babij-jar-la-shoah-a-colpi-di-fucile
Le lacrime di un deportato ucraino (Keystone)
+1
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
7 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
8 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
9 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
10 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
13 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
14 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
15 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
15 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
Estero
16 ore

Finlandia e adesione alla Nato, sì in Commissione parlamentare

Il parere della Commissione affari esteri segna il completamento di un’altra tappa legislativa richiesta a Helsinki per aderire all’Alleanza Atlantica
Video e Foto
Speciale Ucraina
18 ore

Kiev conferma: negoziazioni al momento sospese

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov aveva dichiarato che non si stavano svolgendo colloqui. Segui il live de laRegione
Confine
18 ore

Violenta rissa con coltellata a Ponte Chiasso

Lo scontro è avvenuto ieri sera alle 21 in una pizzeria a ridosso della dogana. I sanitari hanno medicato sul posto una mezza dozzina di persone
Confine
20 ore

Corpo trovato a Como, accanto i documenti di un 66enne svizzero

Gli inquirenti ipotizzano che si tratti di un senzatetto. Per il momento non ci sarebbero elementi che possano far pensare a una morte violenta
Estero
20 ore

Buffalo, il killer aveva postato online il piano dettagliato

Nel documento il giovane descrive non solo il supermarket preso di mira, ma anche altri due posti dove ‘uccidere tutti gli afroamericani’
Estero
1 gior

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
1 gior

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
1 gior

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
1 gior

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
1 gior

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
1 gior

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
1 gior

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
1 gior

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
1 gior

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
Estero
1 gior

Hacker filorussi attaccano il sito della polizia italiana

Il collettivo ‘Killnet’ ha dichiarato ‘guerra’ a 10 Paesi. Nei giorni scorsi avrebbero colpito alcuni siti istituzionali e provato a bloccare l’Eurovision
Estero
1 gior

Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi

Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il Nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura
speciale ucraina
1 gior

Kiev: ‘Evacuati 264 soldati dall’Azovstal’

Sarebbero 53 soldati feriti condotti a Novoazovsk e 211 altri combattenti portati a Olenivka, nel territorio dei separatisti filorussi di Donetsk
giornata della memoria
laR
 
27.01.2022 - 05:30

Babij Jar, la Shoah a colpi di fucile

Il massacro dimenticato alle porte di Kiev, dove morirono oltre 33mila ebrei, simbolo di eventi sepolti dalla storia

di Donato Sani
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La memoria della Shoah ha costituito un elemento fondante della coscienza identitaria europea del secondo dopoguerra. La percezione di un punto di crisi acuta della civiltà europea, di barbarie mai raggiunte prima e mai più a ripetersi, è stata l’innesco di una riflessione culturale che ha attraversato la cultura contemporanea. Da Adorno a Hannah Arendt. Il ripensamento radicale del tema dell’antisemitismo, il rifiuto del nazionalismo, l’esigenza di uno sguardo critico collettivo sulla propria storia e di una riconciliazione tra popoli che erano stati nemici: tutti elementi che hanno contribuito a dare forma a una nuova Europa, che ha avuto il suo massimo momento di pace e prosperità nel frangente storico in cui smetteva di essere il centro politico del mondo. Tuttavia, c’è un’Europa in cui questo processo di ripensamento della storia alla luce della Shoah, ha avuto un vigore e una profondità minori. Di questa Europa fanno parte (tra gli altri?) i Paesi di quello che fu il Patto di Varsavia.

Orrore e poesia

Babij Jar è una cava nella campagna circostante Kiev. Un luogo di fucilazioni di massa da parte delle truppe naziste. Particolarmente agghiacciante fu il massacro della popolazione giudaica: tra il 29 e il 30 settembre 1941 vi furono fucilati più di 33 mila ebrei. Vista la vicinanza con la città, il rumore incessante degli spari si udì pure nella capitale ucraina. Si tratta di una pagina tra le più efferate della storia del nazismo, un eccidio di massa paragonabile solamente per dimensioni a quelli di Odessa, nel 1941, e nel ghetto di Lublino.

Il grande poeta russo Evgeni Evtušenko, in una visita sul sito del massacro nel 1961, notò con stupore che non vi si trovava nessuna targa che ricordasse l’evento e che la cava era utilizzata al fine di smaltire i rifiuti. Ne trasse una famosissima poesia, poi musicata in una sinfonia di Dmitrij Šostakovič. Il poeta si appella alla vocazione internazionalista del popolo russo, per muovere una critica all’antisemitismo strisciante del regime sovietico dell’epoca, le cui posizioni ufficiali sembravano sminuire le dimensioni tragiche della Shoah. Infatti la poesia, che pur vide la luce in una rivista letteraria sovietica, fu apertamente criticata dalla nomenclatura del partito (a partire da Kruščev). Sono versi vertiginosi: Non c’è un monumento a Babij Jar, / il burrone ripido sta come una lapide /[…] A Babij Jar il fruscio dell’erba selvaggia / gli alberi sembrano minacciosi / come a voler giudicare / qui tutto urla in silenzio.


I soldati nazisti sparano sui civili a Babij Jar (Keystone)

La duplice morte

Una certa storiografia dell’Europa dell’est definisce questo fenomeno come duplice morte delle comunità ebraiche. Allo sterminio fisico ha fatto seguito una censura della memoria di quegli eventi da parte della cultura ufficiale dei Paesi del Socialismo Reale, che non ha mai voluto fare i conti con il proprio antisemitismo. Basti pensare alle persecuzioni antisemite contro i cosiddetti cosmopoliti portate avanti dal regime staliniano dal ’48 al ’52. O alla campagna antisemita del regima comunista polacco nel 1968.

In alcuni Paesi del Patto di Varsavia, l’antisemitismo di massa sopravvisse alla Seconda Guerra Mondiale e fu usato dai regimi comunisti dell’epoca per cementificare il proprio consenso in senso nazionalistico. Un altro esempio emblematico è quello del sito del campo di concentramento nazista di Sachsenhausen (periferia di Berlino). Il memoriale ivi presente, dedicato alle vittime del nazismo da parte della Ddr e terminato nel 1961, si concentra in particolare sulle vittime comuniste e antifasciste (che portavano un triangolino rosso identificativo sulla propria “divisa“) e pone in secondo piano tutte le altre categorie perseguitate dal Terzo Reich. Una chiara scelta di campo nell’ambito della memoria condivisa.

L’Ucraina è stato uno dei paesi Europei più segnati dalla presenza ebraica. Basti pensare, ad esempio, al movimento chassidico, nato nell’Ucraina occidentale. All’inizio del Novecento, nei confini dell’Ucraina attuale, viveva una delle popolazioni ebraiche più numerose d’Europa (crica 2 milioni di abitanti), di dimensioni paragonabili solo a quella polacca. Kiev, Odessa, Lviv, Kharkiv erano tra le città più giudaiche al mondo. A causa degli eventi drammatici del XX secolo (dai pogrom all’olocausto), la popolazione ebrea in Ucraina è oggi ridotta a qualche decina di migliaia di abitanti. Lo sterminio ebraico in Ucraina si è fatto soprattutto attraverso i rastrellamenti delle Ss e degli Einsatzgruppen e per questo viene anche chiamata Shoah a colpi di fucile per distinguerla da quella delle camere a gas. Come dimensioni si tratta di uno sterminio assolutamente paragonabile a quello dei campi di concentramento (circa un milione di vittime).


Un memoriale per le vittime di Babij Jar (Keystone)

Tema controverso

La memoria dell’olocausto in Ucraina rimane un tema molto controverso, portato alla luce soprattutto da studiosi stranieri. Notevole è stato in particolare il lavoro dell’equipe guidata dal francese Patrick Desbois, che ha passato in rassegna l’Ucraina, villaggio per villaggio, alla ricerca di tracce dello sterminio perpetrato dai nazisti sugli Ebrei e su altre categorie (zingari, oppositori politici, ecc.).

Le azioni di sterminio degli Einsatzgruppen furono capillari e interessarono una buona parte di quello che è il territorio ucraino attuale. Si tratta di una vicenda per lo più ignorata dalla maggioranza della popolazione locale, che abita gli stessi territori dove vissero comunità ebraiche molto numerose. Dal punto di vista della memoria storica è questo il dato più impressionante: la popolazione di luoghi dove vissero e furono sterminati centinaia di migliaia di ebrei è per lo più dimentica della vicenda. Magari sono noti gli episodi più importanti come Babij Yar, o i massacri di Odessa e Leopoli, ma spesso si ignora di vivere negli stessi villaggi dove furono rastrellati gli Ebrei.

È una situazione che presenta ancora delle fortissime criticità: la Shoah rimane un tema lontano dalla sensibilità del Paese, che ne ignora pure gli aspetti positivi. Come, ad esempio, gli oltre 2’500 ucraini commemorati nel giardino dei giusti a Gerusalemme.

Un aspetto problematico è legato al ritorno in superficie del nazionalismo ucraino con l’indipendenza del Paese negli anni ’90. I partiti nazionalisti ucraini sono una forza molto esigua a livello di consensi elettorali (sono praticamente scomparsi dal parlamento nel 2019), ma possiedono una certa capacità di mobilitazione dei propri militanti, una presenza costante nelle manifestazioni di piazza. Ora, una parte dei riferimenti mitici di queste forze politiche è a movimenti politici del primo Novecento, che si macchiarono anche di crimini contro l’umanità e nelle cui file furono assoldati pure molti collaborazionisti. È questo un tasto molto dolente, anche perché nel dibattito attuale la Shoah viene di contro a volte invocata, in patria e all’estero, come una colpa nazionale, un crimine collettivo della popolazione etnicamente ucraina (e quindi non appartenente alle minoranze russofone, rumene, tatare, ungheresi...).


Una delle fosse comuni a Babij Jar (Keystone)

Ripassare la storia

La Shoah in Ucraina si presenta ancora come un tema scomodo e divisivo. A prova di questo c’è il sito precedentemente menzionato di Babij Jar, dove sono stati posti uno dopo l’altro dei memoriali inerenti all’uno o all’altra minoranza perseguitata. Il primo fu quello eretto nel 1976 da parte dell’Urss a memoria delle vittime con cittadinanza sovietica e dei prigionieri di guerra. Seguì quello inaugurato in memoria dell’eccidio della popolazione ebraica nel 1991. E, da allora, ne sono stati posti diversi altri per ricordare Rom, ortodossi, nazionalisti ucraini, ecc, a testimonianza della frammentazione del giudizio storico che percorre ancora la società.

Tuttavia, con il presidente ucraino attuale, le cose stanno poco a poco cambiando. In un incontro tenutosi in Israele l’anno scorso, il presidente Volodymyr Zelensky ha rivelato che i fratelli di suo nonno erano stati vittima della Shoah. Con il presidente precedente Petro Porošenko ancora in carica, nel 2016 è stata costituita la fondazione “Babyn Yar Holocaust Memorial Center”, sostenuta da diversi mecenati ucraini e internazionali. L’obbiettivo è la realizzazione, in quell’area della periferia di Kiev, del più vasto memoriale al mondo dedicato agli eccidi nazisti. Il completamento dei lavori è previsto per il 2026, e, grazie alle nuove tecnologie, mira a valorizzare al massimo il sito con un ampio uso di esperienze immersive e interattive.


Il monumento che celebra la Liberazione a Kiev (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
babij jar shoah
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved