16.03.2022 - 19:10

Pandemia, non è ancora finita: in 7 giorni +8% di casi nel mondo

L’Oms segnala oltre 11 milioni di nuovi casi e poco più di 43’000 nuovi decessi. L’aumento più marcato in Europa è stato registrato in Germania

Ats, a cura di Marco Narzisi
pandemia-non-e-ancora-finita-in-7-giorni-8-di-casi-nel-mondo
Keystone

Dopo una diminuzione consistente dalla fine di gennaio 2022, il numero di nuovi casi settimanali di Covid-19, nelle sei regioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità, è aumentato dell’8% durante la settimana dal 7 al 13 marzo 2022. Il numero di nuovi decessi ha continuato a diminuire, con il -17% rispetto alla settimana precedente.

Sono stati segnalati oltre 11 milioni di nuovi casi e poco più di 43’000 nuovi decessi, che portano a oltre 455 milioni i casi confermati e a oltre 6 milioni i decessi a livello globale. Lo segnala il nuovo rapporto settimanale (n. 83) dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

A livello regionale, la Regione del Pacifico occidentale, la Regione africana e quella europea hanno registrato aumenti dei nuovi casi settimanali rispettivamente del 29%, 12% e 2% rispetto alla settimana precedente; mentre in calo si registrano la Regione del Mediterraneo Orientale (-24%), la Regione del Sud-Est Asiatico (-21%) e la Regione delle Americhe (-20%).

Queste tendenze "dovrebbero essere interpretate con cautela poiché diversi paesi stanno progressivamente modificando le proprie strategie di test, con conseguente riduzione del numero complessivo di test eseguiti e di conseguenza del numero di casi rilevati".

Il maggior numero di nuovi casi è stato segnalato dalla Repubblica di Corea (2’100’171 nuovi casi; +44%), Vietnam (1’670’627 nuovi casi; +65%), Germania (1’350’362 nuovi casi; +22%), Paesi Bassi (475’290 nuovi casi; +42%) e Francia (419’632 nuovi casi; +20%).

Il numero più alto di nuovi decessi è stato registrato dagli Stati Uniti (9’078 nuovi decessi; -13%), Federazione Russa (4’530 nuovi casi; -15%), Brasile (3’301 nuovi casi; -15%), Indonesia (1’994 nuovi casi; -5%) e Cina (1’955 nuovi decessi; +63%).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved