Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
2. tempo
(0-1)
Langnau
3
Lugano
6
2. tempo
(1-3 : 2-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
4
Bienne
2
2. tempo
(2-0 : 2-2)
Davos
3
Berna
2
2. tempo
(2-0 : 1-2)
Zugo
5
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 3-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
1
Langenthal
5
2. tempo
(0-3 : 1-2)
Sierre
3
GCK Lions
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
in-tutta-italia-scoperti-281-medici-no-vax
Keystone
03.12.2021 - 09:310
Aggiornamento : 17:57

In tutta Italia scoperti 281 medici no vax

In 126 al lavoro nonostante fossero sospesi per non aver rispettato l’obbligo vaccinale per i sanitari. Denunciati per esercizio abusivo della professione

Al lavoro senza essersi vaccinati oppure già sospesi in quanto non avevano rispettato l’obbligo vaccinale: sono 281 i medici scoperti dai carabinieri nell’ambito di una serie di controlli in tutta Italia con l’obiettivo di individuare il personale sanitario che continua a violare la normativa.

Le verifiche hanno riguardato oltre 1’600 strutture pubbliche e private e circa 4’900 posizioni di medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari, infermieri e fisioterapisti. Dei 281 medici scoperti, 126 erano già stati sospesi dagli ordini professionali proprio perché non vaccinati.

Nei confronti del personale sanitario trovato in servizio malgrado fosse già stato sospeso è scattata la denuncia per esercizio abusivo della professione sanitaria. Otto sono invece i medici di famiglia e i pediatri individuati tra Abruzzo, Sardegna, Campania e Lazio che non si erano immunizzati.

Il blitz dei carabinieri non ha riguardato solo il personale sanitario: le verifiche hanno infatti fatto scattare accertamenti anche nei confronti di diverse Aziende sanitarie locali (Asl) – in Calabria, Sicilia, Molise e provincia di Bolzano – per non aver preso provvedimenti amministrativi e disciplinari nei confronti del personale che non si era vaccinato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved