i-segreti-del-gruppo-wagner-i-mercenari-di-putin
Membri del gruppo paramilitare russo in Ucraina (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 min

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
33 min

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
2 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
LIVE

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
5 ore

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
6 ore

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
7 ore

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
8 ore

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Estero
8 ore

Uk, imposta una tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas

La misura è temporanea e servirà a contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia
Estero
10 ore

‘Ora andare in discoteca mi mette ansia’

Su TikTok spopola la ‘Boiler summer cup’, una sfida a punti che premia chi riesce ad adescare le ragazze ritenute in sovrappeso
Estero
15 ore

Italia, dissequestrata la storica biblioteca dei Girolamini

I sigilli vennero messi dieci anni fa nell’ambito di un’inchiesta sul furto di migliaia di volumi antichi
Estero
15 ore

Trasporto aereo, aumentano i bagagli persi o in ritardo

Sono più di quattro ogni mille passeggeri le borse e valigie smarrite, giunte tardivamente, rubate o danneggiate
Estero
15 ore

Partire, restare... l’incertezza attanaglia i rifugiati siriani

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, cinque milioni di persone hanno cercato rifugio in Turchia. Ora ci sono pressioni perché rientrino in patria
Confine
1 gior

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
1 gior

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
1 gior

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
15.12.2021 - 21:38
Aggiornamento : 21:59

I segreti del Gruppo Wagner, i mercenari di Putin

Sono ovunque la Russia abbia interessi, dalla Siria all’Africa, e il loro ruolo è decisivo in Ucraina, dove Mosca non può esporsi. L’Ue prova a fermarli

Non esistono, ma sono dappertutto. Non sono un vero esercito, ma combattono guerre, e spesso le vincono. Ufficialmente non si sa cosa facciano e per conto di chi, eppure l’Unione europea li sanziona.

Il Gruppo Wagner sembra un ensemble tedesco, ma la sua musica preferita esce da armi russe. Sono pericolosi perché mercenari, cani sciolti. Lavorano e poi chiedono la parcella, come un medico o un avvocato, ma per lavoro uccidono. Sono il modo che Mosca ha di occupare il complicato Risiko del XXI secolo, senza mettere i suoi carri armati sul tavolo. Una strategia che sembra una foglia di fico, eppure finora era bastata per coprire operazioni giganti in terreni scivolosi. Il Gruppo Wagner ha operato o opera praticamente ovunque ci sia un conflitto o tiri una brutta aria. Ovviamente in Ucraina, dove sono impegnati nel conteso Donbass. Fin dall’inizio si sente parlare di paramilitari russi: sono loro. Ma hanno avuto un ruolo decisivo nella guerra allo Stato Islamico in Siria, e l’Africa ormai è casa loro: Libia, Ciad, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Mali. Si dice che abbiano venti sedi sparse per il continente. Non c’è guerra che non abbia un prezzo e non c’è prezzo che non convinca almeno un manipolo dei loro uomini a muoversi.


Foto di gruppo (Wikimedia)

Le sanzioni di Bruxelles

Del Gruppo Wagner si sa poco, eppure abbastanza: si sa che non si muovono solo e sempre per conto del Cremlino, ma se il Cremlino chiama, loro rispondono. Anche perché tra i finanziatori c’è un oligarca molto vicino a Putin, Yevgeny Prigozhin, nel mirino di Bruxelles e con addosso una taglia dell’Fbi, che l’accusa di “coinvolgimento in una cospirazione per defraudare gli Stati Uniti, al fine di interferire con il suo sistema politico”.

Se Prigozhyn è l’uomo che tiene la cassa nelle retrovie, il fondatore Dmitri Utkin è il bersaglio mobile, quello più esposto. Dopo una carriera iniziata nell’intelligence sovietica e continuata in quella russa, si è ufficialmente ritirato dalla vita militare nel 2013, ma non hai mai deposto le armi, né perso la voglia di gettarsi nella mischia. Nel 2014 era a Lugansk a combattere contro un pezzo di se stesso, visto che faceva la guerra agli ucraini, e lui - sebbene da sovietico - in Ucraina è nato, nel 1970. Utkin ha scelto il nome Wagner per omaggiare il Terzo Reich, visto che - suo malgrado (visto che morì 50 anni prima che il Führer andasse al potere) - il compositore tedesco era nell’Olimpo dei nazisti. Insomma, il quadro è presto fatto: sono sfocati i contorni, non il cuore.


Il Gruppo Wagner si è espanso molto in Africa (Keystone)

Come funziona

Utkin e i suoi collaboratori scelgono tra gli ex militari di carriera, a cui fanno firmare un accordo di riservatezza di almeno dieci anni, c’è chi dice a vita, che può essere tanto oppure pochissimo, a seconda di chi impallina chi. Il loro compito nei più disparati scenari di guerra dovrebbe fermarsi all’addestramento e alla fornitura di equipaggiamento e supporto logistico: militari esperti che mettono a disposizione le loro conoscenze in cambio di denaro. Ma chi li ha visti in azione parla di uomini senza scrupoli che possono mettere in pratica tutto il manuale del guerriero 2.0: operazioni di intelligence e sabotaggio, blitz, conflitti lampo e guerre di posizione.

Quanti siano davvero non si sa: i mercenari, in quanto tali, si spostano, si danno al miglior offerente. Si dice che ai tempi del conflitto nel Donbass gli affiliati al Gruppo Wagner fossero 3-4 mila. Non un gruppetto di facinorosi, ma un esercito vero e proprio, con una spiccata preferenza per i combattenti slavi. Non a caso, quel che poco che si sa dell’organigramma si deve proprio a episodi collegati a miliziani serbi: ma come tutte le aziende che devono essere ovunque, eppure sfuggenti, la galassia del Gruppo Wagner è ben più ramificata di quanto non possa far credere la vicinanza con Putin. La società pare sia registrata in Argentina e gli ordini possono partire indifferentemente dal Lesotho, da Hong Kong o dallo Zimbabwe. Di certo, quando partono da Mosca hanno la precedenza.


Ai mercenari viene fatto firmare un accordo di segretezza (Keystone)

Il Cremlino al contrattacco

Il collegamento è talmente diretto che, l’Europa, sempre attenta a pestare i piedi a Putin solo quando non ne può proprio fare a meno, ha approvato all’unanimità un pacchetto di sanzioni per i mercenari della Wagner dopo che si è alzata la temperatura in Ucraina, dove la controparte - lì tutt’altro che fantasma, è la Russia –. Il passo successivo è un pacchetto di sanzioni direttamente alla Russia in caso di offensiva, che questa abbia gli stemmi degli eredi dell’Armata Rossa o non ne abbia nessuno. “Qualsiasi aggressione contro avrà un costo elevato per la Russia", ha fatto sapere Bruxelles. E la Russia, dopo nemmeno 24 ore, aveva già risposto, condannando le sanzioni contro il gruppo Wagner, e accusando l’Occidente, Stati Uniti compresi, di "isteria”.

Una volta per capire trame e intrecci complessi da sciogliere, che fossero omicidi, fatti di mafia, segreti di Stato, congiure internazionali, si usava sempre lo stesso metodo: “segui i soldi” (“follow the money”). Per capire gli interessi geostrategici dei russi si fa la stessa cosa, si corre dietro ai mercenari, che corrono dietro ai soldi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved