbiamo davvero commesso verso la Russia.


Una mappa del gasdotto Nord Stream 2 su un container (Keystone)

La dipendenza energetica

Oggi, dipendere dal gas russo e, in misura minore, dal petrolio, limita la nostra possibilità di sanzionare Mosca per costringerla a fermare la guerra. Tra fine anni Settanta e inizio degli anni Ottanta, l’Unione Sovietica cominciò a estendere verso l’Europa i gasdotti che portavano gas dalla Siberia, costruiti a segmenti successivi in decenni di lavori. La Germania occidentale intendeva collegarsi al gasdotto sovietico che arrivava in centro Europa, attraverso l’allora Cecoslovacchia. A inizio gennaio 1982, il presidente degli Stati uniti Ronald Reagan venne in visita ufficiale in Europa.

Erano i mesi in cui in Polonia la popolazione si sollevava contro il regime comunista. Poche settimane prima, il generale Wojciech Jaruzelski aveva imposto la legge marziale. Gli Stati uniti proponevano di sanzionare Mosca, che non voleva rivolte contro i regimi dell’Est e appoggiava la repressione in Polonia.

Il presidente Reagan voleva convincere il cancelliere Schmidt a rinunciare ad allacciare la Germania al gasdotto sovietico; Schmidt voleva il gas sovietico e non voleva sanzioni contro Mosca, perché il progetto, oltre al gas, portava commesse milionarie per le imprese tedesche. Chi, in quei giorni, assistette all’incontro fra Reagan, Schmidt e altri dirigenti del tempo, racconta che il cancelliere tedesco evitava ostentatamente lo sguardo del presidente americano, voltandosi verso la finestra, ogni volta che Reagan lo guardava per avvertirlo dei pericoli della sua politica energetica. Questi fatti accaddero quarant’anni fa: già allora, gli Stati uniti ammonivano l’Europa contro la dipendenza energetica da un regime autoritario.

Ho citato l’esempio della Germania. Chi segue le cose italiane troverà senza fatica atti che hanno favorito la dipendenza della Penisola dalla Russia con decisioni politiche o economiche. In futuro, le politiche energetiche dovranno essere studiate in modo da non causare dipendenze politiche da regimi malfidati.

La dipendenza economica

Nell’entusiasmo suscitato dalla caduta del Muro di Berlino, molte imprese europee si lanciarono sul mercato della Russia. Senza farsi domande su quel Paese, svilupparono relazioni economiche sempre più strette. Il Cremlino, oggi, sfrutta queste relazioni per imporre all’Occidente la sua visione del mondo e alimentare le sue guerre. La guerra in Ucraina tocca oggi il suo vertice di crudeltà, ma è cominciata nel 2014. In questi anni, nessuno ha messo in discussione i rapporti economici, anzi. Le associazioni imprenditoriali hanno protestato a gran voce, ogni volta che i governi proponevano sanzioni contro la Russia. Non è possibile commerciare con un Paese, senza essere informati sul suo sistema politico e sulla sua evoluzione. I rapporti economici rafforzano le dittature, non le fanno cadere.


L’incontro Putin-Biden lo scorso anno a Ginevra (Keystone)

L’accettazione della Storia falsificata

Da almeno dieci anni, in Russia è in corso un processo di riscrittura della Storia. Con articoli, saggi, documentari e prodotti multimediali, la propaganda del Cremlino sta ribaltando la Storia, distorcendo le fonti per giustificare l’imperialismo russo. Questa rilettura si è diffusa anche nelle accademie e nei media occidentali, che non si sono preoccupati di smascherarne la falsità.

Cito un esempio per tutti: l’ormai celebre favola della promessa di non allargamento a est della Nato. Secondo la Russia, durante i negoziati per la riunificazione della Germania, nel 1990, gli Stati Uniti avrebbero promesso all’Unione Sovietica di non far aderire alla Nato i Paesi dell’Est Europa. Di questa promessa non vi è traccia nei documenti; in quel momento storico un accordo simile non era possibile, perché il Patto di Varsavia esisteva ancora e nessuno prevedeva lo scioglimento dell’Unione Sovietica.

Persino Michail Gorbacev, allora a capo del Cremlino, ha scritto e dichiarato più volte che non si parlò mai di allargamento della Nato. Di adesione alla Nato dei Paesi dell’Est si cominciò a parlare anni dopo, quando l’Unione Sovietica non c’era più e il Patto di Varsavia si era sciolto. Ciliegina sulla torta: una promessa di non allargamento della Nato fra Stati Uniti e Urss non avrebbe avuto alcun valore giuridico: due Stati non possono decidere il futuro di altri.

Conclusione: la promessa di non allargamento a est della Nato è una bufala clamorosa. Eppure, il regime di Vladimir Putin giustifica la sua guerra in Ucraina come reazione al tradimento della Nato, che non avrebbe rispettato la promessa di non accettare l’adesione di Stati dell’Est Europa, ma la promessa non esiste.

La riscrittura della Storia fatta dalla Russia di Putin riguarda anche altri momenti chiave del passato recente: il patto Molotov-Ribbentrop del 1939, le vicende della Seconda guerra mondiale, lo stalinismo, la relazione fra i russi, gli ucraini e gli altri popoli non russi dell’Impero zarista, la storia dell’Unione Sovietica.

Oggi, questa storia falsificata della Russia e dell’Europa serve a giustificare la guerra in Ucraina. Trova intellettuali e un’opinione pubblica occidentale disposti a crederci. Bisogna smettere di diffondere tesi storiche e politiche infondate: distinguere il vero dal falso è possibile, i fatti non si possono contraddire sempre.

Gli errori in Iraq, Siria e Afghanistan

Nel marzo del 2003 gli Stati Uniti e alcuni Stati occidentali invadono l’Iraq. Il presidente George Bush figlio giustifica l’attacco come guerra preventiva, dinanzi al pericolo del regime di Saddam Hussein. Secondo gli Stati Uniti, il dittatore iracheno nasconde armi di distruzione di massa che minacciano l’intera umanità. Si capisce poi che in Iraq non ci sono tali armi e che la guerra degli Stati Uniti serve a un disegno di egemonia regionale.


L’incontro Putin-Biden lo scorso anno a Ginevra (Keystone)

La guerra di Vladimir Putin in Ucraina è lo specchio di quella di Bush in Iraq. Oggi, Vladimir Putin motiva l’attacco come autodifesa preventiva rispetto a un inesistente "pericolo nazista" costituito dall’Ucraina come Stato indipendente. In realtà, conduce anch’egli una guerra di egemonia neo-imperiale, come l’allora presidente Usa. La guerra in Iraq segnò un pericoloso precedente. Oggi, Vladimir Putin si serve di quel precedente per sostenere la legittimità dell’invasione dell’Ucraina.

Nel 2012, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama promette che gli Usa interverranno in Siria, se il regime di Bashar al-Asad utilizzerà armi chimiche, nel contesto della guerra in corso nel Paese. Il regime siriano impiega le armi chimiche, ma Usa e Occidente non intervengono. La loro inerzia dimostra al mondo che non sono disposti a battersi per la difesa di un principio del diritto internazionale, il divieto di uso di armi chimiche.

Nell’estate del 2021, gli Stati Uniti abbandonano al suo destino l’Afghanistan. Non si consultano con gli alleati europei, che protestano: l’Occidente era in Afghanistan per una battaglia di valori, ma mostra di non interessarsene più e addirittura litiga su come uscirne.

Un mese dopo, il 15 settembre, gli Stati Uniti provocano un’altra rottura con gli alleati europei. Decidono da soli di promuovere Aukus, un’alleanza rivolta alla difesa verso le minacce dell’Asia-Pacifico. L’atto provoca reazioni in Europa e particolarmente in Francia, perché comporta la disdetta di una fornitura di sommergibili nucleari all’Australia. L’amministrazione di Joe Biden dimostra che il suo nuovo orientamento verso l’Asia prevale sul rischio di uno scontro con i partner europei.

A fine estate 2021 la Nato e l’Occidente si presentano più deboli e divisi di sempre. È nei fatti che la Russia ha cominciato ad ammassare truppe al confine con l’Ucraina proprio a inizio autunno 2021, quando anche il presidente russo ha preso atto che la Nato era più confusa e meno pericolosa che mai.

L’Occidente non ha stimolato la guerra in Ucraina minacciando la Russia: si è mostrato debole e diviso al punto da far credere al Cremlino che una guerra di aggressione sarebbe rimasta impunita.

Dobbiamo ricordare due principi: il primo, che le alleanze funzionano se si presentano unite, oltre che esserlo; il secondo, che non si devono creare precedenti di violazione del diritto internazionale, per biechi interessi di parte. Prima o poi, qualcuno citerà quei precedenti per giustificare le proprie violazioni. Sembra elementare, ma ce ne siamo dimenticati.

L’errore di voltarsi dall’altra parte

Il progetto del regime di Vladimir Putin sull’Ucraina e sull’Europa non è un segreto. Per prevedere i fatti di oggi bastava studiare le fonti in cui vengono descritti a chiare lettere. Dal 2007 a oggi vi sono stati ricercatori, studiosi e analisti che hanno capito dove si sarebbe arrivati. Il loro grido è rimasto inascoltato, mentre nelle facoltà universitarie, sulle pagine dei giornali e nella politica passava chi sosteneva la propaganda di Vladimir Putin.


Un murale per le strade di Roma con protagonista Putin e la sua voglia d’Ucraina (Keystone)

È ancora più grave, però, che la condotta della Russia sia passata inosservata nei ministeri occidentali, nelle Commissioni affari esteri dei parlamenti, dai governi e dai funzionari che dovrebbero consigliarli. Cosa facevano, mentre Vladimir Putin, alla luce del sole, piantava i paletti per realizzare il suo progetto? Servono più capacità di analisi e più competenza, nella politica e nei media.

Questa breve lista di errori dell’Occidente, che hanno causato o favorito la guerra in Ucraina, non pretende di essere completa. Più si studiano le condotte di Europa e Stati uniti negli ultimi trenta, quarant’anni, più si riconosce che l’Occidente ha sbagliato per debolezza, incoerenza e ingenuità, non certo per aggressività.

Gli errori del presente

Oltre agli errori del passato, vi sono almeno due errori del presente, che possiamo smettere di fare. Il primo è credere che il regime di Putin si fermerà all’Ucraina, se riuscirà a sottometterla. Il progetto politico della Russia è scritto nero su bianco: ricostituire l’egemonia della Russia sull’Europa dell’est, sul Caucaso e sull’Asia centrale, per poi esercitare la sua influenza politica sino all’Atlantico.

Il secondo errore è credere che l’Ucraina perderà in ogni caso la guerra. Non è possibile fare previsioni, ma lo scenario assomiglia sempre più a quello della guerra sovietica in Afghanistan: Mosca sottovalutò la resistenza locale, si ritrovò senza uomini per combattere e finì in rotta. Vi sono ragioni per le quali la Russia potrebbe vincere, in Ucraina, ma ve ne sono almeno altrettante per le quali potrebbe perdere. È falso dire oggi che gli ucraini dovrebbero arrendersi alla prepotenza dei russi, perché continuare la resistenza costerebbe vite senza prospettive di vittoria. Non illudiamoci che la diplomazia possa risolvere questa guerra in questo momento.

Se anche dovesse perdere la guerra, non vi è ragione per la quale l’Ucraina debba perdere la dignità, consegnandosi all’invasore. Vladimir Putin pensava di vincere la guerra in tre giorni. Dopo tre settimane di combattimenti, l’Ucraina non è ancora morta.

Luca Lovisolo è traduttore e ricercatore indipendente in diritto e relazioni internazionali. Una versione più estesa di questo contributo è disponibile sul suo sito: www.lucalovisolo.ch

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
errori europa nato occidente russiaucraina stati uniti storia vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved