fermate-lo-sterminio-di-criceti-bufera-ad-hong-kong
keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
32 min

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

Nuovo colloquio Usa-Russia: parlano i capi dell’esercito

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
1 ora

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli.
Estero
1 ora

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
2 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
2 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
4 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
14 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
15 ore

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
21.01.2022 - 20:39

‘Fermate lo sterminio di criceti’, bufera ad Hong Kong

La infezioni legate ai roditori potrebbero contenere una nuova mutazione del virus, giustificando l’abbattimento di migliaia di animali domestici

La mobilitazione a difesa dei piccoli animali da compagnia, criceti in testa, è partita su Internet ed è stata rapida e veloce: fino a giovedì sera, appena 68 piccoli roditori erano stato consegnati al centro raccolta di Hong Kong per il loro abbattimento, in linea con la misura draconiana delle autorità sanitarie contro circa 2.000 tra criceti, conigli, cincillà e porcellini d’India, decisa martedì a causa di 11 animaletti positivi al Covid in un pet shop a Causeway Bay. Sui social, oltre all’esplosione di rabbia, sono stati postati i video dell’azione di disturbo, fatta soprattutto da giovanissimi, impegnati a strappare via ai proprietari gli animaletti con appelli disperati, fino all’ingresso della struttura di raccolta.

La validità della “misura precauzionale", che ha colpito gli animali domestici comprati dopo il 22 dicembre, è stata ribadita dal Dipartimento dell’agricoltura, della pesca e della conservazione dell’ex colonia che, in una nota, ha chiesto di "interrompere immediatamente tali azioni e di restituire i criceti portati via”.

Il governo locale ha mobilitato anche il massimo esperto di virus di Hong Kong, Yuen Kwok-Yung, un microbiologo di fama mondiale, secondo cui la serie di infezioni legate ai criceti potrebbe contenere una nuova mutazione del virus, giustificando uno sforzo urgente di contenimento dei rischi con l’abbattimento di migliaia di animali domestici. “Di fronte a queste molteplici incognite, se la diffusione nella comunità del virus mutato non viene fermata presto, potrebbe diffondersi a Hong Kong, sulla terraferma e all’estero, portando a un altro disastro”, ha affermato Yuen, secondo cui il ceppo virale è potenzialmente uno di recente adattamento, con una mutazione nota come D427G.

La situazione nella città, malgrado l’adozione del modello cinese di ‘tolleranza zero’ al Covid, ha mostrato rischiose falle. Sono trascorse oltre tre settimane dall’assenza di casi locali, mentre il conteggio giornaliero è in continua crescita. Dalle tre infezioni di sette giorni fa, si è passati alle 18 di oggi, il massimo da marzo 2021, più altri 20 casi sospetti la cui origine è però incerta.

I funzionari hanno ordinato il lockdown ai residenti di un edificio di edilizia popolare nei Nuovi Territori: quasi 3.000 persone devono sottoporsi al test anti-Covid quotidianamente, potendo lasciare l’edificio solo dopo un risultato negativo.

L‘ordine è maturato dopo l’accertamento di 13 casi preliminari, in aggiunta ai tre Omicron accertati, facendo ipotizzare la presenza di un ’super diffusore’. Le autorità sospettano, secondo i media locali, che un uomo infetto abbia visitato più aree di raccolta dei rifiuti per rastrellare oggetti da riciclare o rivendere, creando un effetto di super diffusione che ha seminato il virus in tutto l’edificio.

“Chiaramente c’è un focolaio nella comunità e la situazione è preoccupante”, ha commentato la ministra della Sanità, Sophia Chan. Allora ogni mezzo pare utile nel Paese se può stroncare il virus, anche il sacrificio di oltre 2.000 criceti e piccoli animali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
criceti hong kong
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved