la-sindrome-dell-avana-a-ginevra
Una bandiera cubana davanti all’ambasciata Usa all’Avana (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Speciale Ucraina
LIVE

Nuovo colloquio Usa-Russia: parlano i capi dell’esercito

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
24 min

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli.
Estero
50 min

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
1 ora

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
1 ora

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
2 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
13 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
14 ore

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
medio oriente
14 ore

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere
Confine
20 ore

Centovallina, i treni circolano unicamente fino a Camedo

Il cedimento di un muro della strada statale oggetto d’interventi di messa in sicurezza all’origine dell’interruzione del collegamento
Estero
21 ore

Crimea, i tatari ricordano i deportati da Stalin sfidando Mosca

Nonostante i divieti e il rischio di punizioni, circa 70 persone hanno manifestato per commemorare le vittime della deportazione del popolo tataro nel ’44
Confine
21 ore

Sospesi per quasi quattro mesi i lavori sulla A9

In vista del traffico estivo si sono fermati i lavori nella galleria San Fermo Sud, che riprenderanno in settembre
Estero
21 ore

L’Europarlamento chiede lo status di candidato per la Moldavia

Con 512 a favore, 43 contrari e 39 astenuti il Parlamento di Strasburgo sollecita le istituzioni europee a riconoscere la Moldavia come Paese candidato
Estero
23 ore

Germania: spari a scuola, un ferito a Bremerhaven

La polizia ha fermato una persona, una seconda sarebbe in fuga
Speciale ucraina
1 gior

Nato, sosterremo Kiev per tutto il tempo necessario

"L’Ucraina non accetterà mai l’occupazione della Russia" ha dichiarato Rob Bauer, presidente del Comitato militare Nato Segui il live de laRegione
Confine
1 gior

Operazione Ritual, 4 arresti e 3 kg di cocaina sequestrati

Prima di imbarcare la sostanza stupefacente verso l’Europa, la banda di nigeriani era solita avvalersi di riti propiziatori dei ‘santoni’
Estero
1 gior

Trump supera la prova delle primarie

I verdetti dell’ultima tornata in Pennsylvania, North Carolina, Kentucky, Idaho e Oregon in vista delle elezioni di Midterm a novembre
Confine
1 gior

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
14.01.2022 - 19:54

La Sindrome dell’Avana a Ginevra

L’oscura malattia neurologica dei diplomatici statunitensi rilevata nel 2016 a Cuba si espande. Si teme sia un attacco elettromagnetico di russi o cinesi

Lo schiaffo del soldato del XXI secolo si chiama Sindrome dell’Avana. Solo che lo schiaffo sono onde elettromagnetiche e i soldati sono diplomatici. Ma una cosa in comune ce l’hanno: quando il colpito si gira, fatica a capire chi è il colpevole.

Comparsa nel 2016 all’ambasciata americana dell’Avana, la sindrome ha continuato a colpire diplomatici, perlopiù statunitensi, in tutto il mondo: negli ultimi cinque anni – vale a dire dalla sua prima, misteriosa apparizione in quel di Cuba – sono stati rinvenuti casi in Austria, Serbia, Cina, Germania, Australia, Russia e l’estate scorsa – si scopre solo ora – anche in Francia e a Ginevra. Tra i diplomatici colpiti in Svizzera, uno era in condizioni talmente gravi da dover essere rimpatriato.

I sintomi sono più o meno sempre gli stessi: vertigini, perdita di equilibrio, problemi all’udito e attacchi d’ansia. Gli esperti hanno ricondotto l’insieme di tutti questi malesseri a una sorta di “nebbia cognitiva”, un fastidio persistente – tanto vago quanto specifico – che colpisce la testa e, di riflesso, tutto il corpo. Alcuni casi sono stati definiti gravi, eppure continua a non essere capito (oppure non pubblicamente spiegato, per chi non crede alla trasparenza del Pentagono) come abbia origine la sindrome e perché si sviluppi in modo così inspiegabile, colpendo alcuni dipendenti delle sedi diplomatiche, ma non altri che lavorano fianco a fianco con loro.

Spy story

Nel primo caso, quello emerso a Cuba, presero piede le teorie più fantasiose, rendendo quella notizia un perfetto incastro da spy story (non a caso uno dei più noti romanzi di spionaggio, “Il nostro agente all’Avana” di Graham Greene, è ambientato proprio nell’isola caraibica). Tra le ipotesi gli effetti di un potente pesticida e il frinire di alcune specie di insetti presenti solo nell’area e a cui gli americani faticavano ad adattarsi. C’era anche chi parlava di psicosi collettiva, stress dovuto al fatto di lavorare in uno dei territori più ostili per un diplomatico statunitense, nonostante la relativa distensione degli ultimi anni avviata da Barack Obama.


Una mamma cubana con la figlia passeggia sul Malecon avanti all’ambasciata Usa (Keystone)

Accanto a queste idee più folkloristiche si fece strada quella considerata oggi più vicina alla verità: un attacco o le conseguenze di una sorveglianza con onde elettromagnetiche da parte di una nazione ostile: inizialmente si pensava a Cuba stessa, poi alla Russia, oggi alla Cina, seguendo pedissequamente il copione dei cattivi aggiornato da Washington. Ma c’è anche chi non esclude che l’origine sia interna, dovuta all’uso di apparati dentro le stesse rappresentanze.

L’intelligence Usa porta avanti, nel frattempo, due indagini separate, una per stabilire le cause degli attacchi e l’altra per trovare le tecnologie che potrebbero prevenire il malessere. Come causa, gli scienziati si sono concentrati sulle radiazioni a microonde dirette. In pratica, qualcuno – o qualcosa – sceglie il suo obiettivo e lo colpisce deliberatamente con onde che alla lunga generano una serie di disturbi neurologici. I raggi sarebbero diretti non solo verso gli edifici governativi, ma anche verso alcune abitazioni.

Il caso svizzero

Il caso svizzero non sembra essere molto diverso dagli altri che l’hanno preceduto, anche se la Confederazione, tramite il Dipartimento federale degli Affari Esteri (Dfae) e il Servizio delle attività informative della Confederazione (Sic) ha aggiunto un po’ di involontaria comicità facendo sapere di essere al corrente delle notizie, ma di non volerle commentare. E fin lì si può anche capire. Ma il Dfae ha aggiunto che non si vedono rischi per la politica dei buoni uffici della Svizzera (e perché dovrebbero esserci?) e il Sic – facendo riferimento al rapporto Sicurezza Svizzera 2021 – ha sottolineato che negli ultimi anni non sono stati registrati in Svizzera atti di sabotaggio, attacchi, rapimenti o uccisioni mirate da parte di servizi segreti stranieri. Tuttavia, continua il Sic, ci sono state ‘indicazioni di molestie, minacce e intimidazioni dirette contro persone che erano fuggite in Svizzera e che presumibilmente provenivano da autorità straniere’. In linea di principio, insomma, viene esplicitato che è possibile che servizi segreti stranieri compiano atti di violenza sul territorio elvetico. Monsieur Lapalisse non avrebbe saputo scrivere di meglio.


Le bandiere cubane usate per coprire l’ambasciata Usa nel 2007 (Keystone)

Pompieri svizzeri a parte, la questione Sindrome dell’Avana resta un tema caldo a Washington, che sembra non venirne a capo: l’agosto scorso fu ritardato di qualche ora il viaggio della vicepresidente Kamala Harris ad Hanoi proprio per due presunti casi del misterioso malessere. Nel frattempo, a Cuba, i colpiti si contavano a decine e comprendevano anche familiari del corpo diplomatico. Tre mesi fa si è saputo di altri cinque casi all’interno dell’ambasciata statunitense a Bogotá, in Colombia. Il caso più eclatante, Cuba a parte, ha riguardato Vienna, dove è stato recentemente silurato il capo della sezione locale della Cia, reo di aver sottovalutato – se non addirittura nascosto ai superiori – i casi di Sindrome dell’Avana all’interno dell’ambasciata Usa in Austria.

Resta la fascinazione per il luogo in cui tutto è iniziato, l’ex palazzo di rappresentanza, oggi ambasciata, sul Malecon, il lungomare dell’Avana, dove ai tempi in cui certe tecnologie non erano ancora così avanzate ci si faceva dispetti a suon di led e bandiere. Dopo che gli americani decisero di installare al quinto piano dell’ambasciata uno schermo su cui fare passare messaggi anti-castristi, Fidel pensò bene di oscurare la vista “imperialista” piantando 138 bandiere (cubane, poi alternate a stelle bianche su fondo nero) davanti al palazzo. Erano gli ultimi sussulti di una Guerra fredda ora riscaldata con le microonde.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved