i-tory-perdono-la-storica-roccaforte-johnson-nella-bufera
Boris Johnson (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
11 ore

A Trump di dimostrare che i documenti erano declassificati

Spetta all’ex presidente degli Stati Uniti provare che il materiale ‘top secret’ requisiti dall’Fbi erano tutti desecretati
Francia
12 ore

Campionessa di sci alpinismo muore sul Monte Bianco

Adèle Milloz e un’altra alpinista forse tradite dal distacco di una frana. L’incidente si è verificato sul versante dell’Aiguille du Pigne
Stati Uniti
12 ore

Spinto dalla perquisizione a Trump l’uomo abbattuto dall’Fbi

La polizia lo aveva abbattuto mentre cercava di fare irruzione, armato di fucile, nella sede degli investigatori
Stati Uniti
14 ore

Auto si schianta contro un pub: almeno 14 feriti

L’incidente è avvenuto ad Arlington, in Virginia. Dopo l’impatto, nel locale si è sprigionato un incendio
Italia
14 ore

Furto nella casa dei suoceri di Domenico Berardi

Ignoti sono penetrati nell’abitazione dei genitori della moglie del calciatore del Sassuolo e della nazionale azzurra
Ungheria
15 ore

Gazprom apre i rubinetti verso l’Ungheria

Flusso aumentato in agosto di 2,6 milioni di metri cubi al giorno. Colloqui in corso per ulteriori incrementi per settembre
Italia
16 ore

Riparbella, una festa di compleanno finisce in dramma

Un turista tedesco 54enne cade da un muro e precipita in una scarpata in un’area rurale, morendo
Lituania
18 ore

Anche la Lituania medita possibili limitazioni ai visti russi

Dopo l’analoga decisione dell’Estonia (dove le regole cambieranno a partire dal 18 agosto), anche Vilnius sta valutando un inasprimento
Italia
19 ore

Ondata di maltempo a Stromboli, si lavora al ripristino

Protezione civile, abitanti e pure turisti fianco a fianco per ripulire le strade invase da fango e massi dopo i temporali
Ucraina
20 ore

Respinta un’offensiva russa verso Zaporizhzhia

Nell’assalto alle postazioni ucraine impiegati cannoni, artiglieria e carri armati. E pure aerei
Stati Uniti
20 ore

Su Trump l’ombra del sospetto di spionaggio

Pubblicato il mandato con cui l’Fbi ha messo a soqquadro la residenza in Florida dell’ex presidente Usa, sequestrando documenti ‘Top Secret’
regno unito
17.12.2021 - 20:29
Ansa, a cura de laRegione

I Tory perdono la storica roccaforte, Johnson nella bufera

Dopo 200 anni i conservatori perdono nel North Shropshire. Il premier non accampa scuse: ‘Colpa mia’

‘Nightmare Before Christmas’. L’incubo pre-natalizio del primo ministro britannico Boris Johnson, prendendo a prestito il titolo del celebre film ideato da Tim Burton, si è concretizzato con un’umiliante sconfitta nell’elezione suppletiva del seggio di North Shropshire, nelle Midlands Occidentali, ovest dell’Inghilterra, una storica roccaforte del partito conservatore, rimasta sempre blu in quasi duecento anni e ora passata ai libdem. E in tanti si chiedono se BoJo abbia ormai perso il suo tocco magico da leader capace di innumerevoli successi alle urne.

Vittoria libdem

La candidata libdem e neo deputata Helen Morgan ha vinto con il 47% dei consensi, quasi 6.000 voti di vantaggio sul candidato conservatore, Neil Shastri-Hurst, e l’ampiezza della débacle, una fra le peggiori nella recente storia politica del Regno Unito, emerge ancora di più se si considera che i Tory nell’elezione precedente avevano conquistato una maggioranza di 23 mila voti. Per gli esperti si è trattato di una scossa tellurica, scatenata da un atto di protesta che deve far riflettere il primo ministro, già alle prese con l’emergenza Covid e un nuovo record giornaliero di contagi, oltre 93mila, trainato dall’avanzata della variante Omicron. “Mi prendo la responsabilità personale del risultato", ha detto Johnson in un ampio mea culpa per la "sconfitta molto deludente”, in cui ha affermato di comprendere “del tutto” la frustrazione degli elettori.


La vincitrice del seggio Helen Morgan (Keystone)

Le ragioni sono note da giorni se non settimane e si sono concentrate nel voto in una circoscrizione ultra-sicura per i Tory e anche fortemente brexiteer. In primo luogo, il fatto che la suppletiva è stata indetta per sostituire il conservatore Owen Paterson, l’ex ministro dimessosi da deputato dopo che il governo aveva tentato di salvarlo dalla sospensione alla Camera dei Comuni inflitta per un caso di consulenze d’oro dall’organo disciplinare di Westminster. Dalla sua vicenda, umiliante per Johnson perché costretto ad una marcia indietro che ha intaccato la sua credibilità, si è poi passati al più vasto scandalo malcostume (sleaze) che ha colpito la compagine conservatrice.

Errori su errori

Per non parlare delle ripetute accuse sui party di Natale organizzati l’anno scorso dai funzionari nelle sedi istituzionali britanniche (fra cui Downing Street) in presunta violazione delle allora vigenti misure anti-coronavirus. A uno di questi, avvenuto nel maggio 2020, avrebbe preso parte per un rapido saluto lo stesso premier. Non è un caso se la neo eletta deputata Morgan abbia dichiarato nel suo discorso subito dopo la vittoria, rivolgendosi a Johnson: “La festa è finita". Aggiungendo: "Il vostro governo, basato su bugie e spavalderia, sarà ritenuto responsabile. Può e sarà sconfitto”. Ma più che dagli avversari esterni sembra che il primo ministro si debba guardare dalla fronda interna al suo partito conservatore, soprattutto dopo la rivolta di circa 100 deputati nel voto ai Comuni sul piano B delle restrizioni anti-Covid.

Con la debacle odierna alcuni dei più ostili al primo ministro ne hanno approfittato, come il deputato veterano Roger Gale, secondo cui basta un altro passo falso del primo ministro “ed è fuori”. Da altri esponenti del partito è arrivato invece l’invito a riprendere le redini della situazione, con una maggiore disciplina fra i ranghi quando vengono violate le regole, a partire dai party finiti sotto accusa. Del futuro di Johnson si sta discutendo febbrilmente fra i media del Regno. Laura Kuenssberg, political editor della Bbc, ipotizza una sfida alla leadership per l’estate 2022, se BoJo non riuscirà nei prossimi mesi a risollevarsi da una posizione mai così difficile e precaria. In passato ha sorpreso tutti per la sua capacità di ripresa ma le risorse possono anche esaurirsi in una rincorsa ai consensi e alla popolarità che alla fine può rivelarsi estenuante.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson elezioni helen morgan north shropshire regno unito roccaforte tory
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved